Taumaturgia messianica/Capitolo 5

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro

Il modello applicativo della Redenzione[modifica]

Consideriamo ora come i miracoli registrati nei Vangeli influiscano sulla vita delle persone di oggi. Per comprendere il legame dei Vangeli con l'oggi, è meglio prima fare un passo indietro e considerare la natura stessa della redenzione, secondo il piano di Dio.

Redenzione compiuta e applicata[modifica]

I teologi distinguono tra il compimento della redenzione e la sua applicazione (Murray, 1955). Il compimento della redenzione include tutti gli eventi dell'incarnazione, vita, morte e risurrezione di Cristo. Cristo compì la redenzione attraverso la sua opera. L’applicazione della redenzione descrive l'opera di Cristo mediante lo Spirito Santo nel trasformare gli individui dalle tenebre alla luce, dal potere di Satana a Dio (Atti 26:18), in modo che siano uniti a Cristo in modo vivificante. Cominciano a vivere per Dio piuttosto che per se stessi. Include anche l'opera di Dio nella chiesa come comunità dei fedeli (1 Corinzi 12). Questa applicazione si estende fino ad oggi. Le persone oggi ricevono la vita eterna attraverso la fede in Cristo. Ricevono la vita mediante lo Spirito Santo, che li unisce a Cristo.

L'applicazione della redenzione include l'intera vita di ogni credente cristiano sulla terra, vista dalla prospettiva di ciò che Dio fa nella sua vita: "Siamo infatti opera sua, creati in Cristo Gesù per le opere buone che Dio ha predisposto perché noi le praticassimo" (Efesini 2:10). L'applicazione della redenzione include anche le opere di Dio nei credenti dopo la morte corporea. Continuano ad essere uniti a Cristo e a vivere alla sua presenza, in attesa della risurrezione dei morti (Filippesi 1:21-13). Nell'ultimo giorno, Dio risuscita i credenti dai morti e dona loro corpi trasfigurati e immortali (1 Corinzi 15:50-57). Questa risurrezione corporea degli individui va di pari passo con il rinnovamento della creazione e l'apparizione della chiesa in forma gloriosa come sposa di Cristo (Apocalisse 19:7-9;21:2,9).

Il compimento della redenzione e la sua applicazione vanno di pari passo. Sono come due facce della stessa medaglia. Quando Cristo compì la redenzione, la compì affinché le persone potessero effettivamente essere salvate. Vale a dire, il compimento implica l'applicazione. Alla fine, il compimento della salvezza non serve a nulla se non viene applicata a qualcuno. Anche il concetto stesso di salvezza implica che qualcuno verrà salvato. La salvezza deve arrivare alle persone che si sono perse, e quando viene applicata a loro non sono più perse.

Al contrario, l'applicazione della redenzione presuppone il suo compimento. Le persone possono ottenere la salvezza solo se Dio ha già fornito una base per superare l'inimicizia e la colpa che appartengono alla nostra condizione decaduta e peccaminosa. La base per superare la nostra condizione è l'effettivo compimento della salvezza. Come abbiamo già osservato, questa base era già presupposta quando le persone ricevettero l'applicazione della redenzione durante il periodo dell'Antico Testamento. In quel periodo, in modo misterioso, Dio applicò in anticipo ai santi la realizzazione di Cristo. Tale risultato doveva ancora essere compiuto nella storia, al momento opportuno (Galati 4:4; 1 Timoteo 2:6; 2 Timoteo 1:10), ma era già certo secondo il piano di Dio.

Unione con Cristo[modifica]

Il compimento e l'applicazione della redenzione vanno insieme ancora più strettamente a causa del modo in cui si incontrano nell'insegnamento biblico in merito all’unione con Cristo. La Bibbia indica che tutte le benedizioni che giungono a noi nella salvezza, vengono a noi "in Cristo":

« Benedetto sia Dio, Padre del Signore nostro Gesù Cristo, che ci ha benedetti con ogni benedizione spirituale nei cieli, in Cristo»
(Efesini 1:3)

Cristo non è solo fonte di benedizioni; è l'essere umano rappresentativo la cui opera e vittoria si riflettono in coloro che egli rappresenta. Cristo è morto ed è risorto. Noi che confidiamo in Cristo siamo morti e risorti con lui:

« Se pertanto siete morti con Cristo agli elementi del mondo... »
(Colossesi 2:20)
« Se dunque siete risorti con Cristo, cercate le cose di lassù, dove si trova Cristo assiso alla destra di Dio. »
(Colossesi 3:1)
« Con lui ci ha anche risuscitati e con lui ci ha fatti sedere nei cieli, in Cristo Gesù... »
(Efesini 2:6)

L'applicazione della redenzione include l'applicazione del modello della morte e risurrezione di Cristo a ciascun credente.

