Taumaturgia messianica/Capitolo 24

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro

L'indemoniato, cieco e muto (Matteo 12:22-23)[modifica]

Matteo fornisce poi un resoconto di Gesù che guarisce un uomo cieco e muto indemoniato:

« In quel tempo gli fu portato un indemoniato, cieco e muto, ed egli lo guarì, sicché il muto parlava e vedeva. E tutta la folla era sbalordita e diceva: "Non è forse costui il figlio di Davide?" »
(Matteo 12:22-23)

Questo resoconto è simile a un precedente in cui Gesù guarì un uomo muto demonizzato (Matteo 9:32-34). Entrambi questi resoconti, insieme all'episodio dei demoniaci geraseni (Matteo 8:28-34), contengono il tema di Cristo che libera le persone dal regno demoniaco.

Quale enfasi distinta vediamo in quest'ultimo resoconto di Matteo 12:22-23? Ad accompagnare tale brano c'è una narrazione più completa dell'opposizione dei farisei:

« Ma i farisei, udendo questo, presero a dire: "Costui scaccia i demòni in nome di Beelzebùl, principe dei demòni". Ma egli, conosciuto il loro pensiero, disse loro: "Ogni regno discorde cade in rovina e nessuna città o famiglia discorde può reggersi. Ora, se satana scaccia satana, egli è discorde con se stesso; come potrà dunque reggersi il suo regno? E se io scaccio i demòni in nome di Beelzebùl, i vostri figli in nome di chi li scacciano? Per questo loro stessi saranno i vostri giudici. Ma se io scaccio i demòni per virtù dello Spirito di Dio, è certo giunto fra voi il regno di Dio. Come potrebbe uno penetrare nella casa dell'uomo forte e rapirgli le sue cose, se prima non lo lega? Allora soltanto gli potrà saccheggiare la casa. Chi non è con me è contro di me, e chi non raccoglie con me, disperde. Perciò io vi dico: Qualunque peccato e bestemmia sarà perdonata agli uomini, ma la bestemmia contro lo Spirito non sarà perdonata. A chiunque parlerà male del Figlio dell'uomo sarà perdonato; ma la bestemmia contro lo Spirito, non gli sarà perdonata né in questo secolo, né in quello futuro.
Se prendete un albero buono, anche il suo frutto sarà buono; se prendete un albero cattivo, anche il suo frutto sarà cattivo: dal frutto infatti si conosce l'albero. Razza di vipere, come potete dire cose buone, voi che siete cattivi? Poiché la bocca parla dalla pienezza del cuore. L'uomo buono dal suo buon tesoro trae cose buone, mentre l'uomo cattivo dal suo cattivo tesoro trae cose cattive. Ma io vi dico che di ogni parola infondata gli uomini renderanno conto nel giorno del giudizio; poiché in base alle tue parole sarai giustificato e in base alle tue parole sarai condannato".
Allora alcuni scribi e farisei lo interrogarono: "Maestro, vorremmo che tu ci facessi vedere un segno". Ed egli rispose: "Una generazione perversa e adultera pretende un segno! Ma nessun segno le sarà dato, se non il segno di Giona profeta. Come infatti Giona rimase tre giorni e tre notti nel ventre del pesce, così il Figlio dell'Uomo resterà tre giorni e tre notti nel cuore della terra. Quelli di Nìnive si alzeranno a giudicare questa generazione e la condanneranno, perché essi si convertirono alla predicazione di Giona. Ecco, ora qui c'è più di Giona! La regina del sud si leverà a giudicare questa generazione e la condannerà, perché essa venne dall'estremità della terra per ascoltare la sapienza di Salomone; ecco, ora qui c'è più di Salomone!
Quando lo spirito immondo esce da un uomo, se ne va per luoghi aridi cercando sollievo, ma non ne trova. Allora dice: Ritornerò alla mia abitazione, da cui sono uscito. E tornato la trova vuota, spazzata e adorna. Allora va, si prende sette altri spiriti peggiori ed entra a prendervi dimora; e la nuova condizione di quell'uomo diventa peggiore della prima. Così avverrà anche a questa generazione perversa".
Mentre egli parlava ancora alla folla, sua madre e i suoi fratelli, stando fuori in disparte, cercavano di parlargli. Qualcuno gli disse: "Ecco di fuori tua madre e i tuoi fratelli che vogliono parlarti". Ed egli, rispondendo a chi lo informava, disse: "Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli?". Poi stendendo la mano verso i suoi discepoli disse: "Ecco mia madre ed ecco i miei fratelli; perché chiunque fa la volontà del Padre mio che è nei cieli, questi è per me fratello, sorella e madre". »
(Matteo 12:24-50)

La polarità tra i due regni, il regno di Dio e il regno di Satana, è chiaramente sottolineata. In questo contesto, Gesù avverte i farisei che le loro stesse parole li condannano. Sono loro stessi dalla parte sbagliata del conflitto.

