Shoah e identità ebraica/Arrivo ad Auschwitz

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro
Birkenau múzeum - panoramio (cropped).jpg
Ingrandisci
Campo di concentramento di Auschwitz, entrata di Auschwitz II-Birkenau: il binario del treno, in funzione da maggio a ottobre 1944, portava direttamente alle camere a gas. L'edificio è ora conservato dal Museo di Auschwitz-Birkenau. Questa immagine mostra il binario dall'esterno del campo che conduce attraverso il cancello alla terza rampa di scarico e alle camere a gas. La prima rampa fu costruita nel 1940 vicino ad Auschwitz I, il campo principale. La seconda rampa, la "Alte Judenrampe", fu costruita nella stazione merci di Oświęcim tra Auschwitz I e Auschwitz II, e fu utilizzata per ricevere i trasporti di massa di ebrei e altri fino al maggio 1944, quando fu completata la terza rampa: la terza rampa fu costruita a partire dal 1943 all'interno del campo di Birkenau, ed entrò in funzione nel maggio 1944 in occasione dell'arrivo previsto dei trasporti di ebrei ungheresi. Il tratto ferroviario lungo questa rampa correva fino alle camere a gas e ai crematori II e III. Su questa rampa venivano scaricati, oltre ai 430.000 ebrei ungheresi, 67.000 ebrei del ghetto di Łódź e alcuni trasporti provenienti dal ghetto di Terezin e dalla Slovacchia. Da questo punto in poi, all'interno del campo, avvenivano selezioni di massa di ebrei, sotto gli occhi di migliaia di prigionieri. Qui venivano scaricati anche i trasporti di polacchi provenienti da Varsavia durante la rivolta, inviati ad Auschwitz attraverso il campo di transito di Pruszków

La decostruzione dell'identità ebraica ad Auschwitz[modifica]

(IT)
« Invitiamo ora il lettore a contemplare il possibile significato nel Lager delle parole "bene" e "male", "giusto" e "ingiusto"; che tutti giudichino, in base al quadro che abbiamo appena delineato e agli esempi sopra riportati, quanto del nostro mondo morale ordinario potrebbe sopravvivere al di qua del filo spinato. »

(EN)
« We now invite the reader to contemplate the possible meaning in the Lager of the words ‘good’ and ‘evil’, ‘just’ and ‘unjust’; let everybody judge, on the basis of the picture we have just outlined and of the examples given above, how much of our ordinary moral world could survive on this side of the barbed wire. »
(Levi Man:92)

Nella loro oppressione degli ebrei, i nazisti costruirono un sistema protratto e progressivo di disumanizzazione e decostruzione dell'identità ebraica prima dello sterminio fisico che avveniva nei campi. Le Leggi di Norimberga escludevano gli ebrei dalle loro identità professionali e nazionali: rimuovendo i loro diritti di cittadini e impedendo i matrimoni con ariani, gli ebrei erano definiti legislativamente come "altri" culturali e razziali. La creazione dei ghetti rimosse questi "altri" dalla società e continuò il sistema di disumanizzazione. In un decennio i nazisti avevano progressivamente spogliato le varie sfaccettature dell'identità e dei diritti di cittadinanza per cui gli ebrei avevano lottato per secoli. In Oriente la popolazione ebraica non era più confinata alla "Zona di residenza", ma lontano dalle città più metropolitane rimasero comunità ebraiche più isolate e segregate. In Occidente gli ebrei avevano conquistato l'emancipazione civile e potevano far parte di una cultura nazionale pur mantenendo la loro identità religiosa, se lo volevano, e anche un'identità nazionale. I campi di sterminio polacchi sigillarono la distruzione dell'ebraismo europeo.

