Shoah e identità ebraica/Conclusione 4

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro
Bundesarchiv Bild 101I-134-0782-12, Polen, Ghetto Warschau, alter Mann.jpg
Ingrandisci
Ghetto di Varsavia: anziano ebreo crollato sul lastricato, maggio 1941

Conclusione[modifica]

Hitler si costruì una carriera politica dal suo antisemitismo e dal nazionalismo virulento ed emerse come leader politico della Germania in un momento di caos e miseria. In una campagna antisemita e con poco altro per formare un'ideologia politica, coltivò e diffuse nella nazione tedesca un diffuso senso di risentimento e di orgoglio danneggiato dalla sua sconfitta nel 1918. Costruendo un'immagine dell'eroico ariano e creando contemporaneamente un'immagine dell'ebreo pericoloso e traditore, la campagna di propaganda nazista creò con successo una divisione nel senso di identità tedesco tra il tedesco e l'"altro" ebreo. Mentre la propaganda visiva prodotta dai nazisti andava in qualche modo a segregare gli ebrei e ad alienarli dai loro vicini ariani, i nazisti riconobbero che per convincere pienamente la popolazione tedesca dell'"alterità" degli ebrei, avrebbero dovuto adattare gli ebrei al loro immaginario distorto, prima di rimuoverli completamente dalla visione del Terzo Reich di Hitler.

Una rapida politica di legislazione e cambiamento costituzionale discriminava gli ebrei, vietando loro di vivere una vita di successo, istruita e socialmente libera, prima che la Kristallnacht vedesse un livello di violenza antisemita senza precedenti nel regime nazista. Infranto questo confine di violenza e assassinio, la persecuzione nazista degli ebrei accelerò dopo il 1938 verso la Soluzione Finale. Rimuovendo gli ebrei dalle loro case, dal lavoro e dall'istruzione e costringendoli in ghetti e campi di lavoro insalubri e sovraffollati, gli ebrei iniziarono a soddisfare l'identità data loro dalla propaganda nazista. Negli anni ’40, i nazisti avevano sufficientemente condizionato sia la popolazione tedesca che gli ebrei dell'Europa occupata, attraverso una propaganda disumanizzante e una campagna legislativa, da iniziare il loro processo di sterminio degli ebrei d'Europa e rimuovere gli indesiderabili "altri" dal Terzo Reich ariano. Le vite di Levi in ​​Italia e Wiesel in Romania erano state entrambe colpite separatamente dall'assunzione del potere da parte di Hitler. La costruzione antisemita dell'ebreo come "altro" si era infiltrata nelle culture dei paesi occupati: Levi e Wiesel percepirono la loro distanza e "alterità" dai loro vicini gentili. Dopo un decennio di dominio nazista, al momento dell'arrivo di Levi e Wiesel ad Auschwitz, la loro identità ebraica era stata decostruita "dal di fuori" e le loro vite precedentemente polarizzate dovevano convergere ad Auschwitz-Birkenau.

Ghetti e Campi[modifica]

Searchtool.svg Per approfondire, vedi Interpretazione e scrittura dell'Olocausto e Serie letteratura moderna.