Lombardo/Come convertire in Nuova Ortografia Lombarda il dialetto milanese scritto con l'ortografia milanese

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro

1. Modifica le parole come descritto nella tabella sottostante[modifica]

modifiche basate sulla grammatica modifiche basate sulla pronuncia in dialetto milanese accenti in mezzo alla parola da togliere modifiche basate sulla pronuncia negli altri dialetti
Lettera
in ortografia milanese
Pronuncia IPA Conversione in
Nuova Ortografia Lombarda
Esempi
A a [a] è uguale gatt → gat [gat]
aa [ɒ:] [a:] (participi passati e qualche parola simile al participio passato[1]) aa → ad cantaa → cantad [kã:'tɒ:]
[a] aa → à unitaa → unità [yni'ta]
B b [b]
[p] alla fine della parola
è uguale bèll → bell

piomb → piomb

[bɛl]
[pjũ:p]
bb [b]
[p] alla fine della parola
bb → b goeubb → goeub [gøp]
C c [tʃ] davanti a i,e
[k] davanti alle altre lettere
è uguale cèss →cess

cavagn → cavagn

[ɛs]
[ka'vaɲ]
∅ prima di q c → (rimuoverla) acqua → aqua [akwa]
cc [tʃ] davanti a i,e
[k] davanti alle altre lettere (anche a "h" alla fine della parola)
cc → c caccia → cacia

vacca → vaca

gnucch →gnuch

['kaa]
['vaka]

[ɲyk]

[tʃ] in mezzo alla parola (in parole derivate) resta doppia in mezzo alla parola raramente e solo per questioni di derivazione laccera → laccera
(parola derivata da "lacc")
[la'e:ra]
[tʃ] alla fine della parola è uguale mucc → mucc [mu]
D d [d]
[t] alla fine della parola
è uguale daner → daner [da'ne:]
dd [d] dd → d reddit → redit ['redit]
E e [e] è uguale reddit → redit ['redit]
E è [ɛ] è → e cèss → cess [ɛs]
[ɛ] (alla fine della parola) è uguale perchè → perchè [pər'kɛ]
ee [e:] è uguale adree → adree [a'dre:]
[e:] (sostantivi femminili in [era] o comunque per la parola che in lombardo orientale finiscono con r) e → er prestinee → prestiner
mestee → mester
[prestine:]

[meste:]

F f [f] è uguale facil → facil ['fatʃil]
ff [f] ff → f difficil → dificil [di'fitʃil]
G g [g] davanti a "a", "o", "u", "oeu"
[g] davanti a qualsiasi consonante eccetto "l" e "n" (guarda sotto)
è uguale gatt → gat [gat]
[ʤ] davanti a "i", "e" -è uguale, quando non esistono dei dialetti in cui si pronuncia [z] o [ʒ]

-dopo s ► guarda sotto

giustizia → giustizzia [ʤy'stisja]
g → sg

(quando esistono dei dialetti lombvardi in cui si pronuncia [z] o [ʒ] -

Capita spesso davanti a "io", "iu",

"ia", "ieou" con la "i" non accentata)

giornada→ sgiornada [ʤur'nɒda]]
[:ʒ] da sola alla fine della parola g → sg leg → lesg
gg [ʤ] in mezzo alla parola (eccezione vedi sotto) gg → g reggia → regia ['reʤa]
[ʤ] alla fine della parola è uguale gg → vegg [vɛʤ]
[ʤ] alla fine della parola gg → sg solo quando esistono dei dialetti in cui si pronuncia come "ʒ" legg → lesg [leʤ]
[ʤ] in mezzo alla parola (in parole derivate) resta doppia in mezzo alla parola raramente e solo per questioni di derivazione ggia → veggia
(parola derivata da vegg)
['vɛʤa]
gn [ɲ] è uguale campagna → campagna [/kam'paɲa/]
gl [ʎ] gl → j famiglia → famija [fa'miʎa]
H h è uguale politegh → politegh
i [i] non accentata prima di vocale
[ĩ]: davanti a "m","n"
è uguale via → via

poresin → poresin

['via]
[pure'sĩ:]
[j] intervocalica i → j moià → mojà [mu'ja]
[j] o [i] tra consonante e vocale è uguale pioeuva pioeuva ['pjøva]
ï [i] ï → ih scïa → scihà i'a]
ii [i:] (participio passato) ii → id dormii → dormid [dur'mi:]
[i:] è uguale avii → avii [a'vi:]
J j [j] è uguale tajà → tajà [ta'ja]
[i] j → j/i[2]
k [k] è uguale
L l [l] eccetto che dopo [g] (guarda sopra) è uguale lavell → lavell [la'vɛl]
ll [l] ll → l allegher → alegher [a'legər]
[ll]
[l] (alla fine della parola con vocale cortoa accentata prima)
è uguale balla → balla

