LibreOffice Writer/Automatizzare processi: il registratore di macro

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro

Il linguaggio macro utilizzato per LibO merita tutto un libro dedicato.

Fortunatamente per la maggior parte di quei «piccoli lavori» ripetitivi non è necessario conoscere i dettagli di come una macro viene programmata oppure di come funziona: LibO offre uno strumento, limitato ma funzionale, per crearle automaticamente.

Nella parte E del libro vedremo un paio di esempi pratici di come utilizzare il registratore di macro presentato di seguito.

Registrare una macro[modifica]

La prima cosa da fare è attivare il registratore di macro in Strumenti → Opzioni → LibreOffice → Avanzate → marcare Abilita la registrazione di macro (potrebbe essere limitata).

Il motivo dell'aggettivo «limitata» è, purtroppo, che il registratore risulta lontano da essere perfetto. Se si devono automatizzare la realizzazione di lavori mediamente complicati non ci darà buoni risultati perché il codice generato non è «pulito», ma per attività semplici potrebbe funzionare.

Attivato il registratore di macro dovremo pianificare anticipatamente e con molta accuratezza i tutti i movimenti che vogliamo «registrare», possibilmente scrivendo su carta tutti i passaggi in ordine: quale menù, quale opzioni, eccetera.

Una volta sicuri di quello che vogliamo fare andiamo a Strumenti → Macro → Registra macro. Una piccola finestra comparirà con un unico bottone per finalizzare la registrazione.

Una volta finito il procedimento che si vuole automatizzare si preme il bottone appena commentato per trovarsi davanti a una finestra di dialogo che servirà a salvare la macro appena creato.

Qui dobbiamo scegliere tra salvare nelle macro personali, facendo così che sia disponibile per tutti i documenti, oppure nel documento stesso.

Possiamo scegliere un nome più chiaro per la macro che quello predefinito. Si deve tenere presente che i nomi possibili devono essere in caratteri «normali»: trattini, accenti e altri non saranno accettati.

Le macro possono essere raggruppate in librerie e in moduli: una libreria contiene moduli e questi contengono le macro, perciò se il lettore pensa di dover creare tante macro dovrà imparare come gestire le librerie e i moduli.[1]

Eseguire una macro[modifica]

Adesso che la macro è già registrata non rimane che utilizzarla. Con Strumenti → Macro → Esegui macro troveremo uno strumento per scegliere la macro che ci serve.

Chiaramente fare questo ogni volta non è proprio comodo, però fortunatamente non è neanche necessario. Per semplificare l'esecuzione del macro ci sono due opzioni:

Tastiera In Strumenti → Personalizza → scheda Tastiera potremo assegnare un tasto di scelta rapida a una macro. Abbiamo già parlato dei tasti a scelta rapida nella parte B.1.1
Bottoni In Strumenti → Personalizza → scheda Barra degli strumenti possiamo creare un bottone per aggiungerlo a una barra degli strumenti esistente oppure creare una nuova. Abbiamo già parlato di questo nella parte B.1.2.

Finalmente, in Strumenti → Macro → Organizza macro → LibreOffice Basic si può cancellare, modificare il nome oppure il codice delle nostre macro.

Note[modifica]

  1. In quel caso dovrà pure imparare a programmare le macro «a mano»: come detto, in questi casi il registratore non sarà sufficiente.