La polarità tra i due regni ha le sue radici nel reame dei poteri spirituali invisibili, con Dio da una parte e i demoni dall'altra. Ma l'opposizione dei farisei indica che il conflitto si estende anche al reame umano. Un essere umano può essere oppresso dai demoni, con il risultato che non può né vedere né parlare. Ma l'essere umano può anche posizionarsi con il proprio pensiero in opposizione a Dio e al suo regno, fino a bestemmiare contro lo Spirito Santo (v. 32). L'opposizione più profonda a Dio si trova non solo nella debilità fisica, ma nella debilità del cuore, che si manifesta nella debilità delle proprie parole.

In effetti, "debilità" è una parola troppo debole. Le persone non sono semplicemente deboli o malate; sono ribelli contro Dio. Sono spiritualmente morti (Efesini 2:1,5). La cecità fisica, come abbiamo precedentemente sottolineato, può simboleggiare la cecità spirituale. L'uomo indemoniato era fisicamente cieco e muto. I farisei non erano demonizzati allo stesso modo, ma si mostrarono spiritualmente ciechi. Ed erano muti riguardo all'esprimere le verità del regno di Dio. Erano peggio che muti; parlarono contro Dio e il suo regno.

La lotta culminante dei due regni si trova nella crocifissione e nella risurrezione. Satana diede energia a Giuda il traditore e a coloro che tramavano per arrestare e uccidere Gesù (Matteo 26:3-4,14-16). A differenza di Luca 22:3,22:53 e Giovanni 13:27, Matteo non menziona esplicitamente la presenza di Satana durante il processo e la crocifissione. Ma possiamo dedurre la presenza di uno sfondo demoniaco dalla polarità dei due regni in Matteo 12:24-37. Gesù conseguì nella sua crocifissione e risurrezione il trionfo decisivo su Satana. Come rappresentante del suo popolo, lo liberò una volta per tutte dal regno di Satana. Egli "depreda l'uomo forte" (vedi Matteo 12:29) con la sua risurrezione ancora più a fondo di quanto non abbia fatto con i suoi esorcismi durante il suo ministero terreno.

La vittoria di Gesù su Satana sottolinea la grandezza della potenza di Dio. Il regno di Dio e il regno di Satana non sono regni uguali. Satana non è un secondo "dio" paragonabile al vero Dio. Satana è potente, ma è solo una creatura. La sua ribellione contro Dio non può avere successo. I demoni sono soggetti all'autorità di Cristo. Satana e i suoi agenti malvagi provocarono la crocifissione di Cristo. Ma la mano di Dio diresse l'intero processo e portò la salvezza attraverso gli stessi eventi che Satana intendeva usare per il male:

« ...quest'uomo [Gesù], quando vi fu dato nelle mani per il determinato consiglio e la prescienza di Dio, voi, per mano di iniqui, inchiodandolo sulla croce, lo uccideste; ma Dio lo risuscitò, avendolo sciolto dagli angosciosi legami della morte, perché non era possibile che egli fosse da essa trattenuto. »
(Atti 2:23-24)

Come al solito, possiamo riassumere il significato della guarigione dell'uomo demonizzato usando il Triangolo di Clowney (si veda fig. 39).

Applicazione[modifica]

L'opera di Cristo si applica a noi quando siamo liberati dalla schiavitù del regno mondano delle tenebre, su cui regna Satana (1 Giovanni 5:19):

« È lui infatti che ci ha liberati dal potere delle tenebre e ci ha trasferiti nel regno del suo Figlio diletto, per opera del quale abbiamo la redenzione, la remissione dei peccati. »
(Colossesi 1:13-14)

Dovremmo celebrare la tale liberazione con lodi e rallegrarci del fatto che Satana sia un nemico sconfitto.

Searchtool.svg Per approfondire, vedi Ecco l'uomo, Indagine Post Mortem, Noli me tangere e Serie cristologica.