Software libero a scuola/Liste di diffusione e discussione

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro

La gestione di un forum o di una lista di discussione o lista di diffusione (mailing list) è molto facile ed efficace usando il software libero.

A differenza di servizi proprietari come Google Groups o MailChimp e di applicazioni spia come Facebook e WhatsApp, che violerebbero i diritti degli studenti, il software libero permette inoltre di rispettare le normative sulla privacy.

Infatti un software libero può essere installato su macchine della scuola, perché i dati personali dei destinatari non siano condivisi proprio con nessuno, oppure può essere fornito come servizio

phpList[modifica]

Logo phpList

Dal 2000 phpList è il principale software per la distribuzione di newsletter e la gestione di altre liste di diffusione, che siano da 100 o da centomila destinatari. In Italia lo usa anche Legambiente Lombardia.

Comprende tutte le funzioni che si possano desiderare e gestisce particolarmente bene i rimbalzi (per gli indirizzi non più funzionanti) e il tracciamento dei clic e delle aperture (che può essere disabilitato del tutto, per il massimo rispetto della privacy, o abilitato solo ove veramente necessario).

Il servizio phpList.com, usato anche da Wikimedia Italia, ospita liste phpList con migliaia di destinatari a costi irrisori rispetto alla concorrenza.

Mailman[modifica]

Logo GNU mailman

Dal 1999 mailman è il principale software per le liste di discussione di tutti i progetti di conoscenza libera e non solo. Può essere

È possibile usarlo come forum o spazio di discussione per utenti poco abituati all'uso della posta elettronica, ma serve un'attenzione leggermente maggiore per configurare l'interfaccia web (per esempio con mailman 3 o hyperkitty).

In Italia lo usano anche vari dipartimenti di Legambiente.

Discourse[modifica]

Discourse è un software libero per gestire un forum web, simile al più noto phpBB.

L'interfaccia web richiede che JavaScript sia attivato. È però spesso possibile anche interagire via posta elettronica, ricevendo e rispondendo ai messaggi dalla propria casella come se fosse una lista di discussione. Può essere usato come una specie di newsletter se gli utenti sono abbonati alle notifiche per una sezione del forum dove si possano pubblicare solo annunci.

In Italia lo usa AgID (https://forum.italia.it/).