Elie Wiesel e Primo Levi furono entrambi deportati ad Auschwitz nel 1944. All'interno del sistema dei campi si trovarono di fronte a un mondo completamente diverso in cui dover sopravvivere e un nuovo costrutto sociale e morale con cui misurarsi. Sotto la tremenda tensione fisica, emotiva e mentale dell'Olocausto, gli ebrei dell'Europa orientale e occidentale furono costretti a confrontarsi e a impegnarsi nuovamente l'uno con l'altro. Nei campi di sterminio le distinzioni culturali e geografiche furono rimosse mentre la spogliazione dell'identità venne portata al limite. Famiglie e amici furono separati, i nomi rimossi e sostituiti con un numero anonimo, gli abiti civili e persino i capelli vennero rimossi, negando un'identità personale e fisica. Ad aggravare questa mancanza di identità individuale, esisteva una gerarchia tra la massa dei prigionieri anonimi. Ciò fu orchestrato in modo tale da non solo avvantaggiare i nazisti, ma anche danneggiare ulteriormente il già debole e fratturato senso di unità e cameratismo tra gli ebrei e probabilmente per tentare di scagionare i nazisti da alcuni degli atti e compiti più orribili, come il funzionamento dei crematori. Sfruttando l'ambizione e la disperazione degli ebrei di fronte alla morte, mettendoli in posizioni di privilegio contro i loro compagni ebrei e costringendoli a una complicità nella sofferenza e nell'omicidio, i nazisti costruirono un sistema morale nei campi e nei ghetti che fece crollare l'ordinaria opposizione binaria bene/vittima (ebreo) e male/oppressore (nazista). Wiesel e Levi furono esposti a questo nuovo costrutto morale e a questa gerarchia durante la loro incarcerazione e furono costretti a determinare e forgiare i propri ruoli nella struttura. Le narrazioni di Levi e Wiesel registrano i loro tentativi di negoziare un equilibrio tra il mantenimento della loro identità e umanità, e la sopravvivenza a un sistema progettato per distruggere l'ebraismo, mentalmente, emotivamente e socialmente, oltre che fisicamente.

Inghiottito dalla notte: l'arrivo ad Auschwitz[modifica]

Auschwitz I entrance snow.jpg
Ingrandisci
Entrata di Auschwitz I, in alto la dicitura Arbeit macht frei (Il lavoro rende liberi)

L'arrivo alla rampa di scarico di Birkenau era un momento di caos e panico dopo ore, giorni, addirittura settimane di estenuante transito per ebrei e deportati d'Europa. Gli ebrei dei campi di internamento dei paesi occupati – come il Campo di Fossoli, dove Levi fu internato, e ghetti come quello di Wiesel a Sighet – avevano sperimentato gli insidiosi metodi di disumanizzazione e decostruzione dell'identità dei nazisti. Fu all'arrivo nei campi, tuttavia, che la vera portata della decostruzione dell'identità ebraica da parte dei nazisti e della distruzione del popolo ebraico venne rivelata nella corruzione, nelle gerarchie e nelle orchestrazioni dei campi di concentramento e di sterminio. Wiesel aveva provato in prima persona il sistema di incarcerazione e disumanizzazione del ghetto. Levi no, ma era consapevole della manipolazione da parte dei nazisti di collaboratori ambiziosi e profittatori, ma in definitiva impotenti, dopo la sua esperienza della presa in consegna nazista del campo di detenzione di Fossoli, precedentemente gestito dai fascisti (Thompson 2003:157). Nessuno dei due, tuttavia, era veramente preparato per la piena portata del dominio nazista e della distruzione che si presentò loro ad Auschwitz. Dopo giorni di faticosi ed estenuanti viaggi attraverso l'Europa in carri bestiame piombati, i viaggi di deportazione di Wiesel e Levi si conclusero in Polonia nel campo di Auschwitz-Birkenau nel 1944. Wiesel arrivò a maggio con la sua famiglia e furono immediatamente inviati al sito di Birkenau (Wiesel All Rivers:70). Levi fu deportato dall'Italia a febbraio, sua madre e sua sorella ancora libere in casa (e suo padre morto anni prima di cancro) ed essendo inizialmente arrivato ad Auschwitz, venne trasferito a varie squadre di lavoro presso il sito di Monowitz-Buna (Levi Man:20).

Wiesel e Levi avevano entrambi sofferto l'esaurimento, la fame, la sete e l'estremo disagio dei trasporti al campo, un'altra fase preparatoria del sistema dei campi di concentramento e della politica nazista di disumanizzazione delle loro vittime. Dopo lunghi viaggi sigillati nei vagoni merci senza acqua né cibo, né spazio né pace per riposarsi e senza disposizioni igieniche, i deportati erano stanchi, umiliati, con i nervi a fior di pelle e ancora ignoranti della loro destinazione. Wiesel narra nella sua letteratura la storia della sua vicina di Sighet, la signora Schachter, che impazzisce durante il viaggio con visioni di incendi e il costo della sua follia sui nervi delle persone nel suo vagone. "Our nerves had reached a breaking point. Our very skin was aching. It was as though madness had infected all of us. We gave up. A few young men forced her to sit down, then bound and gagged her" (Wiesel Night:26). La storia della signora Schachter è raccontata di nuovo da Wiesel nel suo successivo libro di memorie All Rivers Run to the Sea (Wiesel All Rivers:76). Usando l'immaginario di una donna impazzita da visioni di fuochi che nessun altro può vedere finché non si trovano di fronte ai camini di Birkenau, Wiesel non solo illustra il viaggio tortuoso che gli ebrei dovettero sopportare, ma usa anche un motivo tradizionale della storia e della letteratura ebraica, quella del profeta. Così come non viene creduto Moshe il bidello, che torna a Sighet dalle fosse dei massacri delle Einsatzgruppen per avvertire gli ebrei, né viene creduta l'allucinata signora Schachter, in tal modo Wiesel mette in evidenza lo shock e il trauma che gli ebrei di Sighet subirono quando arrivarono a Birkenau (Wiesel All Rivers:28-29).

