Taumaturgia messianica/Capitolo 3

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Po vodam.jpg
Ingrandisci
Gesù cammina sulle acque, di Ivan Ajvazovskij (c.1888)
Indice del libro
PARTE II
I MIRACOLI COME SEGNI

Miracoli illustrativi dal Vangelo di Giovanni[modifica]

Il Vangelo di Giovanni discute più esplicitamente come i miracoli di Gesù siano segni di redenzione. Quindi possiamo iniziare con diversi miracoli ivi registrati.

Il Pane della Vita[modifica]

Diamo prima un'occhiata a Giovanni 6, che registra il miracolo della moltiplicazione dei pani per i cinquemila (Giovanni 6:1-14). Lo stesso miracolo è registrato negli altri tre Vangeli (Matteo 14:13-21; Marco 6:30-44; Luca 9:10-17), ma solo Giovanni include più avanti nello stesso capitolo il discorso di Gesù sul pane della vita (Giovanni 6:25-59). Tale discorso avvenne il giorno dopo il miracolo (v. 22).

Gesù inizia la sua discussione accennando al miracolo: "In verità, in verità vi dico, voi mi cercate non perché avete visto dei segni, ma perché avete mangiato di quei pani e vi siete saziati" (v. 26). Poi prosegue la discussione in modo da rendere chiaro il parallelo tra il cibo fisico dei pani e il cibo spirituale che dona la vita eterna: "Procuratevi non il cibo che perisce, ma quello che dura per la vita eterna, e che il Figlio dell'Uomo vi darà" (v. 27). A un certo punto la folla menziona la manna dal cielo (v. 31). Gesù allora riprende il tema della manna e lo usa per indirizzarli al vero pane del cielo:

« Rispose loro Gesù: "In verità, in verità vi dico: non Mosè vi ha dato il pane dal cielo, ma il Padre mio vi dà il pane dal cielo, quello vero; il pane di Dio è colui che discende dal cielo e dà la vita al mondo. »
(vv. 32–33)

Poi dichiara: "Io sono il pane della vita" (v. 35).

Gesù indicò così che sia la manna del tempo di Mosè che il miracolo di nutrire i 5000 hanno un significato simbolico. La manna venne in modo miracoloso, ma anche il suo carattere miracoloso non ne fece fonte di vita eterna; servì solo a sostenere la vita temporale. Allo stesso modo, il pane che si moltiplicò per sfamare i cinquemila sostenne la vita fisica (vv. 26-27), ma Gesù indicò che entrambi significano qualcosa di più profondo, vale a dire la vita eterna. Gesù stesso è colui che fornisce la vita eterna. La vita eterna appartiene a coloro che "si nutrono" di lui: "Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell'ultimo giorno" (v. 54).

Pertanto il miracolo dell'alimentazione dei 5000 ha un significato simbolico al di là del fatto che dimostra il potere divino. Il suo significato va oltre la conferma e la testimonianza del fatto che Gesù è un autentico messaggero di Dio, come uno dei profeti dell'Antico Testamento. Il miracolo mostra in forma simbolica ciò che Gesù sta facendo spiritualmente tramite la sua vita, morte e risurrezione: porta la vita eterna e dà un nutrimento spirituale duraturo a tutti coloro che vengono a lui con fede (cfr. fig. 2):

Fig. 2: Gesù Pane della Vita (Giovanni 6)
Gesù moltiplica pani
per cinquemila
Gesù dona la vita eterna
attraverso la sua carne

La Luce del Mondo[modifica]

Si consideri un secondo miracolo, la guarigione del cieco nato, riportato in Giovanni 9. Questo miracolo mostra potenza divina. Ma è anche un segno. Sta a significare che tipo di persona è Gesù e cosa è venuto a fare sulla terra. Da notare che segue il capitolo 8, dove Gesù dichiara: "Io sono la luce del mondo; chi segue me, non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita" (Giovanni 8:12). Poco prima di guarire il cieco, Gesù fa una dichiarazione simile: "Finché sono nel mondo, sono la luce del mondo" (9:5). Alla fine del capitolo, Gesù chiarisce che la guarigione fisica è il simbolo della guarigione spirituale dalla cecità spirituale:

« Gesù allora disse: "Io sono venuto in questo mondo per giudicare, perché coloro che non vedono vedano e quelli che vedono diventino ciechi". Alcuni dei farisei che erano con lui udirono queste parole e gli dissero: "Siamo forse ciechi anche noi?". Gesù rispose loro: "Se foste ciechi, non avreste alcun peccato; ma siccome dite: ‘Noi vediamo’, il vostro peccato rimane". »
(Giovanni 9:39-41)

L'illuminazione fondamentale consiste nel conoscere il Padre attraverso il Figlio:

« Gli disse Filippo: "Signore, mostraci il Padre e ci basta". Gli rispose Gesù: "Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me ha visto il Padre. Come puoi dire: Mostraci il Padre? Non credi che io sono nel Padre e il Padre è in me? Le parole che io vi dico, non le dico da me; ma il Padre che è con me compie le sue opere. Credetemi: io sono nel Padre e il Padre è in me; se non altro, credetelo per le opere stesse. »
(Giovanni 14:8-11)
« Questa è la vita eterna: che conoscano te, l'unico vero Dio, e colui che hai mandato, Gesù Cristo. »
(Giovanni 17:3)
« Dio nessuno l'ha mai visto: proprio il Figlio unigenito, che è nel seno del Padre, lui lo ha rivelato»
(Giovanni 1:18)

Il miracolo fisico della guarigione del cieco andò di pari passo con un'opera spirituale nel cieco, così che l'uomo arrivò a credere nel Figlio dell'Uomo (Gesù, il Messia):

« Ed egli disse: "Io credo, Signore!". E l'adorò. »
(Giovanni 9:38)

Il cieco ricevette la vista spirituale, per la quale credette in Gesù e fu salvato. Pertanto, il miracolo fisico illumina l'intero scopo di Gesù di redimere le persone e dare loro una conoscenza salvifica di Dio (cfr. fig. 3):

Fig. 3: Gesù Luce del Mondo (Giovanni 9)
Gesù guarisce il cieco Gesù fornisce luce spirituale

La Risurrezione e la Vita[modifica]

L'ultimo miracolo registrato in Giovanni come parte del ministero pubblico di Gesù è la risurrezione di Lazzaro (Giovanni 11:1-44). Nel mezzo della storia, Gesù fa una dichiarazione su se stesso:

« Gesù le disse: "Io sono la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muore, vivrà; chiunque vive e crede in me, non morrà in eterno. Credi tu questo?" »
(Giovanni 11:25-26)

Gesù qui promette che i credenti godranno della risurrezione corporea: "se muore, vivrà". Ma la risurrezione corporea è l'accompagnamento degno della vita spirituale che il credente già possiede: "chiunque vive e crede in me, non morrà in eterno". L’attuale possesso della vita eterna è confermato altrove nel Vangelo di Giovanni:

« In verità, in verità vi dico: chi ascolta la mia parola e crede a colui che mi ha mandato, ha la vita eterna e non va incontro al giudizio, ma è passato dalla morte alla vita. »
(Giovanni 5:24)
« Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell'ultimo giorno. »
(Giovanni 6:54)
« Questa è la vita eterna: che conoscano te, l'unico vero Dio, e colui che hai mandato, Gesù Cristo. »
(Giovanni 17:3)

Qual è la base di questa vita eterna? Viene chiaramente dall'essere uniti a Cristo, che è la risurrezione e la vita (cfr. fig. 4):

Fig. 4: Gesù come Risurrezione (Giovanni 11)
Gesù risuscita Lazzaro Gesù dà la vita di risurrezione

Crocifissione e Risurrezione[modifica]

Come abbiamo osservato, la risurrezione di Lazzaro è l'ultimo miracolo pubblico registrato nel Vangelo di Giovanni, fatta eccezione per la risurrezione di Gesù. In risposta al miracolo con Lazzaro, Caifa e i capi giudei si consultarono insieme e tramarono di uccidere Gesù e di uccidere anche Lazzaro (Giovanni 11:47-53;12:10-11). Il Vangelo di Giovanni prosegue poi con un racconto degli ultimi giorni di Gesù a Betania e Gerusalemme, culminati nella sua crocifissione e risurrezione.

