Elettronica pratica/Analisi di rete

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Introduzione
  1. Scopo di questo libroElettronica pratica/Scopo
  2. PrerequisitiElettronica pratica/Prerequisiti
  3. PrefazioneElettronica pratica/Prefazione
Capitolo 1. Basi di elettrotecnica
  1. Carica elettrica e legge di CoulombElettronica pratica/Carica elettrica e legge di Coulomb
  2. Celle elettricheElettronica pratica/Celle elettriche
  3. ResistoriElettronica pratica/Resistori
  4. CondensatoriElettronica pratica/Condensatori
  5. InduttoriElettronica pratica/Induttori
  6. PileElettronica pratica/Pile
  7. Altri componentiElettronica pratica/Altri componenti
  8. Leggi delle tensioni e correnti CCElettronica pratica/Leggi delle tensioni e correnti CC
  9. Analisi nodaleElettronica pratica/Analisi nodale
  10. Analisi di reteElettronica pratica/Analisi di rete
  11. Circuiti equivalenti Thevenin e NortonElettronica pratica/Circuiti equivalenti Thevenin e Norton
  12. Analisi circuitale in CCElettronica pratica/Analisi circuitale in CC
  13. Strumenti di misuraElettronica pratica/Strumenti di misura
  14. Rumore nei circuiti elettroniciElettronica pratica/Rumore nei circuiti elettronici
Capitolo 2. Circuiti in CA
  1. Corrente e tensione in CAElettronica pratica/Corrente e tensione in CA
  2. FasoriElettronica pratica/Fasori
  3. ImpedenzaElettronica pratica/Impedenza
  4. Stato stazionarioElettronica pratica/Stato stazionario
Capitolo 3. Analisi transitoria
  1. Circuito RCElettronica pratica/Circuito RC
  2. Circuito RLCElettronica pratica/Circuito RLC
Capitolo 4. Circuiti analogici
  1. Circuiti analogiciElettronica pratica/Circuiti analogici
  2. Valvole elettronicheElettronica pratica/Valvole elettroniche
  3. DiodiElettronica pratica/Diodi
  4. AmplificatoriElettronica pratica/Amplificatori
  5. Amplificatori operazionaliElettronica pratica/Amplificatori operazionali
  6. Moltiplicatori analogiciElettronica pratica/Moltiplicatori analogici
Capitolo 5. Circuiti digitali
  1. Circuiti digitaliElettronica pratica/Circuiti digitali
  2. Algebra BooleanaElettronica pratica/Algebra Booleana
  3. TTLElettronica pratica/TTL
  4. CMOSElettronica pratica/CMOS
  5. Circuiti integratiElettronica pratica/Circuiti integrati
Elementi dei circuiti digitali
  1. TransistoreElettronica pratica/Transistore
  2. Porte logiche fondamentaliElettronica pratica/Porte logiche fondamentali
  3. Flip-FlopElettronica pratica/Flip-Flop
  4. ContatoriElettronica pratica/Contatori
  5. SommatoriElettronica pratica/Sommatori
  6. MultiplatoriElettronica pratica/Multiplatori


Architettura dei computer
  1. RAM e ROMElettronica pratica/RAM e ROM
  2. RegistriElettronica pratica/Registri
  3. ALUElettronica pratica/ALU
  4. Unità di controlloElettronica pratica/Unità di Controllo
  5. I/O
Convertitori A/D e D/A
  1. Conversione A/D e D/AElettronica pratica/Conversione A/D e D/A
Appendice
  1. DefinizioniElettronica pratica/Definizioni
  2. FormuleElettronica pratica/Formule
  3. Passo di elaborazioneElettronica pratica/Passo di elaborazione (da collocare)

Maglie[modifica]

Una maglia (pure nominata anello) è semplicemente un percorso attraverso un circuito che inizia e termina nello stesso punto. Ai fini dell'analisi su base maglie, una maglia è un anello che non acclude altri anelli.

Analisi su base maglie[modifica]

L'analisi su base maglie, simile all'analisi su base nodi, è un procedimento formalizzato che si basa sulle equazioni della legge di Kirchoff delle tensioni. Un ammonimento: l'analisi su base maglie si può usare soltanto nei circuiti planari ( ).

Passi:

  1. Disegnare il circuito in forma planare (se possibile)
  2. Identificare le maglie e nominare le correnti della maglia. Le correnti della maglia dovrebbero essere nella direzione oraria. La corrente in un ramo condiviso da due maglie è la differenza delle due correnti.
  3. Scrivere una equazione KVL (Legge delle tensioni di Kirchoff) in termini delle correnti di maglia per ciascuna maglia.
  4. Risolvere il sistema di equazioni che ne deriva,


Difficoltà nell'analisi di maglia[modifica]

1. Sorgenti di tensione dipendenti.

Soluzione: La stessa procedura, però si scrive la variabile dipendente in termini di correnti di maglia.

2. Sorgenti di corrente indipendenti

Soluzione:Se la sorgente di corrente non si trova su un ramo condiviso, allora ci è stata data una delle correnti di maglia. Se si trova su un ramo condiviso, allora si usi una maglia maggiorata che cinga il ramo in questione. Ci si smarrisce a fare ciò per comporre l'equazione di maglia, si usi la relazione delle correnti di maglia implicata dalla sorgente di corrente (per es. ).

3.Sorgenti di corrente dipendenti Soluzione: La stessa procedura come quella della sorgente di corrente indipendente, peraltro con un passo in più per eliminare la variabile dipendente. Si scriva la variabile dipendente in termini di correnti di maglia.

Esempio[modifica]

Dato il seguente circuito, si trovino le correnti , .
Mesh1.png
Il circuito ha due maglie indicate sullo schema. Usando la legge delle tensioni si ottiene Loop1:
Loop2:
Semplificando si ottengono le equazioni simultanee:


risolviamo per ottenere