Lombardo/Letteratura

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro

Al giorno d'oggi, la mancanza di uno standard e di una coscienza collettiva lombarda, rende assai arduo stilare una storia sistematica e coerente delle esperienze letterarie in lingua lombarda. Sostanzialmente si è sempre sviluppato un dualismo tra Milano da una parte e Bergamo e Brescia dall'altro. Nel corso del XX secolo (ma già alla fine del XIX) sono sorte poi realtà provinciali e locali che hanno ulteriormente complicato il quadro. Possiamo dire che oggigiorno esiste una letteratura municipale per ogni capoluogo provinciale lombardo (più Crema).
Qui di seguito proporremo un breve itinerario globale della storia della letteratura in lombardo, corredandolo di alcune citazioni degli autori più rilevanti.

Cenni storici sulla letteratura lombarda[modifica]

La fase antica (XIII-XIV secolo)[modifica]

I primi scritti in un volgare di area lombarda risalgono al XIII secolo: si tratta soprattutto di opere di carattere didascalico-religioso, come il Sermon Divin di Pietro da Bascapè.

« No è cosa in sto mundo, tal è lla mia credença,
ki se possa fenir, se no la se comença.
Petro da Barsegapè si vol acomençare
e per raxon ferire, segondo ke l ge pare.
Ora omiunca homo intença e stia pur in pax,
sed kel ne ge plaxe audire d'un bello sermon verax:
cumtare eo se volio e trare per raxon
una istoria veraxe de libri e de sermon,
in la qual se conten guangii e anche pistore,
e del novo e del vedre testamento de Criste. [...] »
(Pietro da Bascapè, Sermon Divin, vv. 1-10)

Tutavia all'epoca l'influenza dei trovatori occitani era molto forte, per cui molti poeti preferivano utilizzare la lingua d'oc per i loro componimenti. Uno degli esempi più celebri è Sordello da Goito, ricordato anche da Dante Alighieri.

Il poeta più famoso di questo periodo è però il milanese Bonvesin de la Riva, frate terziario dell'ordine degli Umiliati: a lui si deve un gran numero di componimento di tipo morale e didascalico, oltre che il Libro delle Tre Scritture, in cui si descrive l'Inferno, la Passione di Cristo e il Paradiso.

« In nom de Jesu Criste e de sancta Maria
Quest’ovra al so honor acomenzadha sia:
Ki vol odir cuintar parol de baronia,
Sì olza e sì intenda per soa cortesia.

Odir e no intende negata zovarave,
E ki ben intendesse anc negata farave,
Ki no metess in ovra so k’el intenderave:
O l’om no mett lo cor e l’ingegn nient vare. [...] »
(Bonvesin de la Riva, De scriptura nigra, vv. 1-8)

Altri poeti rilevanti sono Gerardo Patecchio, Uguccione da Lodi, Salimbene de Adam. Abbiamo anche alcuni componimenti anonimi, come la lodigiana Leggenda di San Bassiano.
La lingua utilizzata da Bonvesin e dai suoi contemporanei, benché sia chiaramente di impronta settentrionale, non può essere considerata però una riproduzione fedele della lingua del tempo: vi sono presenti molti prestiti dall'occitano e dal toscano, e anche la forma grafica risente di alcuni toscanismi (come le terminazioni in -o per i sostantivi e i nomi maschili).
Attorno al 1390 abbiamo una delle prime testimonianze di volgare dell'area bresciana, cioè un'anonima Passio Christi in versi, da cantare a due voci:

« Cum fo tradith el nos Segnor
e vel dirò cum grant dolor:
al tempo de quey malvas Zuthé
Un grant consey de Christ sì fé.
Chel fos tradit e inganath
e su la cros crucificath. [...] »
(Anonimo, Passio Christi, vv. 1-6)

Il periodo intermedio (XV-XVII secolo ca.)[modifica]

