Taumaturgia messianica/Capitolo 33

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro

Gesù paga il tributo (Matteo 17:24-27)[modifica]

Una moneta fu trovata miracolosamente nella bocca di un pesce:

« Venuti a Cafarnao, si avvicinarono a Pietro gli esattori della tassa per il tempio e gli dissero: "Il vostro maestro non paga la tassa per il tempio?". Rispose: "Sì". Mentre entrava in casa, Gesù lo prevenne dicendo: "Che cosa ti pare, Simone? I re di questa terra da chi riscuotono le tasse e i tributi? Dai propri figli o dagli altri?". Rispose: "Dagli estranei". E Gesù: "Quindi i figli sono esenti. Ma perché non si scandalizzino, va' al mare, getta l'amo e il primo pesce che viene prendilo, aprigli la bocca e vi troverai una moneta d'argento. Prendila e consegnala a loro per me e per te". »
(Matteo 17:24-27)

R. T. France interpreta questo episodio affermando che si conclude non con un miracolo, bensì con un commento ironico di Gesù (R. T. France, The Gospel of Matthew, 2007, pp. 667, 671). France crede che il commento di Gesù non sia inteso come istruzione letterale a Pietro, ma piuttosto come un commento sulla mancanza di risorse da parte della banda apostolica. Quindi, a suo avviso, Pietro non andò mai a cercare un pesce con una moneta in bocca. Questa visione è corretta?

A sostegno della sua opinione, France sottolinea che ci sono antiche storie popolari sul trovare qualcosa di prezioso in un pesce. Ma l'esistenza di tali storie dice poco sul fatto se la storia di Matteo sia intesa come una sorta di allusione immaginaria a queste storie o se sia un'analogia reale di vita. Anche le storie immaginarie o esagerate possono incarnare sogni che esprimono il desiderio di soluzioni redentrici alle nostre difficoltà. Di fronte a questi sogni, Gesù porta la vera redenzione. Quindi penso che abbiamo qui un vero miracolo. Va anche notato che Matteo non parla del vero miracolo, ma interrompe la narrazione subito dopo il discorso di Gesù a Pietro. Così facendo, la narrazione mantiene l'attenzione sulla questione teologica dello status dei figli, piuttosto che sul miracolo stesso.

Significato della Moneta nella bocca del pesce[modifica]

Gli scettici hanno espresso i loro dubbi soprattutto in questo caso riguardo al miracolo con la moneta. Questo miracolo sembra loro più arbitrario e meno legato ai più ampi propositi del regno di Dio. I casi di guarigione esprimono la compassione di Gesù per i malati e gli indemoniati. Questo miracolo sembra essere molto meno utile, o forse anche egoistico: ha semplicemente fornito a Gesù e a Pietro del denaro, che meno convenientemente avrebbe potuto essere fornito dalla borsa comune (Giovanni 12:6).

Ma uno sguardo più attento all'episodio rivela indizi del suo significato. Questo particolare episodio non si concentra sul miracolo della moneta ma sulla discussione che ha portato al miracolo: "Il vostro maestro non paga la tassa per il tempio?" (Matteo 17:24). Gesù indicò che Pietro e gli altri "figli" del re sono "esenti". Il loro status di figli li ha resi esenti, liberi.

Gesù stava usando un'analogia tra il regno di Dio e i regni di questo mondo. Nel regno di Dio, Dio è il re e i discepoli sono i Suoi figli. Hanno il privilegio dell'intimità con Dio, e questa intimità sostituisce il tempio fisico e il suo bisogno di mantenimento fisico. Gesù stesso è la via verso Dio (Giovanni 14:6) e il vero tempio (Giovanni 2:21). Il suo nome, Emmanuele, significa "Dio con noi" (Matteo 1:23). I discepoli hanno intimità con Dio attraverso di lui. Dio "ci ha liberati dal potere delle tenebre e ci ha trasferiti nel regno del suo Figlio diletto, 14 per opera del quale abbiamo la redenzione, la remissione dei peccati" (Colossesi 1:13-14).

Quindi, concluse Gesù, i suoi discepoli, in quanto figli del regno, sono "esenti". Ma se, per evitare offese, i figli vogliono comunque pagare, Dio il Re ha molte risorse che dona ai suoi figli. Il miracolo ha un doppio significato simbolico. Innanzitutto, conferma l'affermazione di Gesù che egli ha uno status unico come Figlio di Dio. Implica anche che i suoi seguaci, tramite la loro relazione con lui, ereditano uno status analogo. Anche loro sono figli, grazie alla loro relazione con lui. In secondo luogo, il miracolo mostra che Dio può fornire direttamente qualsiasi risorsa appropriata. "E il mio Dio, a sua volta, colmerà ogni vostro bisogno secondo la sua ricchezza con magnificenza in Cristo Gesù" (Filippesi 4:19).

Tutte le risorse del mondo appartengono a Dio, teologicamente parlando. Ma un provvedimento miracoloso di Dio sottolinea il privilegio della filiazione. Mostra più vividamente la generosità delle risorse di Dio e la Sua disponibilità a fornirle ai Suoi figli. La lezione è simile a quella che Gesù dà quando dice ai suoi discepoli di cercare prima il regno di Dio:

« Non affannatevi dunque dicendo: Che cosa mangeremo? Che cosa berremo? Che cosa indosseremo? Di tutte queste cose si preoccupano i pagani; il Padre vostro celeste infatti sa che ne avete bisogno. Cercate prima il regno di Dio e la sua giustizia, e tutte queste cose vi saranno date in aggiunta. »
(Matt. 6:31-33 [1])

Una drammatica reiterazione di questo principio era opportuna nel contesto della tassa del tempio. Il tempio era il tempio di Dio. Come tale, prefigurava Cristo, il cui corpo è il tempio (Giovanni 2:21). E subordinatamente prefigura l'intimità con Dio e l'accesso a Dio che i "figli" del re ricevono in virtù del ricevere la filiazione tramite Gesù, il Figlio Unico di Dio.

Il miracolo è dunque un miracolo che parla di risorse divine date ai figli del re dell'universo. Anticipa il momento culminante della benedizione attraverso la morte e la risurrezione di Cristo. Le "risorse" ultime sono le ricchezze della salvezza in Cristo.

Come al solito, possiamo riassumere questo significato usando il Triangolo di Clowney con la fig. 47.

Applicazione[modifica]

Il brano si applica a noi che siamo stati adottati come figli di Dio mediante la fede in Gesù. Siamo figli del re. Abbiamo intimità con Dio e uno status straordinario, non per nostro merito, ma attraverso la comunione con Gesù, che è l'unico Figlio di Dio:

« Ma quando venne la pienezza del tempo, Dio mandò il suo Figlio, nato da donna, nato sotto la legge, per riscattare coloro che erano sotto la legge, perché ricevessimo l'adozione a figli. E che voi siete figli ne è prova il fatto che Dio ha mandato nei nostri cuori lo Spirito del suo Figlio che grida: ‘Abbà, Padre!’ Quindi non sei più schiavo, ma figlio; e se figlio, sei anche erede per volontà di Dio. »
(Galati 4:4-7)

Il passo implica anche che coloro che sono ancora al di fuori di Cristo dovrebbero venire a lui per diventare suoi figli adottivi.

Masaccio 012.jpg
Ingrandisci
Pietro prende il pesce con la moneta (particolare) di Masaccio (1425)
Searchtool.svg Per approfondire, vedi Noli me tangere, Ecco l'uomo e Serie cristologica.