Lombardo/Come convertire in Nuova Ortografia Lombarda il dialetto lodigiano scritto con l'ortografia lodigiana

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro

1. Modifica le parole come descritto nella tabella sottostante[modifica]

modifiche basate sulla grammatica modifiche basate sulla la pronuncia in dialetto lodigiano accento da togliere in mezzo alla parola modifiche basate sulla pronuncia negli altri dialetti
Lettera
in ortografia lodigiana
Pronuncia IPA Conversione in
Nuova Ortografia Lombarda
Esempi
A a [a] è uguale
À à [a] in mezzo alla parola à → a segretàri → segretari [segre'tari]
[a] alla fine della parola è uguale
aa [ɒ:] [a:] (participi passati e qualche parola simile ai participi passati [1], scitto aa soltanto nei paesi che hanno ricevuto l’influenza più forte dal dialetto milanese) aa → ad
B b [b] è uguale
C c [tʃ] davanti a i,e
[k] davanti alle altre lettere
è uguale
[k] alla fine della parola c → ch pulìtic→ politich

presapòc → pressapoch

cc [tʃ] alla fine della parola è uguale vecc → vecc [vɛ]
D d [d] è uguale
E e [e] è uguale
È è [ɛ] in mezzo alla parola è → e
[ɛ] (alla fine della parola) è uguale perchè → perchè [per'kɛ]
É é [e] in mezzo alla parola é → e paés → paes [pa'ez]
[e] alla fine della parola (per i nomi e gli aggettivi, in questo caso si pronuncia [er] in lombardo orientale) e → er mesté → mester [me'stɛ]
[e] alla fine dei verbi è uguale
[e] alla fine delle altre parola é → ee asè → assee

adrè → adree

pusé → pussee

F f [f] è uguale
G g [g] davanti a "a", "o", "u", "ö"
[g] davanti a qualsiasi consonante eccetto che "l" e "n" (vedi sotto)
è uguale
[ʤ] davanti a "i", "e" -è uguale, quando non esistono dei dialetti

In sui si pronuncia [z] o [ʒ]

giüstizia → giustizzia [ʤy'stisja]
g → sg

(quando esistono dei dialetti lombardi In cui si pronuncia [z] o [ʒ] -

Spesso capita davanti a "io", "iu",

"ia", "ieou" con la "i" non accentata)

giög→ sgioeugh [ʤø:g]
[g] non doppia alla fine della parola g → gh médeg → médegh
gg [ʤ] alla fine della parola è uguale
gn [ɲ] è uguale
gl [ʎ] gl → j famiglia → famija

miglion → mijon

[fa'miʎa]

[ ]

H h è uguale
i [i] non accentata prima di vocale e prima di consonante appartenente alla stessa sillaba è uguale
[j] intervocalica i → j
[j] o [i] tra consonante e vocale è uguale
[i] alla fine della parola (escusi i participi passati) è uguale
[i] (alla fine dei participi passati che finiscono con ai) i → it stai → stait

fai → fait

ì [i] in mezzo alla parola ì → i
[i] alla fine della parola è uguale
ii [i:] participi passati scritti uu solo nei paesi che hanno avuto l’influenza più forte dal dialetto milanese)
J j [j] è uguale
k [k] è uguale
L l [l] eccetto che dopo [g] (guarda sopra) è uguale
[l] (alla fine della parola con vocale corta accentata prima) l → ll anél → anell [a'nel]
M m [m] è uguale
mm [m] mm → m omm → om
N n [n] è uguale
nn [n] (vocale corta alla fine della parola) è uguale
O o [o]

[ɔ]

è uguale
Ò ò [ɔ] in mezzo alla parola ò → o presapòc → pressapoch
[ɔ] (alla fine della parola) è uguale
Ó ó [o] ó → o füsión → fusion [fy'zjon]
Ö ö [ø], [ø:] ö → oeu incö → incoeu

föra foeura

[ĩ:kø]

['fø:ra]

Oo oo [u:] è uguale
P p [p] è uguale
pp [p] pp → p purtropp → purtrop
Qu qu [kw] è uguale
R r [r] è uguale
S s [z] alla fine della parola o in mezzo alla parola è uguale paés → paes

sión → fusion

[pa'ez]