L'intero racconto nel Vangelo di Giovanni conduce al culmine del ministero di Gesù nella crocifissione e nella risurrezione. Gesù stesso descrisse l'importanza di questi eventi successivi:

« "Ora è il giudizio di questo mondo; ora il principe di questo mondo sarà gettato fuori. Ed io, quando sarò elevato da terra, attirerò tutti a me". Questo diceva per indicare di qual morte doveva morire. »
(Giovanni 12:31-33)

La risurrezione di Lazzaro ha un legame particolarmente stretto con la risurrezione di Gesù. È un'immagine anticipata della sua risurrezione. Ma non è allo stesso livello della risurrezione di Gesù. Lazzaro, quando fu riportato in vita, fu riportato allo stesso tipo di vita che aveva prima di morire. Era ancora soggetto a incontrare di nuovo la morte in futuro. Gesù, al contrario, ha la vita eterna; non morirà mai più (Romani 6:9):

« Ora, invece, Cristo è risuscitato dai morti, primizia di coloro che dormono. »
(1 Corinzi 15:20)

Cristo è la "primizia". Non è il primo essere umano mai riportato in vita. Un ritorno alla vita avvenne con la vedova del figlio di Sarepta (1 Re 17:17-24), con il figlio della Sunamita (2 Re 4:18-37) e con la figlia di Iairo (Matteo 9:18-26), così come anche con Lazzaro. Quindi in che senso Gesù è il primo? Gesù nella sua umanità fu il primo ad entrare nella vita eterna e infallibile della risurrezione. La risurrezione di Lazzaro è quindi un tipo o una parvenza di qualcosa di più grande a venire. È solo un'ombra rispetto alla risurrezione di Gesù. Ma è almeno un'ombra. Ci offre un quadro in scala ridotta della vita eterna, spirituale, che Gesù darà a seguito della sua risurrezione (cfr. fig. 5):

Fig. 5: La Risurrezione di Gesù
Gesù risuscita Lazzaro
La risurrezione di Gesù
come primizia

Se la risurrezione di Lazzaro ha un legame in avanti verso la risurrezione di Gesù, è lo stesso per altri miracoli nel Vangelo di Giovanni? Sì. Si pensi alla moltiplicazione dei pani per i 5000. Questo miracolo rappresenta su un piano fisico la realtà che Gesù è il pane della vita (Giovanni 6:35). Gesù prosegue in Giovanni 6 spiegando che egli offre nutrimento donando il proprio corpo e il proprio sangue (vv. 53-56). Queste parole indicano la crocifissione e la morte di Gesù, dove diede il suo corpo e il suo sangue in sacrificio per i peccati. Il nutrimento spirituale ha luogo quando confidiamo in Cristo. Per fede siamo uniti alla sua crocifissione, morte e risurrezione.

Gesù è sempre il pane della vita. Ma la crocifissione e la risurrezione sono il punto focale della sua opera. In particolare, in questi eventi culminanti egli realizzò ciò che era necessario affinché il popolo di Dio ricevesse nutrimento in ogni momento.

Consideriamo poi la guarigione dell'uomo cieco dalla nascita e la relativa affermazione: "Io sono la luce del mondo". Giovanni 1:4 indica che anche prima della sua incarnazione egli era "la luce" in senso lato, in virtù del suo ruolo nella creazione: "In lui era la vita e la vita era la luce degli uomini". Nella sua incarnazione si è offerto come luce di redenzione in modo intensivo:

« E il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi; e noi vedemmo la sua gloria, gloria come di unigenito dal Padre, pieno di grazia e di verità. »
(Giovanni 1:14)

La luce della rivelazione e della gloria hanno il loro culmine nella crocifissione e nella risurrezione, che rivelano in modo supremo il piano redentore di Dio:

« Ora il Figlio dell'uomo è stato glorificato, e anche Dio è stato glorificato in lui. Se Dio è stato glorificato in lui, anche Dio lo glorificherà da parte sua e lo glorificherà subito. »
(Giovanni 13:31-32)
« E ora, Padre, glorificami davanti a te, con quella gloria che avevo presso di te prima che il mondo fosse. »
(Giovanni 17:5)

Pertanto, diversi miracoli indicano il grande miracolo della risurrezione di Cristo (fig. 6):

Fig. 6: Il Miracolo della Risurrezione
un miracolo il grande miracolo della
risurrezione di Cristo

Anche gli altri miracoli del Vangelo di Giovanni indicano la crocifissione e la risurrezione. Li esamineremo brevemente, uno per uno.

L'uomo infermo da trentotto anni (Giovanni 5)[modifica]

Consideriamo la guarigione del malato alla Porta delle pecore, in Giovanni 5. Gesù scelse questa occasione per tenere un altro discorso, Giovanni 5:19-47, che indica lo stretto rapporto tra le opere del Padre e le opere del Figlio. Il Figlio ha guarito l'uomo come "opera" in cui opera le opere del Padre (v. 17). Il fatto che Gesù abbia operato la guarigione in giorno di Sabbath corrisponde al fatto che Dio continua a operare in giorno di Sabbath: "il Padre mio opera fino ad ora" (v. 17). Gesù stava quindi invitando le persone a vedere la sua opera di guarigione come un segno della sua identità: stava compiendo le opere di Dio, che il Padre gli aveva dato da fare. Le sue opere rivelavano la sua unione con il Padre: "il Padre che dimora in me compie le sue opere" (14:10).

Inoltre, arriva un'opera ancora più grande:

« Il Padre infatti ama il Figlio, gli manifesta tutto quello che fa e gli manifesterà opere ancora più grandi di queste, e voi ne resterete meravigliati. Come il Padre risuscita i morti e dà la vita, così anche il Figlio dà la vita a chi vuole »
(Giovanni 5:20-21)

La risurrezione di esseri umani morti si basa sulla risurrezione di Gesù. Quindi le opere precedenti che Gesù ha fatto indicano questa opera più grande.

Le opere di guarigione di Gesù affrontano i vari tipi di conseguenze fisiche che esistono in un mondo imperfetto, un mondo colpito dalla caduta. In questo mondo, gli esseri umani si ammalano. E la malattia è un precursore della morte, la completa distruzione delle funzioni del corpo. Il ristabilimento di un uomo dalla malattia indica così il ristabilimento più grande, il ristabilimento della piena salute fisica in un corpo di risurrezione. E il fondamento di questo più completo ristabilimento risiede nella risurrezione di Cristo. La guarigione è anche una sorta di metafora per la guarigione dal peccato. Cristo perdona i nostri peccati; mediante lo Spirito Santo ci dà il potere di vivere una vita nuova, libera dal dominio del peccato (Romani 6:7-14).

Inoltre, la libertà che abbiamo ora è un assaggio della completa libertà da ogni peccato che avremo nel nuovo cielo e nella nuova terra. Saremo perfetti nella santità, e anche perfetti per sempre nei nostri nuovi corpi. La guarigione del malato in Giovanni 5 funziona per prefigurare questa perfezione, che Cristo ci porterà in virtù della sua risurrezione.

Il Tema della Nuova Creazione[modifica]

La guarigione in Giovanni 5 fa parte di un modello più ampio di creatura nuova. Il ministero di Gesù fu un ministero del regno di Dio che portò a nuova creazione:

« Quindi se uno è in Cristo, è una creatura nuova; le cose vecchie sono passate, ecco ne sono nate di nuove. »
(2 Corinzi 5:17)

Nella sua forma finale, la nuova creazione include i nuovi cieli e la nuova terra in Apocalisse 21:1. Ma la nuova creazione ha anche anticipazioni preliminari. La vita eterna con Cristo inizia nel nostro periodo di tempo, perché la nuova vita spirituale viene agli individui che si sono uniti a Cristo. La nuova vita inizia ora e si concluderà più tardi. Diciamo che è inaugurata ora, e consumata nel nuovo cielo e nella nuova terra. Noi che apparteniamo a Cristo ora siamo adottati come figli di Dio (Romani 8:15-17; Galati 4:5-7; Efesini 1:5). Questa adozione si realizza pienamente nel futuro, nel momento in cui la creazione si rinnova (Romani 8:23).

