Shoah e identità ebraica/Conclusione 7

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro
Kinder (Children).jpg
Ingrandisci
I nomi su questo grafico sono stati presi dal database centrale del Yad Vashem. Questa immagine ricorda solo alcuni degli 1,5 milioni di bambini che morirono nella Shoah. Tutti i nomi che formano questa immagine sono quelli di bambini di 12 anni o meno. Le sei stelle gialle nelle ruote del treno rappresentano i 6 milioni di ebrei morti a causa dell'Olocausto

Conclusione[modifica]

Auschwitz-Birkenau, il luogo della conclusione della Soluzione Finale nazista e il punto di collisione di milioni di ebrei europei, fu anche il più straordinario luogo di culto ebraico. Primo Levi si era trovato a suo agio nella propria identità ebraica atea e laica, ma era stato gradualmente costretto a confrontarsi con la sua identità razziale attraverso la crescente politica antisemita dell'Italia. Quando Levi lasciò il campo di internamento di Fossoli per una destinazione sconosciuta, si trovò di fronte a un altro elemento dell'identità ebraica di cui aveva tenuto poco conto, quello della fede. Ad Auschwitz l'identità non religiosa di Levi si scontrò con la fede religiosa di Elie Wiesel e con la massa orientale dell'ebraismo ortodosso e chassidico. All'interno del loro nuovo ambiente, entrambi gli uomini furono costretti a confrontarsi ed esaminare le loro credenze e identità religiose precedentemente mantenute — Auschwitz rimosse la cultura religiosa degli ebrei, offese le loro convinzioni e frantumò la loro fede.

L'unicità dell'Olocausto portò a una proliferazione di nuove teologie ebraiche incentrate sulla spiegazione della Shoah e del ruolo di Dio al suo interno. La difficoltà di applicare una Teologia dell'Olocausto alle esperienze dei sopravvissuti è rappresentata dalla disparità delle credenze dei sopravvissuti. Le identità religiose di Levi e Wiesel erano così polarizzate da risultareo problematiche per i teologi che tentavano di dare spiegazioni. Mentre l'impegno di Levi con la storia ebraica, le questioni della fede e di Dio è evidente, anche se a volte incoerente, la sua posizione ideologica all'interno del pensiero ebraico è problematica. Anche l'identità ebraica più tipicamente tradizionale di Wiesel è incoerente con molte delle teologie dell'Olocausto ed è attribuita allo sviluppo della Teologia della protesta, dimostrata in Night e più chiaramente in The Trial of God. Nonostante le loro chiare differenze, le identità religiose di Levi e Wiesel divennero simili ad Auschwitz nei conflitti che entrambi gli uomini parvero sperimentare nel mantenere le loro convinzioni ideologiche negli ambienti più disperati e avversi. In una certa misura, sia Levi che Wiesel divennero martiri delle rispettive convinzioni e sperimentarono crisi di fede in modi opposti. Quando i campi di concentramento furono liberati, Levi e Wiesel furono costretti a ricostruire le loro identità con il peso dell'evento più significativo della storia ebraica moderna nelle loro memorie.

Obóz na Majdanku po wyzwoleniu lipiec 1944.jpg
Ingrandisci
Cadaveri delle vittime al campo di Majdanek, luglio 1944 (alla liberazione)
Buchenwald Executions 13143.jpg
Ingrandisci
Esecuzioni in una foresta vicino a Buchenwald (1942)
Buchenwald Prisoners Undressing 80135.jpg
Ingrandisci
Prigionieri di Buchenwald che si spogliano prima di andare alle docce (1940)
Ingrandisci
Breve filmato prodotto dopo la liberazione di Buchenwald, aprile 1945

Voci correlate[modifica]

Searchtool.svg Per approfondire, vedi Interpretazione e scrittura dell'Olocausto e Serie letteratura moderna.