[fy'zjon]

[s] per le parole dove in comasco e laghee o un altro dialetto se pronuncia [s] s → ss asè → assee
[s] intravocalica per le parole dove in comasco e laghee o un altro dialetto si pronuncia [tts] s → zz nasiunàl → nazzional [nasju'nal]
[s] dopo consonante per le parole dove in comasco e laghee o un altro dialetto se pronuncia [ts] s → z presidensa → presidenza [presi'densa]
[s] per le parole dove in comasco e laghee o un altro dialetto si pronuncia [ʃ] s → sc (davanti a i o e)

s → sci (davati a qualsiasi altra vocale)

siresa → sciresa

pansa → panscia

[si'resa]

['pansa]

ss [s] è uguale sücess → sucess [sy'tʃɛs]
Sc sc [sk] alla fine della parola sc → sch vesc → vesch
S'c s'c [stʃ] è uguale ses'cent → ses'cent
s'g [sdʒ] è uguale
T t [t] è uguale
tt [t] tt → t gatt → gat [gat]
Ü ü [y] ü → u cumün → comun [ku'myn]
üü [y:] (participio passato, scritto uu soltanto nei paesi che hanno ricevuto l’influenza più forte dal dialetto milanese) uu → ud veduu → vedud [ve'dy:]
V v [v] è uguale
U u [u] in mezzo alla parola u → o
[w] nei dittonghi e dopo q è uguale
[u] alla fine della parola dopo ö o dopo i ì u → v u → noeuv

descrìu →desciver

Ù ù [u] ù → o cùrs → cors [kurs]
w [w] è uguale wikisiunari → wikizzionari
[v] è uguale wikisiunari → wikizzionari
x [ks] è uguale
y [i]
[j]
è uguale
Z z è uguale
  1. per esempio ducaa → ducad; praa → prad

2. Qualcos’altro da aggiungere[modifica]

A. Aggiungi er ai verbi della terza coniugazione al modo infinito

Esempi:
In ortografia lodigiana: "mètt"
In Nuova Ortografia Lombarda: "meter"

B. Aggiungi "h" davanti a tutte le voci del verbo havé (avere)

C. Inserisci "v" intravocalica fra "e" e "o" o fra "o" e "i", "o" e "e", "o" e "a", "a" e "o", quando è pèresente in qualcuno degli altri dialetti lombardi (la maggioranza delle volte è sufficiente vedere se la stessa parola contiene una v nella lingua italiana.

Esempi:
in ortografia lodigiana: goèrn
In Nuova Ortografia Lombarda: govern (italian: governo)
in ortografia lodigiana: nuèmber
In Nuova Ortografia Lombarda: november (italian: novembre)
in ortografia lodigiana: indùe
In Nuova Ortografia Lombarda: indove (italian: dove)
in ortografia lodigiana: laurà
In Nuova Ortografia Lombarda: lavorà (italian: lavoro/lavorare)
in ortografia lodigiana: bràu
In Nuova Ortografia Lombarda: bravo (italian: bravo)


D. Aggiungi "l" in fondo ai sostantivi che finiscono con "oeu"

Esempi:
In ortografia lodigiana: "fiö"
In Nuova Ortografia Lombarda: "fioeul"

E. Lascia scritto l’avvento nei verbi all'infinid in forma riflessiva

Esempi:
In ortografia lodigiana: "guardà" → forma riflessiva "guardàss"
In Nuova Ortografia Lombarda: "guardà" → forma riflessiva "guardàss"

F. Di solito in dialetto lodigiano i plurali dei nomi e degli aggettivi che al singolare finiscono con "a" finiscono con “e”, ma se nel tuo dialetto non fosse così aggiungui una "e"

Esempi:
In ortografia lodigiana: Singolar: "paròchia" → plural: "paròchi"
In Nuova Ortografia Lombarda: Singolar: "parochia" → plural: "parochie" (vedi anche plurale dei sostantivi)

G. Attenzione: c’è da spostare la d nelle preposizioni costruite con in

Esempi:
In ortografia lodigiana: "in dal"
In Nuova Ortografia Lombarda: "in dal"