Piemontese/Piemontese di Alessandria

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search

Indice del libro
Platano Napoleone.jpg

Il piemontese di Alessandria è quello che presenta le più vistose differenze rispetto allo standard, insieme con il Piemontese della Valsesia. Si tratta infatti di aree periferiche a contatto con altre lingue. L'alessandrino ha subito la triplice influenza di lombardo, ligure ed emiliano, tuttavia la lingua a cui viene ricondotto è il piemontese e il centro di koiné a cui fa capo per motivi amministrativi, storici e ovviamente linguistici, è Torino.

Il piemontese di Alessandria è urbano. Viene parlato nella città e nelle aree strettamente confinanti. E' stato portato dai coloni monferrini che hanno fondato la città nel XII secolo, ed è stato mantenuto con la dominazione astigiana e successivamente sabauda. La città di Alessandria, è stata per secoli una città di confine ed è nota la sua tradizione militare. Il controllo piemontese della città vi ha continuamente portato reclute dal resto dei domini dei Savoia, e la lingua delle caserme ha definito quella della città. In realtà i rapporti economici di Alessandria non l'hanno mai isolata completamente in Piemonte, tant'è che con lo sviluppo del Nord-Ovest dell'Italia, la città si troverà nel centro geometrico del triangolo industriale, e sarà uno dei principali snodi ferroviari italiani (aspetto strategico che le costerà numerosi bombardamenti in tempo di guerra). La città dista 76 km da Torino, passando per il Monferrato, 76 km da Milano, passando per la Lomellina e 61 km da Genova, passando per l'Appennino. Inoltre è il collegamento fra Piemonte ed Emilia. Tutti questi aspetti concorrono nel definire il piemontese di Alessandria.

Grazie a questo brano è possibile analizzare tutte le differenze fra piemontese standard e piemontese di Alessandria. Conoscendo la koiné e conoscendo le peculiarità alessandrine rispetto alla koiné, è possibile parlare entrambe le versioni di piemontese. Nello scritto tuttavia si predilige la koiné.

La parabola del figliol prodigo in piemontese di Alessandria[modifica]

In òm l'éiva dói fiói.
Er pu giovo ëd sti fiói l'ha dicc a sò pari: “Papà, dami ra part dij ben ch'om toca!”. E lu o j'ha spartì e o j'ha dacc ra soa part.
E da léi a pochi dì, er fió pu giovo l'ha facc su tut e l'è andacc ant in pais lontan, e là l'ha sgarà tut er facc sò a fè der sbauci.
E quand ch'o n'èiva pu nént afacc, i è stacc 'na gran carestia ant col pais, e lu l'ha prinsipià a slantè par vivi.
E l'è andacc e o s'è antrodot an ca 'd jeun dij sitadin 'd col pais ch'o l'ha mandà a ra sò cassinna a fè ra vuardia ai ghén.
E bramava d'ampiss ra panza der giandori ch'i mangiavu ij ghén, e anseun a-j na dava.
Ma quand ch'l'ha vist o sò disingan, l'ha dicc: "O quanta gent 'd servissi an cà 'd mè pari, ch'i han der pan a uffa, e méi acsichì a ma mór dra fam!
L'è mèj ch'a m'àussa, e ch'a vaga da mè pari, e a-j dirò: Papà, méi a i hò mancà còntra o Sé e còntra téi
A 'n mérit gnanca pu d'essi ciamà tò fió. Tratmi 'mè ch'a fissa jeun d'o tò servissi".
E su ch'l'è stacc, l'è andacc da sò pari. Antratant ch'l'era ancora lontan, sò papà o l'ha vist e pijà da ra compassion o j'è cors ancòntra e o n'ha brassà er còl, e ol l'ha basà.
E is fió o j'ha dicc: "Papà, i hò mancà còntra o Sé e còntra 'd téi. A 'm mérit gnanca d'essi ciamà tò fió".
Er pari l'ha dicc ai sò servidor: "Prest, tiré fòra l'avstì pu pressios, e butèjli andòss, e mitij l'anel ant o dij e ij stivalèn ai pè.
E amnè chì er vidèl grass, e massèli, e ch'os mangia e ch'os staga alegrament.
Përché ist mè fió l'era mòrt e l'è risussità, o s'era pers e o s'è trovà". E léi i han prinsipià a fè 'n grand past e stèssni alégher.
Anlora er fió prim a l'era an campagna e quand ch'o tornava, e avzinàndsi a ra ca, l'ha santì ch'i sonavo e ch'i balavo.
E l'ha ciamà jeun dij servidor e ol l'ha interogà su ch'l'era su chì.
E l'àter l'ha rispòst: "L'é tornà a ca tò fradel e tò pari l'ha massà in vidèl grass përché ol l'ha ricuperà san e salv".
E lu l'é andacc an còlra e 'n voriva pu intrè drent; donca l'è surtì fòra er pari, ch'l'ha prinsipià a pregheli.
Ma lu a l'ha rispòst e l'ha dicc al sò pari: "L'è zà tancc ani che méi at serv, e a n'hò maj trasgredì jeun dij tò órdin, e 'n t' m'hai maj dacc in cravèt par ch'a 'm la godissa con ij mè amis.
Ma da dòp ch'o j'è avnì chì is tò fió, ch' l'ha divorà tut er facc sò con der doni 'mè si séja, t'hai massà par lu er videl grass".
Ma er pari o j'ha dicc: "Fió, téi t'èi sémper con méi, e tut col ch'a i hò méi l'é tò.
Ma l'era ben giust da fé in gran past e da fé festa përchè is tò fradel l'era mòrt e l'è risussità; o s'era pers e o s'è trovà".

