Shoah e identità ebraica/La soluzione finale

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro
Bundesarchiv Bild 183-N0827-318, KZ Auschwitz, Ankunft ungarischer Juden.jpg
Ingrandisci
Ebrei sulla rampa di selezione ad Auschwitz, maggio 1944

La strada verso la soluzione finale[modifica]

Con l'utilizzo dei campi di concentramento in Germania dopo il 1938 e la Kristallnacht e l'espulsione degli ebrei di origine polacca nello stesso anno, nella visione di Hitler di un Terzo Reich omogeneo e libero dagli ebrei "altri" della società, la Soluzione Finale si stava avvicinando. All'inizio degli anni ’40 i nazisti avevano dei campi di concentramento operativi in tutta la Germania in cui detenere gli "altri" indesiderabili della società, i più prolifici e numerosi dei quali erano gli ebrei. Il sistema di campi iniziale era stato continuamente ampliato negli anni ’30, dai primi campi di Oranienburg (o Sachsenhausen), Dachau, Ravensbruck e Buchenwald (Paulsson 2006:33). Negli anni ’40 i campi erano attivi e gestiti dalle SS in tutta la Germania, spesso fornendo lavoro da schiavi per lo sforzo bellico mentre contemporaneamente punivano, affamavano e lavoravano fino alla morte un flusso continuo di indesiderabili che venivano cacciati dalla società.

L'invasione della Polonia da parte della Germania nel settembre 1939 diede ai nazisti l'opportunità di espandere il loro sistema di campi di concentramento e di lavoro e di spostare l'"altro" fuori dalla Germania. Tra il 1940 e il 1942 i sei siti che sarebbero diventati campi di sterminio in Polonia, Auschwitz-Birkenau, Chelmno, Majdanek, Belzec, Sobibor e Treblinka, furono aperti e attivi come campi. I ghetti polacchi erano stati istituiti e riempiti con gli ebrei della Polonia, molti dei quali erano fuggiti o rimossi dalla Germania solo mesi prima e già gli ebrei venivano assassinati in gran numero. I ghetti dell’Est erano sovraffollati, privi di un'adeguata scorta alimentare e divennero focolaio di malattie come il tifo. La gente stava morendo di freddo, stanchezza e malattie nei ghetti, ma a questo punto era in atto un metodo più spietato per rimuovere questi indesiderabili. Gli Einsatzgruppen erano unità di SS il cui scopo era quello di fucilare un numero enorme di ebrei trasportati ogni giorno fuori dai ghetti. Così, gli ebrei, già esclusi dalla società, disumanizzati e umiliati nel loro ritorno forzato all'esistenza del ghetto, furono condotti alla morte e sepolti in fosse comuni, gruppi anonimi privati ​​della dignità e delle identità individuali nella morte, come lo erano stati durante la ultimi anni della loro vita (Smith 1998:19-20).

Nel gennaio 1942 ebbe luogo un incontro che doveva classificare una volta per tutte la condizione degli ebrei d'Europa e il loro destino nelle mani dei nazisti. La Conferenza di Wannsee ebbe luogo vicino a Berlino e vi parteciparono diversi nazisti di alto rango. Esprimeva in termini chiari il desiderio di Hitler di sterminare la popolazione ebraica d'Europa con i mezzi più efficienti possibili. Guidata da Reinhard Heydrich, la conferenza discusse i progressi della Soluzione Finale, dall'iniziale esclusione degli ebrei dalla vita ebraica all'espulsione degli ebrei dalla Germania. La Conferenza di Wannsee avrebbe deciso i dettagli per rimuovere del tutto gli ebrei dall'Europa. Gilbert cita Heydrich che tratta l'omicidio di massa degli ebrei europei come poco più del naturale processo di morte:

« In the course of the final solution, the Jews should be brought under appropriate direction in a suitable manner to the East for labour utilization. Separated by sex, the Jews capable of work will be led into these areas in large labour columns to build roads, whereby doubtless a large part will fall away through natural reduction.
The inevitable final remainder which doubtless constitutes the toughest element will have to be dealt with appropriately, since it represents a natural selection which upon liberation is to be regarded as a germ cell of a new Jewish development. »
(1987:281-2)