basell → basell

['balla]
[ba'zɛl]
L l [l] eccetto che dopo [g] (guarda sopra) è uguale albumm → album [al'bym]
M m [m]
nasale davanti a una vocale a essa legata o alla fine della parole
è uguale bru'mista → bru'mista [bry'mista]
mm [m] mm → m albumm → album [al'bym]
N n [n]
nasale davanti a una vocale a essa legata o alla fine delle parole
è uguale campanin → campanin [kã:paˈnĩ:]
nn [n] nn → n
[n] in mezzo alla parola (in parole derivate) resta doppia in mezzo alla parola raramente e solo per questioni di derivazione anniversari → anniversari
(parola derivata da "ann")
[aniver'sa:ri]
[nn], [n] (vocale prima corta alla fine della parola) è uguale ann → ann [an]
O o [u]
[ũ] davanti a m, n
è uguale dotor → dotor [du'tu:r]
Ò ò [ɔ] ò → o còtt → cot [kɔt]
[ɔ] (alla fine della parola) è uguale cadò → cadò [ka'dɔ]
Oeu oeu [ø]
[ø]
è uguale incoeu → incoeu [ĩ:kø]
Oo oo [u:] è uguale saroo → saroo
Ô ô [u] ô → or / ol a seconda della pronuncia negli altri dialetti resgiô → resgior [re'ʒu]
P p [p] è uguale paja → paja ['paja]
pp [p] p → pp tropp → trop [trɔp]
Qu qu [kw] è uguale quèll →quell [kwɛl]
R r [r] è uguale resta → resta [res'ta]
[r] r → l (all'ultima sillaba, quando in qualche dialetto, sopratutto orientale è "l") vorè → volé [vu'rɛ]
rr [:r] è uguale guerra → guerra ['gwɛ:ra]
[r] è uguale carr → carr [kar]
s [s] (eccetto che davanti a "ci" o "gi" ► guarda sotto) è uguale sol → sol [su:l]
[z] in mezzo alla parola o alla fine della parola se non è doppia

(eccetto che davanti a "ci" o "gi" ► guarda sotto)

è uguale auturizà → autorizà [awturi'za];
ss [s] è uguale assee → assee [a'se:]
Sc sc [ʃ] davanti a "i" o "e" o alla fine della parola
[sk] negli altri casi
è uguale rosc → rosc [rɔʃ]
S'c s'c [stʃ] è uguale s'ciopp → s'ciop [stʃɔp]
Sg sg [ʒ] è uguale resgiô → resgió [re'ʒu]
s'g [sdʒ] è uguale s'giafada → s'giafada [sdʒa'fɒ:da]
T t [t] è uguale terra → terra ['tɛ:ra]
tt [t] tt → t gatt → gat [gat]
U u [y]
[ỹ] davanti a m, n
[w] nei dittonghi
è uguale cuna cuna
cunt → cunt

autorizzazion → autorizazzion

['kyna]

[k:t]

[awturi'za'sjũ:]

uu [y:] (participio passato) uu → ud veduu → vedud [ve'dy:]
[y:] è uguale cuu → cul
(guarda anche la regola "I" qui sotto per questa parola)
[ky:]
V v [v]
[f] alla fine delle parole
∅ tra "o" e "a" o tra "a" e "o" o tra "u" e "i"
è uguale vin → vin
lavorà → lavorà
[vĩ:]

[lau'ra]

w [w] è uguale wikizzionari → wikizzionari
[v] è uguale wikizzionari → wikizzionari
x [ks] è uguale boxoeur → boxoeur [bɔk'sø:r]
y [i]
[j]
è uguale
Z z [s] z → zz autorizzazion → autorizazzion [awturi'za'sjũ:]
zz [s] è uguale vizzi → vizzi ['visi]
[z] zz → z autorizzazion → autorizazzion [awturi'za'sjũ:]
  1. per esempio “ducaa” → ducad; praa → prad
  2. La "j" usata alla fine dei nomi al plurale di norma deve essere trasformata in una "i" con la Nuova Ortografia Lombarda sebbene non ci sia ancora una decisione unica a proposito di questo quindi c'è ancora qualcuno che utilizza la "j" anche in Nuova Ortografia Lombarda

2. Qualcos’altro da aggiungere[modifica]

A. Aggiungi “e” alla fine dei plurali femminili dei nomi e degli aggettivi che al singolare finiscono con "a"

Esempi:
In ortografia milanese: Singolare: "cagna" → plural: "cagn"
In Nuova Ortografia Lombarda: Singolare: "cagna" → plural: "cagne" (vedi anche Plurale regolare di sostantivi)

B. Aggiungi er ai verbi della terza coniugazzion a l'infinito

Esempio:
In ortografia milanese: "mètt"
In Nuova Ortografia Lombarda: "meter"

C. Aggiungi "h" davanti a tutte le voci del verbo ‘’havé’’ (avè in ortografia milanese - avere)

D. Non mettere l'"h" davanti alle voci del verbo ‘’vesser‘’(vèss in ortografia milanesa - essere)

E. Inserisci "v" intravocalica tra "o" e "a" o fra "a" e "o" o fra "u" e "i", quando c’è in qualcuno degli altri dialetti lombardi (molte volte è sufficiente vedere se la stessa parola contiene una "v" in italiano)

Esempio:
in ortografia milanese: Gioann
In Nuova Ortografia Lombarda: Giovann (italian: Giovanni)

F. Aggiungi "l" in fondo ai sostantivi al singolare che finiscono con "oeu"

Esempio:
In ortografia milanese: "fieou"
In Nuova Ortografia Lombarda: "fioeul"

G. Aggiungi "i" in fondo ai sostantivi al plurale che finiscono con "oeu"

Esempio:
In ortografia milanese: "fieou"
In Nuova Ortografia Lombarda: "fioeui"

H. lascia scritto l'accento nei verbi all'infinito in forma riflessiva

Esempio:
In ortografia milanese: "vardà" → forma riflessiva "vardass"
In Nuova Ortografia Lombarda: "vardà" → forma riflessiva "vardàss"

I. per alcune parole terminanti in vocale lunga, per ragioni di etimologia va aggiunta una consonante finale diversa dai casi indicati in tabella, non c'è una regola precisa, sono tuttavia casi molto rari.

Esempio:
In ortografia milanese: "boeu", "cuu"
In Nuova Ortografia Lombarda: "boeuv", "cul"

L. In quanto alle preposizioni articolate con "in": se usi l'ortoghrafia milanese più antica devi trasformare "ind el", "ind i" in "in del" "in di".