Shoah e identità ebraica/Ebraicità dentro e fuori

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro

Impantanati nell'ebraicità: l'ebreo come "altro" dal di dentro e dal di fuori[modifica]

Primo levi faceva parte di una famiglia che riconosceva la propria eredità ebraica e osservava certi rituali senza rigore ortodosso. Levi fu allevato in un ambiente assimilato ma con osservazioni apparentemente superficiali della sua identità familiare ebrea. Questa identità contraddittoria e complessa riecheggia quella di un precedente scrittore ebreo europeo, Franz Kafka. Come modello delle complessità di un'identità ebraica assimilata e delle influenze di tale identità sulla letteratura dell'autore, Kafka è discusso come cornice occidentale per Primo Levi e confronto con lui. Il titolo di questa mia Sezione allude a un commento fatto da Kafka in una lettera. Osserva le difficoltà di essere genitori (in particolare di un padre) in una storia tradizionale ebraica dell'Europa orientale, genitori che hanno compiuto uno sforzo coscienzioso per abbandonare quella cultura ebraica, pur non trascurando la fede e adottando la cultura, il commercio e l'aspetto esteriore di gentili moderni, laici. Egli descrive la crisi di identità vissuta da tali ebrei, compreso lui stesso, come se...

(IT)
« le loro zampe posteriori fossero ancora impantanate nell'ebraicità dei loro padri e le loro zampe anteriori si dibattessero non trovando nuovo terreno. »

(EN)
« their hind legs were still mired in their fathers' Jewishness and their thrashing fore legs found no new ground. »
(Bauman 1991:86)

Questa affermazione incarna la posizione di Kafka come ebreo e "altro", che non si adatta o non si trova a suo agio in nessun luogo e, sebbene potrebbe non esserci granché negli scritti di Kafka che indichi una crisi di identità religiosa, il tema dell'"alterità" e l'essere un estraneo o un outsider è tipico delle sue opere.

Franz Kafka era solo una generazione posteriore allo shtetlekh ebraico dell'Europa orientale. Suo padre Hermann Kafka nacque in uno shtetl in Boemia. Crebbe e si trasferì a Praga e diventare un uomo d'affari di lingua tedesca, allevando suo figlio, nato nel 1883 (e altri bambini) come laico di lingua tedesca, con solo un'osservanza superficiale dell'ebraismo (Alter 1991:29-32). Questo rispetto un po' ambivalente per la fede mostra in Hermann Kafka la difficoltà di una completa assimilazione nella cultura gentile, lontana da una fede storica e tradizionale. Questa ambivalenza era chiaramente evidente per Kafka e divenne fonte di conflitto e distanza emotiva tra padre e figlio. Nella sua vita adulta, Kafka sviluppò un interesse per l'ebraismo, mai presentatogli dalla famiglia. Dopo aver incontrato una compagnia teatrale yiddish a Praga nel 1911, Kafka fu assorbito dalla storia e dalla cultura della fede ebraica e iniziò a studiare la lingua ebraica,altra nuova esperienza per il germanofono (Alter 1991:38-39).

Nonostante questa ricerca privata di conoscenza della sua storia religiosa e culturale, l'opera letteraria di Kafka tradisce poco, se non nulla, di questo contesto. A parte la caratteristica centrale della sinagoga nella sua storia L’animale nella sinagoga, i romanzi e i racconti di Kafka hanno uno sfondo decisamente secolare. Non solo sono laiche le ambientazioni e le immagini dell'immaginario letterario di Kafka, ma sono anche spesso banali, industriali e grigie, vedi la banca, i tribunali e gli appartamenti dei cittadini poveri ne Il Processo e la vita mondana del villaggio de Il castello. I protagonisti di queste storie sono spesso preoccupati dal lavoro o intrappolati in una rete di burocrazia: La preoccupazione di Gregor di prendere un treno per andare al lavoro, nonostante fosse stato trasformato in un insetto in La metamorfosi (Kafka 2007); il tentativo di Josef K. di mantenere il suo lavoro e la routine quotidiana mentre era impantanato nel suo misterioso processo (Kafka 2000) e la sua impossibile ricerca di raggiungere il castello per adempiere al suo incarico di agrimensore (Kafka 1999). In tutti questi testi, c'è poca indicazione di una qualsiasi osservazione religiosa da parte dei personaggi, né del ritrovato interesse dell'autore per la sua identità religiosa ebraica. Questi testi, infatti, dimostrano il contrario. Più visibile è la cultura in cui Kafka fu educato dalla sua famiglia, la cultura tipicamente moderna, laica e industriale di cui suo padre era così desideroso di far parte, lasciandosi alle spalle il suo retaggio ebraico nello shtetl.