Alla luce di questo rapporto tra vita inaugurata e vita consumata, possiamo vedere molti segni di nuova creazione nel Nuovo Testamento. Nascere di nuovo come descritto in Giovanni 3 è una sorta di nuova creazione. Rappresenta la fase inaugurata della nuova creazione. La risurrezione di Lazzaro è un'anticipazione della risurrezione finale della carne, e questa risurrezione finale fa parte del quadro più ampio della creazione di un nuovo cielo e di una nuova terra (Apocalisse 21:1). La risurrezione del corpo è la forma consumata della nuova creazione.

La parola escatologia (gr. antico: ἔσχατος, éskatos=ultimo) è un termine per l'insegnamento biblico sulle cose ultime o finali. In senso stretto, l’escatologia ha a che fare con l'insegnamento sulla seconda venuta di Cristo, il giudizio finale e il nuovo cielo e la nuova terra. Ma può essere usato in modo più ampio per etichettare qualsiasi evento che appartiene all'adempimento delle profezie dell'Antico Testamento sugli "ultimi giorni". La venuta del regno di Dio durante il ministero terreno di Gesù è l'inizio di quel compimento, quindi anch'esso appartiene all'escatologia. È escatologia inaugurata, mentre il nuovo cielo e la nuova terra e la risurrezione del corpo appartengono all'escatologia consumata.

Possiamo vedere il modello dell'escatologia inaugurata in Giovanni 9, con il cieco nato. Ricevette la vista spirituale quando arrivò ad avere fede in Gesù. Quella vista spirituale era una forma inaugurata di vista spirituale. Anticipava la forma finale della vista, quando i servi di Dio "vedranno la sua faccia" (Apocalisse 22:4). Vedranno la gloria di Dio in un modo più pieno di quello che è vero oggi (Apocalisse 21:23;22:5).

Possiamo vedere lo stesso modello di nuova creazione inaugurata e consumata con il miracolo della moltiplicazione dei pani per i 5000. Il miracolo raffigura il modo in cui Gesù è il pane della vita per coloro che credono in lui. Ma il cibo che abbiamo da lui ora è anche un'anticipazione della consumazione dell'essere nutriti pienamente: attendiamo con impazienza il "banchetto delle nozze dell'Agnello!" (Apocalisse 19:9).

Acqua in vino[modifica]

Consideriamo ora il miracolo dell'acqua trasformata in vino. Anche questo miracolo è un "segno":

« Gesù fece questo primo dei suoi segni miracolosi in Cana di Galilea, e manifestò la sua gloria, e i suoi discepoli credettero in lui. »
(Giovanni 2:11)

Allora in che modo questo miracolo è un "segno"? Il significato di questo miracolo è meno ovvio dei miracoli che abbiamo già considerato. Ma ci sono indicazioni. Il versetto finale, versetto 11, dice che Gesù "manifestò la sua gloria". La parola gloria ha collegamenti con la successiva discussione in Giovanni, riguardante il modo in cui la gloria del Padre e del Figlio sono mostrate attraverso gli eventi della crocifissione e della risurrezione (Giovanni 13:31-32). All'inizio della storia, Gesù disse a sua madre: "Non è ancora giunta la mia ora" (2:4). Sembra che Gesù stesse facendo un rifiuto a sua madre. Ma poi rispose alla preoccupazione di sua madre. Il detto sulla "mia ora" è criptico. Ma diventa più chiaro nel corso del Vangelo di Giovanni che l'"ora" in questione è eminentemente il tempo della sua crocifissione e risurrezione:

« Gesù rispose: "È giunta l’ora che sia glorificato il Figlio dell'Uomo." »
(Giovanni 12:23)
« "Ora l'anima mia è turbata; e che devo dire? Padre, salvami da quest’ora? Ma per questo sono giunto a quest’ora! Padre, glorifica il tuo nome". Venne allora una voce dal cielo: "L'ho glorificato e di nuovo lo glorificherò!". »
(12:27-28)
« Prima della Festa di Pesach Gesù, sapendo che era giunta la sua ora di passare da questo mondo al Padre, dopo aver amato i suoi che erano nel mondo, li amò sino alla fine. »
(13:1)
« Così parlò Gesù. Quindi, alzati gli occhi al cielo, disse: "Padre, è giunta l’ora, glorifica il Figlio tuo, perché il Figlio glorifichi te. »
(17:1)

In effetti, Gesù stava dicendo in Giovanni 2 che, sebbene la sua "ora" non fosse ancora vicina durante le nozze di Cana di Galilea, alla fine sarebbe stata vicina. E una volta vicina, allora sarà opportuno chiedergli di provvedere al vino della festa, la festa del regno di Dio. Questa festa adempie le festività ebraiche, come anche la promessa escatologica in Isaia 25:6:

« Preparerà il Signore degli eserciti
per tutti i popoli, su questo monte,
un banchetto di grasse vivande,
un banchetto di vini eccellenti,
di cibi succulenti, di vini raffinati. »

Il vino è, infatti, il suo sangue dato a noi da bere (Giovanni 6:53-56). La provvigione del vino fisico per le nozze anticipa e prefigura questa maggiore provvigione festiva, che Gesù compì nella sua crocifissione e risurrezione.

Questo legame tra il miracolo delle nozze di Cana e la crocifissione e la risurrezione è rafforzato da un'altra connessione più sottile. Prima che l'acqua diventasse vino, era acqua contenuta in "sei giare di pietra per la purificazione dei Giudei" (Giovanni 2:6). L'acqua ha un'associazione simbolica con i riti di purificazione ebraici, che appartengono all'Antico Testamento. Questi riti hanno a che fare con la purificazione simbolica, che è un tipo della vera purificazione che Dio porterà nella salvezza escatologica. Il simbolismo nel miracolo di Cana include una rappresentazione simbolica del passaggio dal livello di tipi e ombre veterotestamentarie al livello di adempimento neotestamentario. E come si realizza l'adempimento? Tramite Yeshua il Messia. Come Gesù cambiò l'acqua in vino, così egli cambiò l'intero corso della storia da un'epoca all'altra. L'"acqua" delle ombre nell'Antico Testamento divenne il "vino" del compimento nel Nuovo Testamento.

Il capitolo precedente di Giovanni (1) contiene un resoconto del ministero di Giovanni Battista, e anche questo resoconto è rilevante. Giovanni battezzò con acqua. L'acqua significava purificazione. Ma era solo un segno. Giovanni Battista osservò che indicava qualcosa di più grande che lo avrebbe seguito:

« Giovanni rispose loro: "Io battezzo con acqua, ma in mezzo a voi sta uno che voi non conoscete, uno che viene dopo di me, al quale io non son degno di sciogliere il legaccio del sandalo". »
(Giovanni 1:26-27)

Chi viene dopo Giovanni, cioè Gesù, è colui "che battezza in Spirito Santo" (1:33).

Giovanni Battista rappresenta il terminus di tutto l'ordine veterotamentario: si fermò sull'orlo dell'alba del regno escatologico di Dio, che venne con Gesù. Ma ciò che fece Giovanni doveva essere sostituito da ciò che Gesù avrebbe portato. Il miracolo di Cana in Galilea significa simbolicamente tale passaggio, indicando Giovanni Battista come l'ultimo dei profeti dell'Antico Testamento e puntando al futuro verso la festa del regno di Dio. Questa festa ha luogo trasfigurando miracolosamente l'antico, non per continuazione o aggiunta in linea diretta dall'antico.