Forme dell'applicazione dell'opera di Cristo[modifica]

Il modello di morte e risurrezione inizia con Cristo stesso, che è il nostro rappresentante. Il modello è effettivamente applicato a noi al momento della conversione e del battesimo:

« O ignorate forse che tutti noi, che siamo stati battezzati in Cristo Gesù, siamo stati battezzati nella sua morte? Siamo dunque stati sepolti con lui mediante il battesimo nella sua morte, affinché, come Cristo è stato risuscitato dai morti mediante la gloria del Padre, così anche noi camminassimo in novità di vita. »
(Romani 6:3-4)

Romani 6 prosegue esponendo le ulteriori implicazioni dell'applicazione a noi del modello di morte e risurrezione:

« Perché se siamo stati totalmente uniti a lui in una morte simile alla sua, lo saremo anche in una risurrezione simile alla sua. Sappiamo infatti che il nostro vecchio uomo è stato crocifisso con lui affinché il corpo del peccato fosse annullato e noi non serviamo più al peccato; infatti colui che è morto è libero dal peccato. Ora, se siamo morti con Cristo, crediamo pure che vivremo con lui, sapendo che Cristo, risuscitato dai morti, non muore più; la morte non ha più potere su di lui. Poiché il suo morire fu un morire al peccato, una volta per sempre; ma il suo vivere è un vivere a Dio. Così anche voi fate conto di essere morti al peccato, ma viventi a Dio, in Cristo Gesù.
Non regni dunque il peccato nel vostro corpo mortale per ubbidire alle sue concupiscenze. »
(Romani 6:5-12)

Il modello della vita di Cristo ci viene applicato in modo decisivo all'inizio della vita cristiana, affinché la nuova vita sia davvero nuova. Siamo morti al vecchio modo di vivere e viviamo ora per la potenza della risurrezione di Cristo. Ma la Bibbia indica anche che il modello di vita, morte e risurrezione, viene applicato non solo una volta per tutte all'inizio, bensì quotidianamente:

« Siamo infatti tribolati da ogni parte, ma non schiacciati; siamo sconvolti, ma non disperati; perseguitati, ma non abbandonati; colpiti, ma non uccisi, portando sempre e dovunque nel nostro corpo la morte di Gesù, perché anche la vita di Gesù si manifesti nel nostro corpo. Sempre infatti, noi che siamo vivi, veniamo esposti alla morte a causa di Gesù, perché anche la vita di Gesù sia manifesta nella nostra carne mortale. Di modo che in noi opera la morte, ma in voi la vita. »
(2 Corinzi 4:8-12)
« ...E questo perché io possa conoscere lui, la potenza della sua risurrezione, la partecipazione alle sue sofferenze, diventandogli conforme nella morte, con la speranza di giungere alla risurrezione dai morti. »
(Filippesi 3:10-11)

L'applicazione finale di questo modello di morte e vita arriva al momento della risurrezione corporea:

« Così anche la risurrezione dei morti: si semina corruttibile e risorge incorruttibile... E come abbiamo portato l'immagine dell'uomo di terra [Adamo], così porteremo l'immagine dell'uomo celeste. »
(1 Corinzi 15:42, 49)

Pertanto, ci sono diversi casi dello stesso modello, tutti originati dalla morte e risurrezione di Cristo:

  1. La morte e la risurrezione di Cristo, una volta per tutte nella storia.
  2. La morte e risurrezione spirituale del credente, all'inizio della vita cristiana, come significata dal battesimo.
  3. Il cammino quotidiano del credente con Cristo, che comporta l'esperienza della morte e della risurrezione in unione con lui.
  4. La resurrezione finale del corpo.

Tutti questi aspetti della salvezza servono a mostrare la gloria di Dio, e si traducono nella lode che Gli viene data (Romani 11:33-36; 1 Corinzi 10:31; Apocalisse 4:11; 19:6-7) . I diversi aspetti della salvezza si svolgono a beneficio delle persone che sono salvate. Ma il vantaggio per noi non è l'unico scopo, o anche lo scopo principale, degli eventi. Se lo fosse, implicherebbe che Dio e Cristo esistono solo per servire l'uomo. Questo è l'esatto contrario della verità. Siamo stati creati da Dio per servirLo e onorarLo. Siamo creati in modo tale da trovare la nostra più alta gioia nel servirLo e nell'onorarLo. Il nostro servizio è davvero un beneficio meraviglioso e spettacolare per noi, ma serve principalmente alla gloria e lode di Dio.

