Taumaturgia messianica/Capitolo 6

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro

Ragionamento tipologico sui miracoli[modifica]

Come comprendiamo le analogie tra i miracoli dei Vangeli e il grande miracolo della risurrezione di Cristo? Nel caso di alcuni miracoli, come la risurrezione di Lazzaro, il collegamento con la risurrezione di Cristo è diretto. In un altro caso, la moltiplicazione dei pani, i collegamenti espliciti nel Vangelo di Giovanni tra il miracolo e il discorso di Gesù sul pane della vita sono di grande aiuto. Ma cosa accadrebbe se avessimo solo i resoconti della moltiplicazione dei pani dai Vangeli sinottici (Matteo 14:13-21; Marco 6:30-44; Luca 9:10-17)? I Vangeli sinottici non offrono un commento altrettanto esplicito sul significato del miracolo. Allora come procediamo?

Il Triangolo di Clowney[modifica]

Potremmo trovare aiuto riflettendo sul problema di come interpretare i vari tipi. In parole povere, un tipo (come termine tecnico in teologia) è un simbolo terreno di una verità celeste, che indica un compimento.[1] Il teologo Edmund Clowney ha sviluppato un diagramma a forma di triangolo per riassumere come interpretare i tipi nell'Antico Testamento.[2]

I miracoli di Gesù nei Vangeli hanno alcune affinità con questi tipi nell'Antico Testamento. Quindi possiamo applicare le stesse intuizioni a loro. Il Triangolo di Clowney per la tipologia è mostrato nella figura 11.[3]

In questo triangolo, S è il simbolo (come il sacrificio animale). T1 è la verità simboleggiata dal simbolo all'interno del proprio contesto storico e culturale. Il sacrificio animale simboleggia il perdono e la riconciliazione ottenuti attraverso la morte di un sostituto innocente. Da T1 una freccia punta in avanti verso un altro elemento, Tn. Tn significa "verità all'ennesima potenza", il compimento culminante della verità in Cristo. Nel caso del sacrificio animale, la verità riguarda il fatto che Cristo è morto come nostro sostituto, per portare il perdono dei peccati e la riconciliazione con Dio. Il simbolo S è un tipo, che indica il compimento in Cristo rappresentato da Tn. La linea diagonale da S a Tn è di conseguenza etichettata come "Riferimento tipologico". Quando applicata ai sacrifici animali come tipo, il Triangolo di Clowney è rappresentato in fig. 12.

Il punto principale nell'uso del Triangolo di Clowney è procedere nelle nostre riflessioni utilizzando due fasi anziché una. Nella Fase 1 pensiamo al lato verticale del triangolo, spostandoci dal simbolo S alla verità che rappresenta, T1. Nella Fase 2 si va avanti nella storia fino al compimento in una manifestazione culminante di verità, Tn. In questo modo si cerca di rendere giustizia al modo in cui il simbolo funziona nel suo contesto storico originario (S in relazione a T1). Al contrario, chi "salta" direttamente da un simbolo al compimento in Cristo può finire per farlo in modo artificioso o arbitrario, perché non presta attenzione al significato che il simbolo aveva anche in epoca precedente. Il presunto "significato" che trova, si distacca poi dal significato che era stato compreso quando il simbolo fu dato per la prima volta.

Ad esempio, quando una persona legge del legno nell'Antico Testamento, potrebbe fare un "salto" direttamente alla croce di Cristo. È pur vero che la croce era di legno. Ma dobbiamo chiederci come la menzione del legno nell'Antico Testamento servì alle persone a cui Dio stava parlando in quel momento. Deuteronomio 29:17 cita "idoli di legno e pietra". In tale versetto, il punto del legno – e della pietra – è che è stolto fare idoli e adorare qualcosa che è stato fatto, qualcosa di creato. Perdiamo il vero significato se facciamo solo un "salto". Cristo morì su una croce di legno, ma non è appropriato vedere un riferimento diretto alla croce in questa ricorrenza del legno. Il processo in due fasi ci incoraggia, nella prima fase, a non lasciarci sviare ma a chiedere cosa stava dicendo Dio nel contesto originale.

