Lombardo/Come convertire in Nuova Ortografia Lombarda il dialetto bergamasco scritto con l'ortografia del Ducato

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro

1. Modifica le parole come descritto nella tabella sottostante[modifica]

modifiche basate sulla grammatica modifiche basate sulla pronuncia in dialetto bergamasco accento in mezzo alla parola da togliere modifiche basate sulla pronuncia negli altri dialetti soltanto un cambio di segno grafico
Lettera
in ortografia del Ducato
Pronuncia IPA Conversione in
Nuova Ortografia Lombarda
Esempi
A a [a] l'è istèss gat → gat [gat]
à [a] alla fine della parola è uguale cà → cà [ca]
[a] alla fine della parola (nimi maschili, quasi sempre, in particolare qualli in cui in lombardo occidentale si pronuncia [an] o [ã:] e finiscono con an ) à → an cà → can [ca]
[a] in mezzo alla parola à → a càles → cales ['kalez]
aa, àa [a:] aa → ava caal → cavall [ca'al]
B b [b]
[p] alla fine della parola
è uguale bèl → bell

piomb → piomb

[bɛl]
[pjump]
C c [tʃ] davanti a i,e
[k] davanti alle altre letere
è uguale cèss →cess

cavrér → cavrer

[ɛs]
[ka'vrer]
cc [tʃ] alla fine della parola è uguale lacc → lacc [la]
[tʃ] alla fine della parola (participi passati) cc → d * facc → fad

(* facc è una forma permessa)

[fa]
D d [d]
[t] alla fine della parola
è uguale danér → daner [daner]
E e [e] è uguale mel → mel ['mel]
E è [ɛ] è → e cèss → cess [ɛs]
[ɛ] (alla fine della parola) è uguale cafè → cafè [ca'fɛ]
E é [e:] é → ee
[e] (in questi casi nei dialetti lombardi occidentali si pronuncia [en]) é → en sibè →siben [si'be]
[e] intravocalica é → e danér → daner [daner]
ee, ée [e:] ee → eve deentà → deventà [deen'ta]
F f [f] è uguale fabrica → fabrica ['fabrica]
G g [ʤ] davanti a "i", "e" è uguale giustissia → giustizzia [ʤysti'sja]
[g] negli altri casi è uguale gal → gall [ʤal]
(quando esistono dei dialetti lombardi, di solito orientali, dove si pronuncia [z] o [ʒ] – a volte in una variante dello stesso dialetto bergamasco

spesso capita davanti a "io", "iu", "ia", "ieou" con la "i" non accentata)

g → sg giornada → sgiornada [ʤur'nada]
gn [ɲ] è uguale campagna → campagna [kam'paɲa]
H h è uguale
i [i] non accentata prima di vocale è uguale inàcc → inancc [i'na:tʃ]
[j] intervocalica i → j póia → poja ['puja]
[j] o [i] tra consonante e vocale è uguale piöv pioeuver ['pjøv]
ì [i] (sostantivi maschili, quasi sempre, in particolare quelli dove in lombardo occidentale si pronuncia [in] o [ĩ:] e finiscono con in ) ì → i confì → confin [con'fi]
[i] ì → i
ï [i] ï → ih scïa → scihà i'a]
J j [j] è uguale
k [k] è uguale
L l [l] è uguale galina → gallina !!

[da sistemare]

[ga'lina]
[l] alla fine della parola con vocale corta accentata prima l → ll bèl → bell [bɛl]
M m [m] è uguale za'mò → sgiamò [za'mɔ]
N n [n] è uguale campanin → campanin [kanpaˈnin]
[n] alla fine della parola con vocale corta accentata prima n → nn
O o [o] è uguale noember → november [no'ember]
[o:] (alla fine di qualche voce verbale con l’accento sull’ultima lettera) o → oo ho → hoo [ho:]
Ò ò [ɔ] ò → o nòst → nost [nɔst]
ó [o] ó → o negót → negot [ne'got]
Ö ö [ø], [ø:] öoeu ancö → ancoeu [an'kø:]
P p [p] è uguale paja → paja ['paja]
Qu qu [kw] è uguale quàder →quader ['kwader]
R r [r] è uguale quàder →quader ['kwader]
s [s] all’inizio della parola (per sc, sg vedi sotto) è uguale sólet → solet ['so:let]
[z] intravocalica in mezzo alla parola se non è doppia e in ortografia milanese si scriverebbe z - pronuncia [dz] in dialetto comasco