Connessioni coi miracoli nei Vangeli[modifica]

Ora possiamo considerare come i miracoli dei Vangeli abbiano una connessione organica con noi. I miracoli raffigurano la redenzione di Cristo. Prefigurano la sua opera nella crocifissione e risurrezione, proprio come i tipi dell'Antico Testamento prefigurano l'opera di Cristo. Non rappresentano solo la redenzione; per certi versi la incarnano anche. Le persone con cui Cristo interagì furono "redente" in un certo senso — almeno dalla malattia, dalla possessione demoniaca o dalla morte. Alcuni di loro, come il cieco nato, arrivarono ad avere una fede salvifica in Cristo (Giovanni 9:38). Degli altri siamo meno sicuri. Molti avevano una sorta di convinzione su Gesù: credevano che Gesù fosse perlomeno un profeta o un taumaturgo, e che avesse il potere di guarirli. Gesù onorò la loro fede, e questa era una forma di fede salvifica o no?

In alcuni casi la loro fede potrebbe essere già stata una forma di fede salvifica. Sarebbe stata come la fede salvifica che esisteva tra i santi nell'Antico Testamento. Sarebbe stato il primo passo verso una fede più pienamente informata, una fede che includesse la convinzione che Gesù era il Messia e il Salvatore del mondo (Giovanni 4:42). Ma Giacomo ci ricorda che non tutto ciò che le persone chiamano "fede" è necessariamente fede salvifica (Giacomo 2:18-20). Solo Dio conosce tutti i cuori. La fede per la guarigione fisica ci descrive o rappresenta in modo vivido alcune delle dimensioni della fede salvifica. Ma non deve essere sempre identica alla fede salvifica.

Quale che sia il caso delle persone che furono guarite, i miracoli hanno una connessione con l'opera culminante di Cristo nella sua crocifissione, morte e risurrezione. E da lì possiamo osservare un collegamento futuro per l'applicazione della redenzione a noi, ai nostri giorni. Così si passa da un particolare miracolo registrato in uno dei Vangeli alla morte e risurrezione di Cristo, e da lì all'applicazione della redenzione.

Complessivamente, abbiamo tre esempi del modello della redenzione, cioè il miracolo, la risurrezione di Cristo e l'applicazione ora. Ci sono due fasi che collegano le istanze. Nella prima fase, si passa dal miracolo alla risurrezione di Cristo. Nella seconda fase, passiamo dalla risurrezione di Cristo alla sua applicazione nel tempo presente (cfr. figura 8). Tutte queste fasi, come abbiamo detto, costituiscono la gloria di Dio.

Se lo desideriamo, possiamo ampliare ulteriormente il campo di applicazione per indicare i diversi tipi di tale applicazione. La redenzione ci viene applicata nella conversione, ogni giorno, e nel momento della nostra risurrezione corporea (cfr. figura 9)

Fig. 8: Due Fasi di Applicazione
miracolo redentore
Right.svg
Fase 1
climax redentore:
crocifissione e resurrezione
Right.svg
Fase 2
applicazione a noi
Fig. 9: Tipi di Applicazione
miracolo redentore
Right.svg
Fase 1
climax redentore:
crocifissione e resurrezione
Right.svg
Fase 2
applicazione a noi
Down arrow.svg
nella conversione
Down arrow.svg
quotidianamente
Down arrow.svg
alla risurrezione
corporea
GullBraceDown.svg
Tutto a gloria
di Dio

Possiamo anche aggiungere al quadro l'applicazione della redenzione alla chiesa come comunità dei fedeli (fig. 10):

Fig. 10: Tipi di applicazione alla Chiesa
miracolo redentore
Right.svg
Fase 1
climax redentore:
crocifissione e resurrezione
Right.svg
Fase 2
applicazione alla
Chiesa
Down arrow.svg
alla Pentecoste
Down arrow.svg
quotidianamente
Down arrow.svg
alla seconda venuta
GullBraceDown.svg
Tutto a gloria
di Dio

Illustrazioni del modello triplice[modifica]

Abbiamo così un triplice schema, consistente nel miracolo, compimento culminante della redenzione in Cristo, e nell'applicazione ai credenti, individualmente (fig. 9) e collettivamente (fig. 10). Possiamo illustrare questo triplice schema usando alcuni dei miracoli del Vangelo di Giovanni. In ogni caso l'applicazione della redenzione porta a usi pratici significativi del brano biblico nella vita delle persone. I predicatori predicano sul brano e lo applicano ai loro ascoltatori. I singoli lettori della Bibbia possono fare lo stesso.