Avendo deciso di porre fine alle esecuzioni organizzate per fucilazione nelle foreste della Polonia e dell'Europa orientale per il benessere emotivo e mentale dei carnefici e avendo eliminato la possibilità di deportazione degli ebrei nell'isola del Madagascar, la soluzione alla "questione ebraica" divenne più moderna nella sua esecuzione. Per gli ebrei fuori dalla Germania, le informazioni sulle intenzioni dei nazisti nei confronti degli ebrei arrivarono alle comunità di tutta Europa. Dopo la sua liberazione, Wiesel fu critico nei confronti del divario tra ebrei orientali e occidentali che portò a una mancanza di comunicazione e di preavviso tra i gruppi, e quello che sentiva essere un abbandono degli ebrei orientali, da parte di quelli meglio informati in Occidente, "the Jews of the free world" (Wiesel All Rivers:63). Nonostante questa critica retrospettiva, Wiesel stesso ammette nella stessa autobiografia che gli ebrei di Sighet erano colpevoli di ingenuità e di un deliberato rifiuto di credere che le voci correnti nella loro città potessero essere vere.

« The truth is that, in spite of everything we knew about Nazi Germany, we had an inexplicable confidence in German culture and humanism. We kept telling ourselves that this was, after all, a civilized [sic] people, that we must not give credence to exaggerated rumors about its army's behavior [sic]. »
(Wiesel All Rivers:27)
L'Ordine di Hitler per l'Aktion T4

L'uccisione organizzata burocraticamente degli indesiderabili iniziò nel 1939 con il progetto di eutanasia noto come Aktion T4. T4 fu progettato per eliminare i pazienti disabili mentali e fisici in Germania. Con l'autorizzazione diretta di Hitler che proteggeva i medici e il personale medico da azione giudiziaria per il loro ruolo nella morte dei pazienti, i nazisti legittimavano l'omicidio organizzato attraverso l'ordine, la legalità e la burocrazia (Dawidowicz 1975:172-73). Inizialmente il programma si concentrava sull'omicidio di neonati e bambini con difetti mentali e fisici, ma nel 1940 il programma fu esteso ad includere adulti con disabilità e condizioni come la schizofrenia e la demenzia (Museum 2009). Le gasazioni di massa organizzate divennero così parte integrante dell'Olocausto e l'assassinio degli ebrei nei campi di sterminio polacchi furono sperimentati in questa fase come parte del programma segreto T4.

Entro il 1944 i campi di concentramento nazisti della Germania e i campi di sterminio della Polonia erano tutti aperti e funzionanti. In Polonia in particolare, con la liquidazione dei ghetti ebraici dell'Est nel 1943 e nel 1944, i campi stavano arrivando al limite e avviando migliaia di persone durante le selezioni, decidendo chi era idoneo al lavoro forzato e chi sarebbe stato diretto immediatamente alle camere a gas. Il più famoso dei campi di sterminio e di concentramento fu Auschwitz-Birkenau. Il complesso fu aperto nel 1940 come luogo di lavoro ad Auschwitz, inizialmente detenendo i polacchi (Gilbert 1987:121-22). I campi satellite Buna-Monowitz e il sito di Birkenau che ospitava donne, ulteriori lavoratori "schiavi" e quattro camere a gas e crematori, aumentarono le dimensioni e la capacità del vasto complesso di Auschwitz.

« The Buna is as large as a city; besides the managers and German technicians, forty thousand foreigners work there, and fifteen to twenty languages are spoken. All the foreigners live in different Lagers which surround the Buna: the Lager of the English prisoners-of-war, the Lager of the Ukrainian women, the Lager of the French volunteers and others we do not know. »
(Levi Man:78)

Nell'Est, i ghetti che si erano formati all'inizio degli anni Quaranta furono svuotati e liquidati. Dai ghetti delle principali città polacche di Cracovia e Varsavia, che ospitavano migliaia di famiglie, ai ghetti delle piccole città dell'Est occupato come il ghetto di Sighet dove la famiglia di Elie Wiesel attendeva il proprio destino, gli ebrei orientali furono caricati su carri bestiame piombati e deportati in Polonia, apparentemente per diventare squadre di lavoro in Oriente. "‘There are rumours’, my father said, his voice breaking, ‘that we are being taken somewhere in Hungary to work in the brick factories. It seems that here, we are too close to the front...’" (Wiesel Night:14). Dopo solo poche settimane nel ghetto, Wiesel e la sua famiglia furono deportati, tra gli ultimi ebrei di Sighet a lasciare il ghetto e la loro casa. Ordinato di partire con un solo sacco di cose ciascuno, Wiesel ricorda il ghetto di Sighet come una scena di caos.

