Lombardo/Fonologia della Nuova Ortografia Lombarda in dialetto milanese

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro

Grafema Fonologia Esempi Traduzione in italiano
a /a/ articioch carciofo
b /b/

/p/ alla fine della parola

basell

goeub

gradino

gobbo

c /t͡ʃ/ davanti a e, i

/k/ davanti a a, o, oeu, u o qualsiasi consonante

ciciarada

can

chiacchierata

cane

ch /k/ davanti a e, i e alla fine della parola chichera tazzina da caffè
cc /t͡ʃ/ alla fine della parola tucc tutti
d /d/

/t/ alla fine della parola
/ː/ alla fine dei participi passati...opur...
/i/ alla fine dei participi passati in qualche variante fuori milano

dent

mond
mangiad

dente

mondo
mangiato

e /e/
/ɛ/

Ø per i plurali femminili
-er non si pronuncia alla fine della proal per i verbi all'infinito della terza coniugazione

temp

insema
montagne
vesser

tempo

imsieme
montagne
essere

f /f/ fioeul figlio
g /d͡ʒ/ davanti a e, i

/ɡ/ denanz de a, o, oeu, u o qualsessia consonant

gesa

magon

chiesa

magone

gh /ɡ/ davangti a e, i

/k/ alla fine della parola

ghell centesimo
gg /d͡ʒ/ alla fine della parola oeugg occhio
gn /ɲ/ tegnì tenere
h ∅ (attenzione: si utilizza davanti a tutte le forme del verbo avere (havé)) gh'hoo ho
i /i/
/j/ dopo consonante prima di vocale

∅ tra sc, sg, s'c, s'g, g, c e vocale

intregh
aria
ciamà
intero
aria
chiamare
j /ʎ/ tre i e a, non sempre tra e e a

/j/ negli altri casi

famija

tajà

famiglia

tagliare

l /l/

∅ alla fine della parola dopooeu

lassà

pedrioeul

lasciare

imbuto

ll /ll/ in mezzo alla parola

/l/ alla fine della parola (asi scrive la "l" quando l'accento è sull'ultima sillaba e la vocale prima è corta)

balla

basell

palla

gradino

m /m/ mur muro
n /n/

Alla fine della parola nasalizzazione della vocale che precede (can [kãː]))
(eccetto che per la particella pronominale "en" in forma di suffisso e dopo "e")
/ŋ/ davanti alle consonanti velari /k/ e /ɡ/

nivola

mont

parlamen
conca

nuvola

monte
perlarmene
conca

nn /n/ sempre alla fine della parola dann danno
o /ɔ/

/u/, /o/

comod

tosa

comodo

ragazza

oeu /ø/ poeu poi
p /p/ pas pace
q /k/ davanti a u + vocale quatà coprire
r /r/

(/ː/ a volte alla fine della parola dopo "e" (senter [senˈteː])
-er non si pronuncia alla fine della parola dei verbi al modo infinito della terza coniugazione

tera

senter

vesser

sentiero

essere

rr /r/ - vocale prima corta carr (vs. car) carro
s /s/ all'inizio della parola

/z/ intravocalica o alla fine della parola

setàss

nas

sedersi

naso

ss /s/ fuss fosse
sc /t͡ʃ/ - davanti a e, i scernì scegliere
s'c /ʃt͡ʃ/ mes'c mischiare
sg /d͡ʒ/ davanti a e, i la maggior parte della volte comunque sempre all'inizio della parola

/ʒ/ davanti a e, i raramengte al centro della parola

sgiornada

resgiora

giornata

padrona di casa

s'g /ʃd͡ʒ/ s'giafon schiaffone
t /t/ tolin' tappo a corona
u /y/

/w/ dopo <q>

cuna

aqua

culla

acqua

v /v/

∅ intravocalica tra a e o, o e a e u e i

vun

tavol
Mantova
ruvina

uno
tavolo
Mantova
rovina
z /s/ all'inizio della parola o dopo consonante

/z/ intravocalica o alla fine della parola

zuca

ghez

zucca

??

zz /s/ mazzà ammazzare