Il miracolo della risurrezione di Lazzaro è una facile illustrazione. La risurrezione di Lazzaro è il miracolo. La risurrezione di Cristo dai morti è il compimento culminante. E la concessione di una nuova vita di risurrezione a coloro che sono uniti a Cristo è l'applicazione della redenzione.

Quando un predicatore predica sul passo evangelico, dovrebbe spiegare come il suo messaggio indichi la risurrezione di Cristo. Cristo è ora vivo, risuscitato dai morti e trionfante per sempre sul potere della morte. Cristo ora ha il potere di darci nuova vita, come ha dato nuova vita a Lazzaro quando lo ha chiamato fuori dal sepolcro. Quando Lazzaro era morto, Gesù disse: "Lazzaro, vieni fuori!" (Giovanni 11:43). Ora, mediante il vangelo, Cristo dice: "Vieni fuori!" alle persone che oggi sono morte nel peccato (Efesini 2:1). E vengono fuori! Vengono fuori non perché abbiano in sé la forza di rinnovarsi, ma perché Cristo li chiama con la sua potenza divina, che è anche la potenza della sua risurrezione.

Il brano sulla risurrezione di Lazzaro ci invita a lodare Dio e a lodare Cristo che ha operato il miracolo. Sia lode al Signore per aver risuscitato Lazzaro! Sia lode al Signore per la sua compassione e bontà verso Marta e Maria, alle quali Lazzaro fu restituito! Sia lode a Dio che Cristo risorse dai morti! Sia lodato per la vita di risurrezione che ci dona!

Colpisce che il brano di Giovanni 11 includa un luogo in cui Cristo lodava il Padre per la comunione di cui godeva con Lui e per l'opera che stava per compiere:

« Tolsero dunque la pietra. Gesù allora alzò gli occhi e disse: "Padre, ti ringrazio che mi hai ascoltato. Io sapevo che sempre mi dai ascolto, ma l'ho detto per la gente che mi sta attorno, perché credano che tu mi hai mandato". »
(Giovanni 11:41-42)

Questo miracolo, come altri miracoli, mostra la gloria di Dio.

Consideriamo poi la moltiplicazione dei pani per i 5000 e il discorso sul pane della vita. La moltiplicazione è il miracolo. La provvigione di cibo redentore attraverso la morte corporea di Gesù è l'adempimento culminante. E il nutrirsi di Cristo da parte dei credenti è l'applicazione. Lodare Dio e dar gloria a Dio completano l'applicazione.

Pertanto, un predicatore spiegherà non solo il miracolo, ma come esso indichi la redenzione di Cristo e un'applicazione a noi. La morte di Cristo è un sacrificio per i nostri peccati. La sua risurrezione offre il perdono dei peccati. Per partecipare bisogna nutrirsi di Cristo. E lo si fa per fede. Quindi il predicatore invita le persone alla fede in Cristo. E chiama le persone che sono già cristiane a continuare a nutrirsi di Cristo e ad approfondire il loro rapporto con lui.

Ogni lettore e ascoltatore è anche chiamato dal brano stesso. Siamo sfidati a riporre la nostra fede in Cristo e a dipendere solo da Cristo per il cibo della vita eterna. Rispondiamo non solo riponendo la nostra fede in Cristo e nutrendoci di Lui, ma lodandolo e rallegrandoci nella soddisfazione e benedizione della vita eterna. Questi doni di Cristo dimostrano la gloria di Dio.

Consideriamo la guarigione del cieco, in Giovanni 9. La guarigione dell'uomo è il miracolo. L'erogazione di luce redentrice attraverso la rivelazione della gloria di Dio nella crocifissione e nella risurrezione è il compimento culminante. Il dare luce ai credenti è l'applicazione (cfr. 2 Corinzi 4:6). Questa donazione di luce si traduce in lode e gloria a Dio.

Un predicatore potrebbe spiegare diversi aspetti di questa applicazione: (1) Cristo è la luce del mondo. Per mezzo di lui, e per mezzo di lui solo, conosci Dio come dovresti (Giovanni 17:3). (2) La luce di Cristo si manifesta supremamente nella sua opera suprema di redenzione, nella crocifissione e risurrezione. (3) La sua luce ora ti chiama a rispondere e avvicinarti alla luce. Ma devi essere guarito per poter vedere. Questa guarigione è la sua provvidenza, e solo sua.

Lasciando da parte il predicatore, quando un singolo lettore legge il brano, tale brano ha le stesse medesime implicazioni: riceviamo la luce di Cristo — ci rallegriamo quando vediamo la gloria di Cristo. E quando lo facciamo, diamo gloria a Dio.

