Sloveno/Seconda declinazione femminile

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search

Seconda declinazione femminile

(desinenza genitivo singolare -i)

esempio kokòš (gallina)

Declinazione di kokoš[modifica]

caso singolare duale plurale
1 kokoš kokoš-i kokoš-i
2 kokoš-i kokoš-i kokoš-i
3 kokoš-i kokoš-ma kokoš-im
4 kokoš kokoš-i kokoš-i
5 pri kokoš-i pri kokoš-ih pri kokoš-ih
6 s kokoš-jo s kokoš-ma s kokoš-mi

Il dativo e lo strumerntale duale possono avere la desinenza allungata, cioè -ima (kokoš-ima); sono corrette ambedue le forme.

Particolarità[modifica]

1) Quando la consonante terminale è preceduta da una -e- con valore di semisuono, tale -e- viene omessa durante la declinazione e si forma un gruppo consonantico. Se la prima consonante di tale gruppo è sonora, i casi che si formano con desinenze inizianti per consonante, cioè -jo (6° sing.), -ma (3° e 6° duale) e -mi (6° plur.) richiedono l'inserimento di una -i- tra la base e la desinenza, per esempio misel (pensiero) fa z mislijo, z mislima, z mislimi.

2) Va posta attenzione particolare alla mobilità degli accenti tonici che può essere di quattro tipi.

a) Alcune parole hanno l'accento mobile, cioè viene accentata la prima sillaba solo al nominativo ed all' accusativo singolare, tutti gli altri casi sono accentati sulla seconda sillaba (es. zìbel, zibèli [culla]).
b) Altre sono accentate sempre sulla seconda sillaba, ma sono poche (es. debèr, debrì [canalone]).
c) Molte sono le parole con accento stabile sulla stessa sillaba in tutti i casi come si vede dallo schema qui sopra (es: kokòš, ma anche perùt, spòved, luč [ala, confessione, lume]).
d) Ma bisogna tener conto che la maggioranza dei sostantivi di questa declinazione appartiene al gruppo con l'accento misto e segue lo schema riportato più sotto. Va detto per inciso che si tratta di parole monosillabiche il che porta spesso a includervi anche quei monosillabi (come il citato luč) che farebbero parte del gruppo precedente, cioè quello con accento fisso. Esempio stvar (cosa):
caso singolare duale plurale
1 stvàr stvar-ì stvar-ì
2 stvar-ì stvar-ì stvar-ì
3 stvàr-i stvar-èma stvar-èm
4 stvàr stvar-ì stvar-ì
5 pri stvàr-i pri stvar-èh pri stvar-èh
6 s stvar-jò s stvar-èma s stvar-mì

3) Va incluso in questo sottogruppo anche kri (sangue) di cui si usa solo il singolare:

caso singolare
1 krì
2 krvì
3 křvi (leggi kərvi con la ə accentata)
4 krì
5 pri křvi (leggi kərvi con la ə accentata)
6 s krvjò