Chimica per il liceo/Introduzione

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search

Introduzione[modifica]

Formazione del DNA

La chimica è la scienza che studia la struttura e la composizione della materia, le trasformazioni che essa subisce e l'energia coinvolta in tali trasformazioni (o reazioni chimiche). Storicamente viene preceduta dall'alchimia, praticata da popolazioni antiche (come gli Assiro-babilonesi) fino al '800 in Europa, che cercava di ottenere l'oro trasformando altre materie.

L'uomo ha da sempre cercato di trasformare la materia. Si credeva che il soggetto che fosse intenzionato a trasformare la materia, potesse intervenire nella trasformazione con il suo stato di coscienza ed è per questo che l'alchimia non è considerata una scienza; non c'è oggettività e i dati sperimentali, in una scienza, devono essere ripetibili se si ripristinano le condizioni originali.

I primi laboratori di chimica compaiono a fine '700, essi prevedevano un approccio scientifico ossia una descrizione della realtà oggettiva.

Per molti anni ha imperversato una concezione riduzionista che prevedeva, ad esempio, che il tutto di una cosa è la somma delle sue parti, non prendendo in considerazione l'interazione tra le parti.

Per esempio, mediante un approccio sensibile, ossia ciò che percepiamo attraverso i nostri sensi che è diverso dal reale stato delle cose, versando dell'elio liquido in un recipiente in terracotta fuoriesce; esso passa attraverso le discontinuità delle pareti mentre l'acqua non riesce a passare. A causa di questo genere di episodi il normale senso comune ci lascia percepire il recipiente come un insieme di parti compatte ed è ciò che percepiamo sensibilmente, ma l'elio liquido dimostra che la natura delle cose è diversa da come la percepiamo.

Chimica e fisica[modifica]

La chimica e la fisica sono due scienze che si occupano dello studio della realtà, l'una della realtà microscopica l'altra della realtà macroscopica. Una modificazione fisica della materia (della sua fase) non implica una modificazione chimica (cioè della sostanza di cui la materia è composta).