Lombardo/Costruzione ipotetica

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro

Analogamente alle altre lingue romanze, il periodo ipotetico è introdotto dalla congiunzione se ( o sa a seconda della variante dialettale).

  • Così come altre lingue neolatine, anche il lombardo prevede nella costruzione ipotetica l'alternanza tra congiuntivo e condizionale. Tuttavia è si riscontra un utilizzo del doppio condizionale oltre l'uso dell'indicativo.
  • Esempi (in dialetto milanese):
    • se l'havessi savud, saria minga vegnud.
    • se le savevi, vegnivi minga.
    • se l'havariss savud, saria minga vegnud.

Osserviamo che nel terzo esempio la frase ipotetica ha come predicato un verbo al modo condizionale, invece che al modo congiuntivo passato; questa è una forma accettata in lombardo che invece sarebbe considerata scorretta in lingua italiana; il secondo esempio è invece una forma semplicata che utilizza solo il modo indicativo come spesso accade anche nella forma parlata della lingua italiana nella quale l'ultilizzo del congiuntivo sta tendendo a scomparire.

Un'altra forma particolare e e che si allontana anch'essa dall'italiano utilizza la costruzione vesser de / havégh de + infinito nella protasi.

Esempi (in dialetto milanese):

  • se fussi de trovàll, ghe parlaria mi.
  • se gh'havessi de trovàll, ghe parlaria mi.

Eventualmente si può realizzare il periodo ipotetico senza se utilizzando invece al (o sue varianti dialettali) + infinito.

Esempio (in dialetto milanese):

  • al trovàll, ghe parlaria.