Lombardo/Negazione

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Indice del libro
Lombard L'ortografia di riferimento per questa pagina del corso di lombardo è la Nuova Ortografia Lombarda

Nel lombardo moderno la negazione è sempre postverbale (fanno eccezione soltanto la Val Bregaglia, alcune aree trentine e, nel passato recente, alcune vallate del Canton Ticino e dell'Ossola). Questo vuol dire che la particella negativa va posta sempre dopo il verbo.

  • es.: mì parli minga = io non parlo.

Non è ammessa la doppia negazione, al contrario dell'italiano.

Le forme negative[modifica]

Sono frasi negative quelle costruite con l'avverbio di negazione minga - o sue varianti dialettali o "". La costruzione di queste frasi è stata descritta nel modulo sulla costruzione della frase mentre alla pagina Lombardo/Avverbi#Avverbi di negazione si trovano le varianti dialettali degli avverbi di negazione. Sono frasi negative anche quelle costruite coi pronome indefiniti nagot o nient - o sue varianti dialettali - (niente) e nissun - o sue varianti dialettali - (nessuno).

Avverbio/Pronome di negazione
in lombardo
Avverbio/Pronome di negazione
in italiano
Esempio Traduzione
minga / nò non Mì el vedi minga Non lo vedo
mai mai Mì l'hoo mai vist Io non l'ho mai visto
nanca neanche, nemmeno Mì l'hoo nanca vist Non l'ho nemmeno visto
nananmò non ancora Mì l'hoo nananmò vist Non l'ho ancora visto
più Mì l'hoo pu vist Non l'ho più visto
nagot / nient niente, nulla Mì vedi nagot Non vedo niente
nissun nessuno Mì hoo vist nissun Non ho visto nessuno

Per le varianti degli avverbi di negazione e dei pronomi indefiniti di negazione si rimanda alla consultazione del Wikizionario in lingua lombarda.

Utilizzo della forma negativa[modifica]

  • Come sarà descritto nel modulo sulla costruzione della frase, salvo rare eccezioni, le particelle negative (minga e nò) si pongono sempre dopo il verbo. Nei tempi composti, son poste tra l'ausiliare e il participio passato (fanno eccezione i prnomomi negativi cioè nissun e negott / niente, che sono posti dopo il participio passato).
    • hoo minga podud, non hoo podud minga (italiano non ho potuto).
    • l'hoo mai sentud, non l'hoo sentud mai (italiano non l'ho mai sentito).

Forma negativa pre-verbale[modifica]

Nella letteratura antica e in alcuni dialetti alpini si possono trovare casi di negazione pre-verbale. La sua costruzione funziona come in italiano:

  • mi no l'hoo mai vist

Aggettivi in forma negativa[modifica]

La particella minga può essere usata anche, se posta prima dell'aggettivo, per renderlo negativo.

  • bell → minga bell (italiano: bello → non bello)