Shoah e identità ebraica/Conclusione 6

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro
Lithograph by Leo Haas (1901-1983), Holocaust artist, who survived Theresienstadt and Auschwitz (5058191618).jpg
Ingrandisci
Leo Haas (1901-1983): litografia da "Dodici litografie originali dai campi di concentramento tedeschi". Haas è parte di un gruppo di artisti che a Teresin documentarono la vita del campo di concentramento. L'artista sopravvisse alla deportazione ad Auschwitz ed altri campi e dopo la guerra fu in grado di recuperare molte delle sue opere. Sua moglie, altra sopravvissuta, morì nel 1955 a seguito degli esperimenti medici subiti a Auschwitz

Conclusione[modifica]

È chiaro dalle narrazioni prodotte da Wiesel e Levi, che hanno scelto traiettorie diverse per raccontare le loro storie dell'Olocausto. Wiesel ha chiaramente un'attitudine e una forte predilezione per lo stile letterario e la retorica del romanzo per rappresentare la sua esperienza dell'Olocausto, nonostante la sua tesi secondo cui i due non stanno bene insieme. Il suo linguaggio e il suo tono sono costantemente appassionati, iperbolici e potenti ma dettagli piccoli, specifici vengono modificati o aggiunti attraverso diverse testimonianze per adattarsi alla storia drammatica complessiva, mediante i processi della memoria nel corso della sua carriera di scrittore, processi anche potenzialmente informati nel costruire un'identità letteraria. Levi sceglie di concentrarsi sui piccoli dettagli e sull'accuratezza di tali dettagli all'interno della propria narrazione, delineando esplicitamente la sua intenzione di testimoniare come testimone onesto e cupo. Tuttavia, a volte si affida anche alla prosa drammatica per evidenziare momenti ed eventi di alta tensione emotiva e di trauma. Levi, come Wiesel, sembra incapace di impedire che il trauma della memoria della Shoah si infiltri nella testimonianza.

Gli accademici Bos, Kraft, Laub e Young sostengono che il modo in cui viene raccontata la testimonianza dell'Olocausto dipende da diversi fattori e può essere distorto dalla memoria, dai traumi e informato dai contesti sociali e culturali. È evidente, confrontando la letteratura di Wiesel e Levi, che i loro ricordi individuali hanno prodotto esperienze a volte simili e a volte molto diverse, che informano le loro narrazioni dell'Olocausto. Le loro differenze, tuttavia, sono abbastanza sostanziali da poter essere collocate al di fuori di una categorizzazione di memoria maschile condivisa. Per fare un confronto, Levi e Wiesel non si collocano facilmente insieme all'interno del quadro critico della memoria di gender rispetto a un esempio di testimonianza femminile come quella di Klüger. Ciò che è anche evidente è che il divario Est/Ovest, la dicotomia tra gli ebrei religiosi, devoti e metafisici dell'Oriente e gli ebrei assimilati, laici e materialisti dell'Occidente riemerge nella letteratura di Wiesel e Levi. Mentre la Soluzione Finale condusse insieme alla loro distruzione gli ebrei d'Oriente e d'Occidente, la separazione culturale tra i due gruppi informò le esperienze della Shoah dei sopravvissuti e il modo in cui vengono ricordate e narrate in periodi successivi, continuando i lignaggi letterari ebraici separati che fiorirono nel corso della tarda Modernità.

Arrival in Theresienstadt.jpg
Ingrandisci
"Arrivo a Theresienstadt", di Malva Schalek (1942). Malva Schalek, alias Malvina Schalková (18 febbraio 1882 – 24 maggio 1944 o 24 marzo 1945), è stata una pittrice ebrea ceca. Formatasi a Praga, continuò a lavorare a Vienna come pittrice. Dal 1942 al 1944 fu imprigionata nel campo di concentramento di Theresienstadt. Nel 1944 fu trasferita nel campo di concentramento di Auschwitz, dove morì. Molte delle sue opere sono conservate nella Ghetto Fighters' House (בית לוחמי הגטאות‎, Beit Lohamei Ha-Getaot) in Israele
Life and Death in a Courtyard.jpg
Ingrandisci
"Vita e morte in un cortile", di Bedřich Fritta, illustratore ceco ucciso a Auschwitz nel 1944
Jews at Prayer.jpg
Birkenau Lager - panoramio.jpg
Ingrandisci
Campo di sterminio di Birkenau: torretta e reticolato ad alta tensione
Searchtool.svg Per approfondire, vedi Interpretazione e scrittura dell'Olocausto e Serie letteratura moderna.