Lombardo/Negazione

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro

Nel lombardo moderno la negazione è sempre postverbale (fanno eccezione soltanto la Val Bregaglia, alcune aree trentine e, nel passato recente, alcune vallate del Canton Ticino e dell'Ossola). Questo vuol dire che la particella negativa va posta sempre dopo il verbo.

  • es.: mì parli minga = io non parlo.

Non è ammessa la doppia negazione, al contrario dell'italiano.

Le forme negative[modifica]

Lombardo Italiano Esempio Traduzione
Minga (nò*) (notta*) Non Mì el vedi minga Non lo vedo
Negott (nient*) Niente, nulla Mì vedi negott Non vedo niente
Mai Mai Mì l'hoo mai vist Non l'ho mai visto
(G)nanca Neanche, nemmeno Mì l'hoo gnanca vist Non l'ho nemmeno visto
(G)nancamò (e varianti) Non ancora Mì l'hoo gnancamò vist Non l'ho ancora visto
Pu, più Più Mì l'hoo pu vist Non l'ho più visto
Nissun (nigun*; insun*) Nessuno Mì hoo vist nissun Non ho visto nessuno

Note sulle varianti[modifica]

  • Minga è utilizzato soprattutto a Milano, nelle sue vicinanze. In alcune zone del Lario e del Canton Ticino è pronunciato ['miŋa]/['meŋa] anziché ['miŋga].
    • Mia, usato nella gran parte dell'area lombardofona. In alcune zone (per esempio Mezzegra, sul Lago di Como) può essere pronunciato ['mea].
    • Miga, utilizzato in Valtellina.
    • Migna, utilizzato sul Lario e nel Luganese.
  • è utilizzato a Milano e nell'area circonvicina accanto a minga (nel Lodigiano e nel Pavese è molto usato). Generalmente è intercambiabile con minga, sebbene si ritenga che abbia una connotazione leggermente meno assoluta, e che indichi soprattutto un'impossibilità contingente e momentanea.
  • Nott(a) è utilizzato nell'alto Novarese e nell'Ossola al posto di minga/mia.
  • Nient è un italianismo (spesso pronunciato [ɲeːnt]), che può essere usato al posto di negott.
  • Nigun è utilizzato in Valtellina e in alcune zone della Lombardia orientale.
  • Insun è utilizzato nel Novarese.

Utilizzo della forma negativa[modifica]

  • Le particelle negative si pongono sempre davanti al verbo. Nei tempi composti, son poste tra l'ausiliare e il participio passato (fanno eccezione nissun e negott, che sono poste dopo il participio passato).
    • hoo minga podud, non hoo podud minga (italiano non ho potuto).
    • l'hoo mai sentud, non l'hoo sentud mai (italiano non l'ho mai visto).

Forma negativa pre-verbale[modifica]

Nella letteratura antica e in alcuni dialetti alpini si possono trovare casi di negazione pre-verbale. La sua costruzione funziona come in italiano:

  • mì no l'hoo mai vist