Nei secoli successivi, il prestigio del toscano letterario soppianta l'uso dei volgari settentrionali che, pur con una patina toscaneggiante, erano stati usati anche in ambito cancelleresco e amministrativo. Tra Quattrocento e Cinquecento alcuni letterati toscani (come Luigi Pulci e Benedetto Dei) ci fanno pervenire, sotto forma di parodia, alcuni aspetti linguistici della lingua parlata a Milano, ma non si tratta di composizioni poetiche di rilievo letterario; ciò vale anche per il milanese parodizzato in un'opera dell'astigiano Giangiorgio Allione. L'umanista fiorentino Leonardo Salviati (1540-1589), uno dei fondatori dell'Accademia della Crusca, pubblica una serie di traduzioni in diversi volgari (tra cui bergamasco e milanese) d'una novella boccaccesca, al fine di dimostrare quanto siano brutti e sgraziati al confronto col toscano.

« Perzo av dighi ch'a i tep dol prim Re de Zipri, daspò ol recuperamet che fes Gottfred de Baiò de la Terra Santa, al se imbattè una fomna de sang zentil de Guascogna, ches fes pelegrina, e andet al Sepolcher del Nos Signur per so devotiù: e in dol tornà in drè, e zota in Zipri, al ghe fu fag u'trent'ù da chi se fos homegn de mal affà, e bruttamet inzuriada; tant che qula povreta nos podiva consolà per neguna manera ches fos; pur las pensè de volì andà dinaz a ol Re per fag savì ol tug, perché lu po stramenes quei iottò, che l'avea stramenada lè. [...] »
((Versione bergamasca))
« A digh donca che al temp del prim Re de Cipr', de poù che Gofred da Bujon piè la Terra Santa, l'accaschè ch'una zentildonna da Guascogna andè in peregrinag' al Sepolchr, e nel torna a cà la passè per Cipr', es la fo svergognava da non so chi forfanton: e le dal gran dorò la pensè d'andagh a da na quarella al Re [...] »
((Versione milanese))


A partire dal Cinquecento cominciano a esserci le prime avvisaglie della letteratura lombarda: in area orientale troviamo le poesie satiriche del bergamasco Giovanni Bressani (1489-1560) e la Massera da bé, una "frottola" (sorta di dialogo teatrale) del bresciano Galeazzo Dagli Orzi (1492-?); in area occidentale abbiamo invece la produzione poetica dei Rabisch ("arabeschi") a opera della Accademiglia dra Val d'Bregn, sotto la direzione del pittore manierista Giampaolo Lomazzo (1538-1592).

« Su, sù, Borgnign co fett, dùrmet anch mò,
o vut morì, o het perdù r'ingsciegn,
te se pur anch or spirt dra Val de Bregn,
co mandè sciù tra nugn Bacc infrascò.
On vit che ognugn aspecchia dar faccht
quagl' sonit, ò canzogn cò daghen fegn;
che sciertament mert es'te se degn,
che'l Parnas di musel'siglia or tò cò.
I Specigliagn co glign foss nuv fradigl
grand, e gruss cogl sù nas in dor mostacch
aspecchen tucch anc lor quagl' tò scrichiur.
Da donca fign a sti bagliad, e crigl';
e fa avisad or nust compa Vinascch
che avina or Gagliogn cò stenta, e mur. »
(Giampaolo Lomazzo, Ar Signòr Bosign Brambiglia penchiò, intagliò, gettò & trovagliò de costa val, e persciò è chiamad or compà Borgnign gran Scanscierè de Bregn.)

All'inizio del XVII secolo opera il milanese Fabio Varese (che viene spesso indicato dalla critica letteraria come "poeta maledetto" ante litteram), morto nel 1630 di peste. Nel 1610 esce il Varon milanes, sorta di dizionario etimologico di un discreto numero di parole milanesi, a opera dell'ossolano Giovanni Capis, il quale inoltre scrive come introduzione una serie di sonetti in milanese.

« A l'è peù on bel parlà quel da Milan,
l'è comed, l'è gentil, e l'è anch nett,
a nol scapuscia gnan se gh'j delett
a dil com al và dij inscì pian pian.

L'è forza a dì che i vegg n'in varù on pan,
avè pientaa tanc scheur chilò in Brovett,
e no pensà nagot sor al promett
a ch'insegnass la lengua di nostran.