Come abbiamo visto nel Capitolo precedente, il compimento della redenzione in Cristo ha una relazione organica con l’applicazione della redenzione ai credenti. Se lo desideriamo, possiamo aggiungere un'altra parte al triangolo di Clowney, per ricordare a noi stessi l'importanza dell'applicazione.[4] L'applicazione può essere rappresentata da una linea che si muove verso il basso dal compimento in Cristo, come in fig. 13.

Il Triangolo di Clowney e la Moltiplicazione dei pani[modifica]

Gli stessi principi si applicano ai miracoli di Gesù nei Vangeli. Come abbiamo visto, i miracoli sono "segni". Indicano significati su Gesù e la sua redenzione. Le persone che hanno osservato i miracoli durante la vita terrena di Gesù potrebbero capirne parte del significato, almeno se avessero discernimento spirituale. Il significato poi si sviluppò ulteriormente man mano che la storia avanzava verso la crocifissione e la risurrezione di Cristo.

In questa situazione, il miracolo stesso, come la moltiplicazione dei pani e dei pesci, è il simbolo S. Il significato del miracolo che è discernibile in quel momento è il suo contenuto di verità, T1. Nel caso della moltiplicazione per i 5000, questo significato è che Dio attraverso Gesù fornisce nutrimento spirituale, non solo cibo per lo stomaco (il simbolo). La verità culminante Tn è il significato visto alla luce della crocifissione e risurrezione di Gesù. Gesù stesso è il cibo, e il cibo che offre viene sulla base della sua morte sacrificale e della sua risurrezione, così che mediante la comunione con lui godiamo della vita eterna che ha nel suo stato risorto. Possiamo quindi compilare il diagramma a triangolo che si applica all'alimentazione dei 5000, come nella figura 14.

Come sappiamo che l'alimentazione con il pane fisico simboleggia l'alimentazione con il cibo spirituale (la gamba verticale del triangolo)? In Giovanni 6 lo sappiamo perché Gesù ne ha esplicitato il significato nel suo discorso sul pane della vita. Ma le persone avrebbero potuto capire la stessa cosa solo con le informazioni fornite loro in uno dei resoconti dei Vangeli sinottici?

Lo sfondo nell'Antico Testamento ci aiuta. Testi multipli fanno da sfondo per la moltiplicazione dei pani per i 5000. Dio diede la manna a Israele nel deserto (cfr. Esodo 16:9-36). Egli collegò esplicitamente la manna con il principio del vivere secondo la parola di Dio: "l'uomo non vive soltanto di pane, ma vive di quanto esce dalla bocca del Signore" (Deuteronomio 8:3). Dio permise al profeta Eliseo di presiedere a una speciale moltiplicazione dei pani, nella quale cento uomini furono nutriti con "venti pani d'orzo e alcune spighe di frumento nel loro guscio" (2 Re 4:42). Tramite Elia, Dio diede una provvigione miracolosa alla vedova di Sarepta (1 Re 17:8-16). Tramite Eliseo portò sollievo dalla carestia (2 Re 7:1-20).

Tutti questi resoconti combaciano con un quadro più ampio in cui Dio promette di essere il provveditore onnisufficiente dei bisogni di coloro che si fidano di Lui. Il contesto del carattere di Dio mostra che il provvedere ai bisogni fisici esprime un impegno più profondo da parte di Dio a provvedere a tutti i bisogni. E i bisogni più profondi sono spirituali. Nonostante l'elargizione di manna, la maggior parte del popolo d'Israele morì nel deserto a causa della sua incredulità. Avevano bisogno di un cambiamento di cuore, non solo di cibo per il loro stomaco.

