Shoah e identità ebraica/Conclusione 3

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro
Isidor Kaufmann - Commercial Instruction.jpg
Ingrandisci
"Istruzione commerciale", di Isidor Kaufmann (c.1900)

Conclusione[modifica]

Attraverso secoli di Modernità le comunità ebraiche d'Europa erano state divise tra Oriente e Occidente. Per quasi un secolo gli ebrei d'Italia si erano modernizzati con la cultura che cambiava e si erano già assimilati alla cultura secolare italiana. Nell'Est, nella Romania di Wiesel, le comunità ebraiche, ancora reduci da secoli di sporadici violenti scoppi di antisemitismo, avevano costituito comunità insulari, intimamente collegate e profondamente religiose. Mentre il diciannovesimo secolo si trasformava nel ventesimo e l'antisemitismo rialzava ancora una volta la testa in tutta Europa, le comunità ebraiche al suo interno erano già disparate e fratturate. Nel 1944, mentre la rete nazista si chiudeva sugli ebrei dell'Est e dell'Ovest, Primo levi ed Elie Wiesel dovettero affrontare sfide alla loro percezione di identità ebraica. Il senso di sicurezza di Levi come italiano assimilato fu infranto nella consapevolezza che la sua sicurezza nella sua cittadinanza era illusoria. Per Wiesel, che aveva creduto devotamente nell'Alleanza con Israele e nel Dio che proteggeva il suo popolo, la sua fede fu scossa quando arrivò ad Auschwitz per scoprire il destino degli ebrei d'Europa.

Isidor Kaufmann - Hannah - 2014.513 - Museum of Fine Arts.jpg
Ingrandisci
Hannah (giovane ebrea ungherese), di Isidor Kaufmann (c. 1900)
WLA jewishmuseum Friday Evening by Isidor Kaufmann.jpg
Ingrandisci
"Preparazione allo Shabbat", di Isidor Kaufmann (c. 1920)
Interior of the Holleschau Synagogue, by Isidor Kaufmann.jpg
Ingrandisci
Interno della Sinagoga di Holleschau, di Isidor Kaufmann (1897). La città di Holleschau fu abitata da una numerosa comunità ebraica sin dalla prima metà del XVI secolo e fino alla seconda guerra mondiale, durante la quale fu sterminata quasi l'intera popolazione ebraica. La sinagoga, molto rara di tipo "polacco", include lavori in ferro decorati e dipinti su soffitti e pareti con motivi floreali e animali. Questa "Vecchia Sinagoga", conosciuta anche come Sinagoga "Shakh" o "Šach", fu preservata perché dall'esterno sembrava un normale edificio, mentre la "Nuova Sinagoga" fu distrutta dai nazisti nel 1942
Searchtool.svg Per approfondire, vedi Interpretazione e scrittura dell'Olocausto e Serie letteratura moderna.