(eccetto che davanti a "ci" o "gi" ► vedi sotto)

s → z aüturisà → autorizà [awturi'za];
[z] intravocalica in mezzo alla parola se non +è doppia e in ortografia milanese si scriverebbe s - pronuncia [z] in dialetto comasco

(eccetto che davanti a "ci" o "gi" ► vedi sotto)

è uguale asilo → asilo [a'zilo]
dopo consonante (di solito) è uguale diers → divers [di'ɛrs]
dopo n (quando in dialetto comasco si pronuncerebbe [ts] e/o in ortografia milanese si scriverebbe z) s → z sansiù → sanzion [san'sjun]
davanti a i o e, quando esistono dei dialetti lombardi, di solito occidentali, dove si pronuncia [ʃ]) s → sc seresa →sceresa [sceresa]
ss [s] è uguale assé → assee [a'se:]
[s] (quando in dialetto comasco si pronuncerebbe [ts] e/o in ortografia milanese si scriverebbe z) ss → zz valütassiù → valutazzion [valyta'sjun]
Sc sc [ʃ] davanti a "i" o "e" o alla fine della parola
[sk] negli altri casi
è uguale scincatèl → scincatell [ʃincatɛl]
S-c s-c [stʃ] s-c → s'c s-ciòp → s'ciop [stʃɔp]
Sg sg [ʒ] è uguale sgiunfà →sgionfà [ʒun'fa]
T t [t] è uguale tèra → terra ['tɛra]
[t] alla fine della parola soltanto per i participi passati t → d scoprit → scoprid [sko'prit]]
U u [u] u → o pura → pora ['pura]
[w] nei dittonghi e dopo q è uguale aqua → aqua ['akwa]
ù [u] (sostantivi maschili e femminili, quasi sempre, in particolare quelli dove in lombardo occidentale si pronuncia [un] / [ũ:] / [on] [õ:] e finiscono con on ) ù → on rivolüziù → rivoluzion [rivolu'sju]
[u] ù → o
ü [y] ü → u ü → vun [y]
V v [v]
[f] alla fine della parola
è uguale öv → oeuv
valùr → valor
[ø:f]

[va'lur]

w [w] è uguale wikissionari → wikizzionari
[v] è uguale wikissionari → wikizzionari
x [ks] è uguale
y [i]
[j]
è uguale
Z z [z] quando non c’è nessun dialetto lombardo in cui si prononcia [ʤ] è uguale zàino → zaino ['zaino]
[z] quando c’è qualche dialetto lombardo, di solito occidentale in sui si pronuncia [ʤ] z → sg zuen → sgioven ['zuen]

2. Qualcos’altro da aggiungere[modifica]

A. Aggiungi er ai verbi che all’infinito finisco con consonante

Esempi:
In ortografia del Ducato: "cred"
In Nuova Ortografia Lombarda: "creder"

B. Aggiungi "h" davanti a tutte le voci del verbo higa (iga in ortografia del Ducad - avere)

C. I bergamaschi "mangiano" un po’ di lettere, dopratutto la "v".

Dai un occhiata tra le vocali soprattutto tra "i" e "a", "a" e "e", perché magari c’è da inserire "v" quando la "v" è stata "mangiata", cioè quando in qualche altro dialetto viene pronunciat.
Esempi:
in ortografia del Ducato: rià, laer ...
In Nuova Ortografia Lombarda: rivà, laver ...
Tra "a" e "i", raramente (con la i accentata) meno spesso viene mangiata la "d"
Esempi:
in ortografia del Ducato: raìs
In Nuova Ortografia Lombarda: radis
Tra "e" e "a", raramente (con la é acentada) meno spesso viene mangiata la "j"
Esempi:
in ortografia del Ducato: faméa
In Nuova Ortografia Lombarda: fameja

D. Lascia scritto l’accento nei verbi all'infinito in forma riflessiva

Esempi:
In ortografia milanesa: "ardà" → forma riflessiva "ardàs"
In Nuova Ortografia Lombarda: "vardà" → forma riflessiva "vardàss"