« The street resembled fairgrounds deserted in haste. There was a little of everything: suitcases, briefcases, bags, knives, dishes, banknotes, papers, faded portraits. All the things one planned to take along and finally left behind. They had ceased to matter. »
(Wiesel Night:16)

Con solo l'illusione di un futuro di lavoro in Oriente a cui prepararsi, le famiglie impaccarono tutto il cibo, i vestiti e gli oggetti pratici che potevano e si prepararono nel miglior modo possibile per il loro viaggio.

In Occidente e in particolare in Italia, dove non c'erano ghetti, gli ebrei arrestati venivano detenuti in campi di prigionia gestiti dai fascisti, come Fossoli, il centro di detenzione del Nord Italia, vicino a Modena, dove Levi fu internato nel gennaio 1944 dopo il suo arresto da parte dei fascisti (Levi Man:20). Nonostante le dure condizioni di guerra e le circostanze di essere un prigioniero di guerra, esistevano all'interno di Fossoli privilegi comparativi e trattamento civile dei prigionieri da parte delle loro guardie italiane corrotte e corruttibili. "Fossoli's superintendant, Commissar Domenico Avitabile, was a Naples-born ex-policeman on good terms with his prisoners. His outwardly warm manner helped to reassure them of their safety" (Thompson 2003:152). Tuttavia, nonostante le lettere a casa, il cibo e l'atmosfera familiare, fu chiaramente evidente il caos del campo quando venne occupato dalle SS tedesche e la mancanza di informazioni accessibili sia ai prigionieri che alle guardie fasciste, che gli ebrei speravano sarebbero rimaste in carica per tutta la durata della guerra, in modo che gente come Levi potesse rimanere prigioniera ma a suo agio e nella sua stessa nazione.

« In theory the Italian police controlled the camp, as Domenico Avitabile was answerable to the Fascist prefecture at Modena, and not the German SS. Yet Avitabile's orders regarding the Jews in his care were not very clear. If he was not directly complicit in the Nazi round-ups, he must have known that Fossoli would at some stage have to be emptied. »
(Thompson 2003:155-56)

Il 22 febbraio 1944 il campo di Fossoli fu svuotato degli ebrei, anch'essi caricati su carri bestiame e deportati ad oriente, verso una meta sconosciuta (Levi Man:20). Sebbene Levi e i suoi compatrioti avessero avuto l'esperienza di essere detenuti in un campo di prigionia, erano stati relativamente protetti dalla paura e dall'antisemitismo dell'Oriente e dalle dure condizioni dei ghetti. Le settimane di Levi a Fossoli non dovevano prepararlo per il suo viaggio attraverso l'Europa in Polonia, né la situazione che avrebbe incontrato all'arrivo. Sebbene Levi accenni a un senso di disperazione di fronte all'assalto nazista all'Europa nei capitoli de Il sistema periodico, la mancanza di informazioni che Levi discute sui suoi pensieri (prima della sua deportazione) in particolare sulla Soluzione Finale, indica che poteva esser stato deliberatamente ignorante o ingenuo come Wiesel sulla verità delle voci tra le comunità ebraiche e sulla sua destinazione e destino quando lasciò Fossoli (Levi Periodic:42).

Auschwitz-Birkenau, il nome germanizzato per la città polacca di Oświęcim, situata nel sud della Polonia vicino al confine tedesco, divenne il luogo in cui l'ebraismo orientale e occidentale convergevano e si confrontavano, poiché le loro differenze e culture crollavano nella realtà del sistema dei campi. La Germania divenne centrale durante il periodo della Modernità come paese che univa e teneva insieme le comunità ebraiche dell'Est e dell'Ovest in Europa. In soli pochi decenni del ventesimo secolo, i nazisti tedeschi e la loro occupazione della Polonia avrebbero quasi distrutto l'ebraismo europeo. Fu ad Auschwitz-Birkenau che Levi e Wiesel arrivarono nel 1944. "Auschwitz: a name without significance for us at that time, but it at least implied some place on this earth" (Levi Man:23). Dopo la progressiva separazione tra Oriente e Occidente attraverso decenni di modernizzazione e secolarizzazione in Occidente e la distanza emotiva tra le comunità ebraiche perseguitate negli anni nazisti, le vite e le culture di Levi e Wiesel convergevano e Oriente e Occidente furono costretti insieme nella loro distruzione.

WW2 Holocaust Europe map-it.svg
Ingrandisci
Localizzazione dei principali lager nazisti in Europa, 1939-1945
Searchtool.svg Per approfondire, vedi Interpretazione e scrittura dell'Olocausto e Serie letteratura moderna.