Latino/Aggettivi e pronomi dimostrativi

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Regole fondamentali
Morfologia
  1. Le 5 declinazioni
    1. Origini delle 5 declinazioniLatino/Origini delle 5 declinazioni
    2. PrimaLatino/Prima declinazione
    3. SecondaLatino/Seconda declinazione
    4. TerzaLatino/Terza declinazione
    5. QuartaLatino/Quarta declinazione
    6. QuintaLatino/Quinta declinazione
  2. Aggettivi
    1. Prima classeLatino/Aggettivi di prima classe
    2. Seconda classeLatino/Aggettivi di seconda classe
    3. ComparativoLatino/Grado comparativo
    4. SuperlativoLatino/Grado superlativo
    5. Numerali
  3. Pronomi
    1. Pronomi personaliLatino/Pronomi personali
    2. Pronomi relativiLatino/Pronomi relativi
    3. Aggettivi e pronomi possessivi
    4. Aggettivi e pronomi indefinitiLatino/Aggettivi e pronomi indefiniti
    5. Aggettivi e pronomi dimostrativiLatino/Aggettivi e pronomi dimostrativi
  4. Il verbo
  5. Parti invariabili del discorso
    1. Formazione degli avverbiLatino/Formazione degli avverbi
    2. Classificazione degli avverbi
    3. PreposizioniLatino/Preposizioni
    4. CongiunzioniLatino/Congiunzioni
    5. Interiezioni
Sintassi
  1. Sintassi di baseLatino/Sintassi di base
  2. Sintassi dei casiLatino/Sintassi dei casi
    1. NominativoLatino/Nominativo
    2. GenitivoLatino/Genitivo
    3. DativoLatino/Dativo
    4. AccusativoLatino/Accusativo
    5. VocativoLatino/Vocativo
    6. AblativoLatino/Ablativo
  3. Analisi del periodo
    1. Subordinata relativaLatino/Subordinata relativa
    2. Subordinata finaleLatino/Subordinata finale
    3. Completiva volitivaLatino/Completiva volitiva
  4. Periodo ipoteticoLatino/Periodo ipotetico
Appendice

Gli aggettivi e i pronomi dimostrativi si chiamano così perché indicano una persona o una cosa nello spazio. In latino sono tre

  • hic, haec, hoc, che significa "questo"
  • iste, ista, istud, che significa "codesto"
  • ille, illa, illud, che significa "quello"

Hanno tre uscite come tutti gli aggettivi e i pronomi, ma al nominativo hanno forme che sono loro proprie:

  • la c di hic, haec, hoc è un residuo della particella -ce, che aveva la funzione di rafforzare il dimostrativo;
  • l'uscita in d dei casi diretti di ille e iste (rispettivamente illud e istud) è una particolarità della flessione dei pronomi.

Declinazione di hic, haec, hoc, "questo"[modifica]

Singolare Plurale
Maschile Femminile Neutro Maschile Femminile Neutro
Nominativo hic haec hoc hi hae haec
Genitivo huius huius huius horum harum horum
Dativo huic huic huic his his his
Accusativo hunc hanc hoc hos has haec
Ablativo hoc hac hoc his his his

Declinazione di iste, ista, istud, "codesto"[modifica]

Singolare Plurale
Maschile Femminile Neutro Maschile Femminile Neutro
Nominativo iste ista istud isti istae ista
Genitivo istius istius istius istorum istarum istorum
Dativo isti isti isti istis istis istis
Accusativo istum istam istud istos istas ista
Ablativo isto ista isto istis istis istis

Declinazione di ille, illa, illud, "quello"[modifica]

Singolare Plurale
Maschile Femminile Neutro Maschile Femminile Neutro
Nominativo ille illa illud illi illae illa
Genitivo illius illius illius illorum illarum illorum
Dativo illi illi illi illis illis illis
Accusativo illum illam illud illos illas illa
Ablativo illo illa illo illis illis illis

Particolarità dell'uso dei dimostrativi[modifica]

Ci sono alcune particolarità nell'uso dei dimostrativi.

  • iste, ista, istud possono assumere un valore dispregiativo, come se il parlante voglia prendere le distanze da un oggetto o una persona;
  • ille può avere il valore enfatico di "quel famoso...";
  • illud, seguito dal genitivo, ha il significato di "il famoso detto di...";
  • hic, haec, hoc e ille, illa, illud possono avere funzione prolettica, cioè anticipare il contento di una proposizione, che può essere una indipendente oppure una dipendente (un'infinitiva oppure una proposizione introdotta da ut, quod...);
  • ci sono infine alcune espressioni in cui illud, all'accusativo con valore avverbiale, è seguito dal genitivo di una cosa, per esempio illud aetatis, "a quell'età", e illud horae, "a quell'ora".