Italiano/Sintassi del periodo

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search

La sintassi del periodo studia la sintassi della frase complessa, cioè quella frase con più verbi, formata, quindi, da più frasi semplici, chiamata, appunto, periodo. Il periodo è un pensiero compiuto formato da una o più proposizioni collegate, armonicamente, fra loro.

Che cos'è il periodo?[modifica]

Per comunicare con gli altri, non sempre basta una frase semplice: di solito facciamo ricorso a più proposizioni che, legate insieme, formano i periodi o frasi complesse.

Un periodo è formato da tante proposizioni quanti sono i verbi che lo compongono.

Quindi, il periodo è un pensiero compiuto, formato da una o più proposizioni (o frasi semplici), organicamente collegate tra loro, separato dal resto del discorso con un segno di punteggiatura forte (punto, punto interrogativo, punto esclamativo).

Struttura del periodo[modifica]

Quando è composto da più frasi semplici, il periodo è una struttura complessa, nella quale ogni proposizione svolge una propria funzione ed è collegata alle altre secondo un ordine preciso. In primo luogo, in ogni periodo c'è sempre una proposizione pienamente autonoma, che potrebbe sussistere anche da sola. La proposizione che possiede queste caratteristiche è l'elemento essenziale del periodo stesso, perciò viene definita principale.

Es: Ogni animale costituisce un pezzetto di natura, purché la sua natura rimanga libera

Questo periodo è formato da due proposizioni: solo una delle due frasi semplici può stare da sola, perché ha un significato compiuto : "Ogni animale costituisce un pezzetto di natura".

La seconda proposizione, invece, non può stare da sola. Infatti se diciamo:" purché la sua natura rimanga libera", sentiamo che manca qualcosa, che è necessaria un'altra frase a cui appoggiarsi, affinché il pensiero sia completato.

La proposizione principale quindi non dipende da altre frasi, ha senso compiuto, ha un verbo di modo finito e può stare da sola; se coincide con il periodo stesso si chiama indipendente, se sorregge e dà senso ad altre frasi si chiama reggente.

Le frasi che si appoggiano a una principale prendono il nome di coordinate o subordinate a seconda del rapporto che instaurano con essa.

Proposizione principale[modifica]

La proposizione principale è la proposizione che ha senso compiuto: può stare da sola (quindi la possiamo isolare dal periodo), è autonoma, indipendente. Se la principale coincide con il periodo stesso si dice principale indipendente, se regge invece altre frasi semplici si dice principale reggente.

I gradi di subordinazione[modifica]

Proposizioni incidentali o parentetiche[modifica]

Subordinate esplicite e implicite[modifica]