Si consideri la guarigione miracolosa del malato, in Giovanni 5:1-9. Quel miracolo indica l'opera suprema di guarigione spirituale nella crocifissione e risurrezione di Gesù. Il predicatore dovrebbe spiegare questa connessione e invitare anche i suoi ascoltatori a ricevere essi stessi la guarigione spirituale, da Gesù che è ancora vivo e regna in cielo. Ogni lettore della Bibbia dovrebbe ricevere questo messaggio e prenderselo a cuore. Gesù ci parla, qui e ora, mentre leggiamo, e promette la guarigione spirituale a tutti coloro che vengono a lui con fede. Questa guarigione fa parte dell'inaugurato regno di Dio. Non solo lo promette; lo realizza nella vita di coloro che gli appartengono. Quando lo ricevono, si rallegrano e lo lodano. Danno gloria a Dio per questo aspetto della redenzione.

Importanza dell'applicazione[modifica]

I legami che vanno dai miracoli alle applicazioni ai credenti dipendono dall'unità del disegno di Dio e dall'unità della via di salvezza in Cristo. Una relazione naturale e organica collega i miracoli alla morte e alla risurrezione di Cristo e collega a sua volta l'opera di Cristo a coloro che vengono salvati durante il periodo successivo alla prima venuta di Cristo. Noi stessi siamo in tale periodo. È il periodo della salvezza internazionale introdotto nel libro degli Atti.

Inoltre, la connessione tra miracoli e applicazione risale all'Antico Testamento. La salvezza raffigurata nei miracoli e compiuta nella crocifissione e risurrezione di Cristo fu applicata da Dio ai santi dell'Antico Testamento. Ma poiché viviamo nell'epoca in cui viviamo, è giusto preoccuparsi particolarmente di come la Bibbia si applichi a noi. Trattando i miracoli come segni di redenzione, non stiamo inventando qualche applicazione fantasiosa o intelligente che in realtà non c'è. Stiamo seguendo i modelli che Dio stesso ha messo in atto.

A volte gli studiosi si lamentano dell'uso delle storie nei Vangeli per rivolgersi in modo immediato agli ascoltatori moderni. Si preoccupano che l'applicazione moderna stia trascurando la storia. Gli studiosi vogliono assicurarsi che capiamo che i miracoli accaddero allora e là, in quel tempo specifico della storia. I miracoli non sono solo lezioni pittoriche che potremmo usare senza preoccuparci se sono mai accaduti o se fanno parte della parola di Dio. Queste preoccupazioni sono legittime. Cristo visse una volta sulla terra, nel I secolo e.v. e non ora. Viveva in Palestina, non nella moderna New York o a Roma o Nairobi.

Ma c'è una verità complementare: Cristo è vivo ora e per sempre (Ebrei 13:8). E i Vangeli raccontano gli avvenimenti di allora per il nostro bene e per la gloria di Dio. In molti casi, i miracoli non solo descrivono l'opera culminante della redenzione di Cristo, ma la descrivono in un modo che prefigura il ruolo svolto dai destinatari umani della redenzione.

Quando Lazzaro fu risuscitato dai morti, ciò che gli accadde fu genuinamente analogo a ciò che Cristo fa per noi nella sua risurrezione. È anche analogo a ciò che fa a noi quando ci dona una nuova vita spirituale, e poi quando riceveremo i corpi della nostra risurrezione. Parimenti, la nostra esperienza nel ricevere l'applicazione della redenzione ha analogie con l'esperienza del malato alla Porta delle Pecore (Giovanni 5), con i 5000 uomini che mangirono i pani (Giovanni 6), e con le persone che bevettero il vino di Gesù (Giovanni 2).

Non confondiamo un evento con un altro. Il nutrimento dei 5000 non è lo stesso di Gesù che si dona come il pane della vita quando muore sulla croce, né uno di questi eventi è lo stesso che ricevere da lui il nutrimento eterno nel momento presente. Ma tutti e tre sono organicamente correlati. E predicatori guidati dallo Spirito e lettori della Bibbia attraverso i secoli lo hanno capito. È naturale che ci identifichiamo con Lazzaro — o con Marta e Maria, che ricevono anche loro dei benefici quando Lazzaro viene risuscitato. E quando ci identifichiamo con Lazzaro in questo modo, rendiamo lode a Dio.

V&A - Raphael, The Miraculous Draught of Fishes (1515).jpg
Ingrandisci
Pesca miracolosa, di Raffaello (1515)
Searchtool.svg Per approfondire, vedi Ecco l'uomo, Gesù e il problema di una vita, Indagine Post Mortem e Serie cristologica.