Bernardino Biondelli, saggio sui dialetti Gallo-Italici, pag. 548


In questo brano si evidenziano tutte le differenze dell'alessandrino rispetto al piemontese standard (o koiné, dal greco antico, "lingua comune"):

  • -it e -ti a fine parola vengono pronunciati -cc, fenomeno molto diffuso sia nel piemontese orientale e meridionale che nel lombardo.
  • Alcune a del piemontese standard vengono pronunciate [ɔ] (scritte <o>) es.: Lissandria>Lissondria
  • L'articolo indeterminativo piemontese standard "ën" viene pronunciato [in]
  • Gli articoli determinativi singolari "ël" e "la" vengono pronunciati [er] e [ra] (tipico monferrino), oppure [ʊ] e [a] (influenza ligure).
  • La preposizione "për" viene pronunciata [par]
  • Le particelle che si assemblano in coda ai modi indefiniti dei verbi, che in koiné hanno varie finali (o,e), vengono pronunciate con la finale in "-i".
  • La seconda coniugazione e molte parole che nella koiné si scrivono terminanti per "-e" in alessandrino sono pronuncati terminanti per "-i".
  • mi (io) diventa [mɛj]; "ti" (tu) diventa [tɛi], "chiel" e "chila" diventano "lu" [ly] e "la", come in vercellese.
  • "lì" e sì" (lì e qui) del piemontese standard in alessandrino sono "lèi" [lɛj] (influenza emiliana) e "chì" [ki] (influenza lombarda).
  • I pronomi personali clitici del piemontese standard sono "i, it, a, i, i, a", nell'alessandrino diventano rispettivamente "a, it, o, -, -, i"
  • Il pronome personale clitico viene spesso eliso fra il che e il verbo che segue, come avviene anche in astigiano. (che a l'é > ch'a l'é > ch'l'é)
  • "già" diventa "zà" per un'influenza emiliana.
  • "pì" (più) diventa "pù", per un'influenza lombarda (pussee).
  • "un" [yŋ] del piemontese standard ("uno" inteso come numero e non come articolo indeterminativo) si pronuncia "jeun" [jøŋ].
  • La "n" faucale piemontese nelle parole femminili, viene sovente rimpiazzata da una doppia "nn". cassin-a>cassinna
  • Come in monferrino le finali in "-in" si aprono fino a diventare "-èn" (stivalin>stivalèn). bin [biŋ] (bene) viene pronunciato [bɛŋ].
  • Nel piemontese standard si dice "rëspondù", "vëddù", "corù", "perdù", "antrodovù" (regolari), mentre in alessandrino si usano (anche, ma non solo) gli irregolari "rëspòst", "vist", "cors", "pers", "antrodot". Questa caratteristica non è ammessa nella koiné.
  • L'aggettivo indefinito "ës" [әs] (questo) viene pronunciato [is].
  • Lessico tipico alessandrino:
    • ghèn: maiali; koiné: crin.
    • fió: figlio; koiné: fieul.
    • cincanta: cinquanta; koiné: sinquanta.
  • Tutte le variazioni diatopiche alessandrine elencate fino ad ora sono state circoscritte a pronuncia e lessico. La grammatica alessandrina ha due sole varianti rispetto a quella del piemontese standard, che non fanno parte della koiné, ma che possono essere utilizzati in un testo dichiaratamente alessandrino:
    • La negazione può essere posta anche davanti al verbo come una 'n (es.: A 'n mérit gnanca pù d'essi ciamà tò fió, non mi merito neanche più di essere chiamato figlio tuo), ed è concesso il raddoppiamento della negazione ('n... gnanca), cosa che in koiné la annullerebbe di significato.
    • In koiné, quando si deve esprimere particelle dative, accusative, genitive o locative con i tempi composti di qualsiasi verbo, queste particelle vegnono assemblate al participio passato. In alessandrino invece vengono assemblate al pronome personale clitico. Questa forma compare talvolta anche negli scritti in koiné. Non è scorretta, però è rara e ha un suono insolito, aulico o torbido a seconda del contesto.