Il miracolo dell'acqua in vino ha significato sia per l'escatologia inaugurata che per l'escatologia consumata. La provvigione di vino escatologico da parte di Gesù iniziò con la sua "ora", l'ora della sua crocifissione e risurrezione. Il vino è il suo sangue, attraverso il quale abbiamo la vita eterna anche nell'età presente. Questa provvigione di vino è una forma di escatologia inaugurata. Allo stesso tempo, attendiamo con impazienza la forma finale di vita eterna nel nuovo cielo e nella nuova terra, e la festa nuziale finale, cioè la cena delle nozze dell'Agnello (Apocalisse 19:9). Questa festa finale è l'escatologia consumata.

Il funzionario col figlio malato e Gesù cammina sulle acque[modifica]

Rimangono altri due miracoli nel Vangelo di Giovanni, di cui si parla meno. Uno è la guarigione del figlio del funzionario regio, in Giovanni 4:46-54. Giovanni dice esplicitamente che è un segno e lo collega al segno di Cana:

« Andò dunque di nuovo a Cana di Galilea, dove aveva cambiato l'acqua in vino»
(Giovanni 4:46)
« Questo fu quindi il secondo segno che Gesù fece tornando dalla Giudea in Galilea. »
(4:54)

Il figlio del funzionario fu guarito dopo essere stato in punto di morte. Tale guarigione quasi in punto di morte prefigura chiaramente la completa vittoria sulla morte che Gesù ottenne. Quando fu crocifisso, Gesù morì effettivamente; non fu semplicemente in punto di morte.

Come al solito, il significato del miracolo della guarigione del figlio del funzionario include sia l'escatologia inaugurata che l'escatologia consumata. L'escatologia inaugurata avvenne quando Gesù fu risuscitato dai morti; l'escatologia consumata avverrà quando coloro che seguono Gesù saranno risuscitati, con la risurrezione dei corpi non più soggetti alla morte.

Abbiamo inoltre il miracolo di Gesù che cammina sulle acque, in Giovanni 6:16-21. È strettamente connesso con il miracolo della moltiplicazione dei pani per i 5000, quindi Giovanni non fornisce un commentario separato. A prima vista il discorso di Gesù sul pane della vita in Giovanni 6:25-65 sembra avere collegamenti solo con il nutrimento dei 5000. Ma Gesù parlò dell'avere la vita eterna tramite la comunione con lui. Gesù salva le persone dalla morte eterna e grandi specchi d'acqua possono diventare simboli di morte, dal momento che una persona può annegarvi, e poiché affondare nell'acqua è come "affondare" negli inferi della tomba. Così i tre giorni di Giona sotto la superficie del mare diventano un simbolo appropriato per la morte e la risurrezione:

« Come infatti Giona rimase tre giorni e tre notti nel ventre del pesce, così il Figlio dell'uomo resterà tre giorni e tre notti nel cuore della terra. »
(Matteo 12:40)

Il camminare sull'acqua di Gesù è un simbolo appropriato non solo per il dominio sulla natura ma anche per il dominio sulla morte. In questo modo prefigura la sua risurrezione. La sua risurrezione costituisce l'escatologia inaugurata. Egli inoltre dona a noi una nuova vita, attraverso il suo Spirito. L'escatologia consumata viene con la risurrezione dei corpi dei credenti.

[modifica]

Pertanto, ciascuno dei miracoli nel Vangelo di Giovanni prefigura e indica il grande miracolo della risurrezione di Cristo (fig. 7):

Fig. 7: Miracoli che indicano la Risurrezione
acqua in vino (2:1-11)
guarigione del figlio del funzionario (4:46-54)
guarigione del paralitico (5:1-9)
moltiplicazione dei pani (6:1-14) il grande miracolo della risurrezione di Cristo
camminata sull'acqua (6:15-21)
guarigione del cieco (9:1-7)
risurrezione di Lazzaro (11:1-44)
Amédée Varint - Christ marchant sur la mer.jpg
Ingrandisci
Le Christ marchant sur la mer, di Amédée Varin (XIX sec.)
Searchtool.svg Per approfondire, vedi Ecco l'uomo, Gesù e il problema di una vita, Indagine Post Mortem e Serie cristologica.