Questo fu l'inizio dell'esperienza dell'Olocausto, l'introduzione al sistema dei campi e già, attraverso il trauma del viaggio di deportazione, i legami tra gli ebrei, compagni-vittime del sistema nazista, venivano messi alla prova e danneggiati. La sopravvissuta ad Auschwitz (e Theresienstadt) Ruth Klüger discute nelle sue memorie le relazioni fragili e turbolente all'interno della sua stessa famiglia durante gli anni della guerra e oltre, e difende la sua esperienza contro la tipica reazione in quei periodi traumatizzanti: "the victims should have come closer together and formed strong bonds" (2003:54). Kluger sostiene che l'oppressione nazista ha esacerbò solo la fragilità della natura umana e in ambienti così ristretti e rigorosamente controllati come i treni e i campi, la tensione si manifestò molto più velocemente e i nervi si logorarono molto più gravemente. "In our heart of hearts, we all know the reality: the more we have to put up with, the less tolerant we get and the texture of family relations becomes progressively more threadbare. During an earthquake, more china gets broken than at other times" (Kluger 2003:54).

La sopravvissuta Ruth Klüger, alla Fiera del libro di Francoforte 2010

Sebbene sia arrivato più tardi e sia stato detenuto in una parte diversa del vasto sito di Auschwitz, il mondo di Wiesel si scontrò con quello di Levi nel 1944, nel punto in cui le loro vite precedenti scomparvero nel caos delle rampe di scarico di Auschwitz. Con la dura realtà del grido degli ordini tedeschi, dei cani da guardia, delle percosse e della presenza di strani uomini emaciati in uniformi a righe, i ricordi di casa furono rapidamente abbandonati mentre Wiesel e Levi furono costretti ad assimilarsi nel nuovo universo di ciò che David Rousset definì "L'Univers concentrationnaire", l'universo concentrazionario (Rousset 1946). Dopo la liberazione, Wiesel si oppose all'assimilazione poiché la percepiva come un abbandono della cultura e della tradizione ebraiche (Wiesel Conversations:168). Nell'assimilarsi alla vita in un luogo di sterminio, cioè nell'adattarsi con sufficiente successo da evitare percosse, fame, esaurimento e morte, gli ebrei dovevano sospendere la loro dipendenza dalle loro precedenti identità di cultura, lingua, professione e classe, e apprendere rapidamente il nuove regole di vita nel campo. In poche ore dal suo arrivo ad Auschwitz, Levi fu in grado di dire: "We already know in good part the rules of the camp, which are incredibly complicated" (Levi Man:39).

Mentre Wiesel e Levi ricordano la loro prima notte ad Auschwitz, nelle rispettive testimonianze sulla Shoah, La Nuit (Night) e Se questo è un uomo (Man), ci sono dei paralleli nel loro linguaggio, in particolare il simbolismo della notte per descrivere la scomparsa di familiari, amici e compatrioti, coloro con cui Levi e Wiesel avevano trascorso i giorni precedenti rinchiusi in vagone — scrive Levi: "in the hour of decision said to each other things that are never said among the living" (Levi Man:26). Questi uomini e queste donne, che solo pochi giorni prima erano diventati così vicini l'uno all'altra, scomparvero nella notte per non essere mai più visti. "The night swallowed them up, purely and simply" (Levi Man:26). Levi perse amici e vicini la notte in cui entrò ad Auschwitz. Per Wiesel, la sua memoria è segnata dall'immagine di sua madre e della sua giovane sorella che vengono portate via da lui nella notte; come la maggior parte delle donne e dei bambini, furono immediatamente condotti alle camere a gas di Birkenau e quindi alla loro morte. È questo ricordo che ossessiona le sue memorie e colora la retorica della sua prima notte ad Auschwitz. "Never shall I forget that night, the first night in camp, that turned my life into one long night seven times sealed" (Wiesel Night:34). La dichiarazione letteraria di Wiesel in Night esemplifica il suo uso dell'immaginario notturno per descrivere la sua esperienza dell'Olocausto e apre anche il tono teologico della sua narrazione. In questo primo brano della sua testimonianza si stabilisce l'identità religiosa e letteraria di Wiesel.

Searchtool.svg Per approfondire, vedi Interpretazione e scrittura dell'Olocausto e Serie letteratura moderna.