Illustrazione per La metamorfosi di Franz Kafka

Mentre la voce di Kafka-l'Ebreo potrebbe non essere chiara nella sua letteratura, quella di Kafka-l'"altro" della Modernità probabilmente lo è — fatto che deriva dalla sua ambivalenza religiosa. I personaggi che Kafka crea sono spesso figure isolate, emotivamente fredde e in lotta per l'accettazione contro le popolazioni di massa che devono affrontare. Mentre in La metamorfosi Gregor ha una famiglia a cui il lettore ha accesso, la sua trasformazione lo isola da coloro che ama e lo rende un "altro" del tipo più drammatico. La repulsione della sua famiglia per l'"alterità" che incarna, il loro rifiuto e abbandono alla fine uccide Gregor, che non è più considerato dalla sua famiglia come il figlio e il fratello che avevano una volta, non più parte dell'unità familiare omogenea (Kafka 2007). In altri testi come Il processo e Il castello, il lettore non sa quasi nulla delle famiglie dei protagonisti kafkiani; questi personaggi non hanno nemmeno nomi completi, conosciuti rispettivamente solo come Josef K. e semplicemente K. Hanno già identità misteriose, nessuna unità familiare di supporto su cui fare affidamento ed entrambi sono spinti in nuovi mondi in cui sono "lo straniero", "l'estraneo" e maggiormente "l'altro". È attraverso il senso di alienazione che i personaggi di Kafka provano nei loro ambienti che l'autore emerge nella sua opera. L'incapacità di Kafka di stabilirsi a lungo in una casa o in una relazione, e il suo autoimposto isolamento da amici e familiari, suggeriscono che si considerava un tipo di "altro", nel senso di essere separato da una comunità, proprio come sentono i suoi personaggi. Il desiderio di Kafka di riconnettersi con la sua storia religiosa da cui è stato rimosso attraverso il tentativo di assimilazione della sua famiglia, è probabilmente rappresentato anche negli ambienti claustrofobici e scomodi, ma distintamente laici di cui scrive Kafka. Sembra che nella sua letteratura Kafka rappresenti un perenne problema d'identità ebraica, intensificatosi nel periodo della Modernità, quello dell'essere un "altro" che non appartiene. Come i suoi protagonisti letterari, Kafka si ritrova senza una struttura concreta nella propria vita. In un mondo moderno di ordine, sistema e regime, Kafka (e la sua famiglia) ha abbandonato la struttura religiosa di Dio, la sinagoga e la comunità ebraica, ma nel suo isolamento non è stato in grado di trovare un nuovo sistema di credenze in cui vivere comodamente. Nelle sue opere, Kafka, probabilmente una delle voci letterarie più influenti della Modernità, rimuove l'aspetto religioso ed esplicitamente ebraico da questo problema, ma dimostra l'isolamento dell'essere straniero, di non appartenere alla comunità e la tragedia dell'"alterità" . Nonostante le famiglie di Kafka e Levi siano desiderose di assimilarsi, di progredire economicamente e socialmente all'interno della loro cultura occidentale, c'è un prevalente senso di alienazione all'interno della letteratura kafkiana, che in Levi emerge nel riconoscimento della propria "alterità". Per gli ebrei, questo potrebbe essere il costo emotivo di far parte del mondo occidentale, anche fino alla Modernità degli anni ’30.

Searchtool.svg Per approfondire, vedi Franz Kafka e la metamorfosi ebraica e Interpretazione e scrittura dell'Olocausto.