Così l'Antico Testamento fornisce un contesto per comprendere il significato di Gesù e il significato della sua opera. Dato tale contesto, la distribuzione di cibo fisico da parte di Gesù funge da simbolo per l'appagamento completo del bisogno. La fame di cibo fisico indica naturalmente la fame più profonda di nutrimento spirituale. Il discorso esplicito di Giovanni 6 sul pane della vita fa emergere ciò che è già implicito nel significato della moltiplicazionedei pani.

L'utilizzo del Triangolo di Clowney è importante per guidarci a discernere il significato incorporato in un miracolo invece di imporgli un significato in modo arbitrario. Il primo lato del triangolo, la freccia verticale, che rappresenta la Fase 1 nel processo di analisi, interroga il significato di un miracolo nel suo contesto immediato e nel contesto dell'Antico Testamento. Ogni miracolo è un miracolo in un contesto. Non è semplicemente una storia indipendente, che potrebbe essere usata per illustrare un principio di redenzione indipendentemente dall'origine della storia o dalla sua storicità.

Come passaggio finale, possiamo aggiungere al Triangolo di Clowney il ruolo dell’applicazione. Riceviamo Gesù come pane della vita quando confidiamo in lui e siamo uniti a lui per la salvezza. Mentre continuiamo a credere in lui, continuiamo a nutrirci di lui. Si veda fig. 15.

La guarigione del cieco nato[modifica]

Possiamo usare di nuovo il Triangolo di Clowney osservando il miracolo della guarigione dell'uomo cieco nato, come riportato in Giovanni 9.

Innanzitutto, nella Fase 1, rappresentata dal lato verticale del Triangolo di Clowney, ci chiediamo il significato del miracolo nel suo contesto immediato. Gesù disse: "Io sono la luce del mondo" (Giovanni 9:5; cfr. 8:12). E alla fine Giovanni 9 affronta direttamente il problema della cecità spirituale da parte dei leader ebrei (9:39-41). Quindi è chiaro che la guarigione fisica, che ripristina la vista fisica, simboleggia la guarigione spirituale che ripristina la vista spirituale.

In secondo luogo, consideriamo la Fase 2, rappresentata dal lato orizzontale del Triangolo di Clowney. Questa fase considera come il significato indichi un compimento culminante nella morte e risurrezione di Cristo. Questa fase non è troppo difficile, perché la crocifissione e la risurrezione formano due fasi della rivelazione culminante del significato di Cristo e della sua vita, e del significato redentore della sua persona e della sua opera. La risurrezione mostra la gloria del Padre e del Figlio.

Mettendo insieme queste due fasi, arriviamo a un riassunto come rappresentato in fig. 15bis.

Possiamo inoltre aggiungere un'applicazione al triangolo (cfr. fig. 16). Come si applica la luce di Cristo ai credenti? I credenti ricevono luce quando guardano con fede a Cristo, che fu innalzato sulla croce e poi risorto (Giovanni 3:14-15).

Giovanni Lanfranco - Miracle of the Bread and Fish - WGA12454.jpg
Ingrandisci
Moltiplicazione dei pani e dei pesci, di Giovanni Lanfranco (1623)

Note[modifica]

Searchtool.svg Per approfondire, vedi Ecco l'uomo, Gesù e il problema di una vita, Indagine Post Mortem e Serie cristologica.
  1. Cfr. Père Édouard Cothenet, Typologie biblique. De quelques figures vives, Parigi, Éd. du Cerf, coll. « Lectio divina », Hors série, 2002; Jean Daniélou, SJ, Sacramentum futuri, Études sur les origines de la typologie biblique, ed. Beauchesne, Parigi, 1950.
  2. Edmund P. Clowney, Preaching and Biblical Theology (Grand Rapids, MI: Eerdmans, 1961), 110.
  3. Per tutte le figure, cfr. Appendice B. Le didascalie sono lasciate nell'originale (EN) .
  4. Credo che qualcuno dopo Edmund Clowney abbia avuto l'idea di aggiungere al triangolo un'altra linea, che indicasse l'applicazione. Non sono sicuro di chi l'abbia fatto per primo.