Costigiola/Ciliegio canino

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Costigiola - piante di ciliegio canino

Il ciliegio canino (Prunus Mahaleb è un albero appartenente alla famiglia delle Rosacee), diffuso nei boschi sia collinari che montani, sui terreni rocciosi calcarei. E' una pianta amante della luce, legata ad ambienti caldo-asciutti e soleggiati, in particolare i boschi cedui dove è presente la roverella.

Come posso riconoscere questa pianta?[modifica]

Costigiola - ciliegio canino
Costigiola - ciliegio canino, fiori sfioriti e foglie
Costigiola - ciliegio canino, fiori e spine

Puoi riconoscere il ciliegio canino da un insieme di elementi, le foglie, i fiori in primavera e le ciliegie selvatiche in estate. Oppure dalla tabellina in legno collocata su un alberello.

Arbusto di medie dimensioni o anche piccolo albero alto fino a 10 m, con radici laterali forti, profonde e ramificate; molto pollonifero.

Il tronco è cilindrico, eretto, con rami ascendenti che formano una chioma piuttosto folta e tondeggiante. La corteccia ha colore variabile dal grigio chiaro al bruno rossastro e si sfalda in caratteristiche strisce orizzontali; il legno è duro, di colore verdastro al taglio e sgradevole odore amaro. I rami sono spesso spinosi, eretti e flessibili, i rametti giovani pubescenti-vischiosi, provvisti di lenticelle, dapprima di colore verde chiaro, poi grigio-rossastro ed infine grigio scuro.

Le foglie sono cuoriformi e alterne, con margine doppiamente dentellato, acuminate, a lamina sovente ripiegata all'insù a V sulla nervatura centrale, glabre e rugose nella pagina superiore, pelose nell’inferiore, con esile e corto picciolo.

I fiori sono debolmente profumati, in corimbi brevi ed eretti di 4-12-flori, portati da esili peduncoli stipolati alla base, corolla bianca a 5 petali piccoli ovali. I frutti sono drupe globose nero-rossastre, che maturano nei mesi di giugno-luglio sviluppando una gran quantità di ciliegie, di sapore piuttosto amarognolo e aspro ma gradite agli animali selvatici.

Come viene utilizzata?[modifica]

La pianta selvatica, rustica e robusta, è spesso impiegata come portainnesti per varietà di ciliegi coltivati da frutto.

Tutta la pianta contiene cumarina, composto aromatico usato nella confezione di essenze di frutta e profumi e nella concia di particolari tipi di tabacco.

Il legno della pianta viene usato per fabbricare pipe; veniva impiegato pure, grazie alla sua durezza e resistenza, per lavori a tornio, bastoni, manici, scatole e pipe che mantengono un gradevole aroma.

Dove la posso trovare a Costigiola?[modifica]

Al limite tra il bosco ceduo e il prato superiore.

Piante presenti a Costigiola

Alberi: Acero campestre (Opio) · Bagolaro · Biancospino · Carpino bianco (Càrpane) · Carpino nero (Carpanéa) · Ciliegio · Ciliegio canino · Corniolo · Fico · Gelso (Moraro) · Ligustro · Nocciòlo · Olivo · Olmo campestre · Orniello · Pruno selvatico · Robinia (Cassia) · Rovere · Roverella
Arbusti: Dondolino · Edera · Pungitopo · Rosa canina (Stropacu'i) · Rovo (Russa) · Scotano · Vitalba, Clematide (Visoni)
Erbe: Acetosa · Aglio orsino · Anemone · Anemone di bosco · Anemone gialla · Anemone fegatella (Erba Trinità) · Camomilla · Colombina cava (Ga'éti) · Ciclamino · Dente di cane · Elleboro verde · Falsa ortica (Ciuci) · Fragola · Geranio selvatico · Latte di gallina · Malva · Piantaggine · Pimpinella · Polmonaria · Pratolina · Primula · Salvia dei prati · Scilla · Stellaria garofanina · Tamaro (Tanoni) · Tarassaco, Dente di leone, Soffione (Pissacàn) · Vedovelle celesti · Vedovina · Veronica · Viola
Muschi e licheni