Orsù avrj i oregg vù che podj,
avrj ben i oeugg, ma avrj on pò pù la man,
e benesì costor ch'an lavoraa.

Cerchee de stò Varon, de stò Prissian,
e degh quai cossa d'bon a Denedaa,
ma daghen poch ch'al è pù sagorj. »
(Giovanni Capis, Sonett de mi del parlà milanes)

A questo trattatello viene aggiunto in seguito il Prissian di Giovanni Ambrogio Biffi: testo completamente in milanese in cui per la prima volta si affronta la questione della pronuncia e della grafia.

L'età dell'oro (1600-1900 ca.)[modifica]

1600[modifica]

Il Seicento vede poi affermarsi sulla scena il talento di Carlo Maria Maggi (1630-1699), figura di spicco della Milano spagnola. Egli contribuisce a normalizzare la grafia milanese e con le sue commedie e poesie inaugura una tradizione letteraria che dura anche oggi. Il Maggi è anche il creatore e codificatore del personaggio di Meneghino, la maschera di Milano: egli, servitore saggio, laborioso, cordiale e di buon senso, rappresenta tutte le virtù tradizionali del popolo milanese.
Amico e corrispondente del Maggi è il librettista lodigiano Francesco De Lemene (1634-1704), autore della commedia La sposa Francesca (prima opera letteraria in lodigiano moderno) e di una traduzione della Gerusalemme liberata. Tutte le sue opere in lombardo sono uscite postume.

« El gran cas de Sofronia a voui cantà,
Quel che za cantè 'l Tass con stil toscan.
Ma mi con poca spesa el voui mudà.
El Tass l'è un Bergamasch, però che sa
Che na ghe bagna el nas on Lodesan?
Vu, che sentì, dirì se maggior lod
Quei de Bergom avran, o quei de Lod. »
(Francesco De Lemene, Gerusalemme liberata, vv. 1-6)


Nella Lombardia orientale (allora sotto il dominio veneziano), abbiamo autori come il bresciano Giovanni Gandini (1645-1712/1720) e il bergamasco Carlo Assonica (1626-1676). Quest'ultimo realizza nel 1670 una celebre traduzione integrale della Gerusalemme Liberata del Tasso, che costituisce la più importante opera letteraria bergamasca del XVII secolo.

« Canti la Guera, e 'l General da bé,
che de Christ liberè l'Arca Sagrada,
e chi fè (com'ass dis) de Mà, e de Pé,
per tùla à quela Razza Renegada.
Contra Lu tutt l'Inferen no 'l fu assé
gne l'Asia insem, e l'Africa meschiada;
che 'l Cel dè all'arma sec. In tat à Chà
'l chiamè i Compagn, ch'era de Zà, e de Là. »
(Carlo Assonica, Goffredo, vv. 1-8)

Si diffondono anche le prime bosinate, poesie popolari d'occasione scritte su fogli volanti, affisse nelle piazze o lette (o anche cantate) in pubblico, le quali avranno un gran successo e diffusione fino ai primi decenni del Ventesimo secolo.

1700[modifica]

Nel Settecento si succedono alcuni nomi di rilievo, come i milanesi Carlo Antonio Tanzi (1710-1762) e soprattutto Domenico Balestrieri (1714-1780), a cui si associano una serie di figure minori. Tra di essi possiamo annoverare, in area milanese: Giuseppe Bertani, Girolamo Birago (1691-1773) e Francesco Girolamo Corio (1720-1790). Anche il celebre poeta Giuseppe Parini (1729-1799) scrive più di un componimento in lombardo. Fuori Milano, ci troviamo davanti a un tentativo di commedia in bustocco, la Mommena bustese, ad opera del canonico Biagio Bellotti (1714-1789). A Brescia abbiamo il canonico Carlo Girelli (1730-1816), autore di poesie d'occasione. Uno dei più importanti autori del periodo è l'abate bergamasco Giuseppe Rota (1720-1792), autore di un corposo vocabolario (inedito) bergamasco-italiano-latino e diverse opere poetiche in bergamasco, da lui chiamato sempre "lingua".

In questo periodo, le caratteristiche linguistiche del lombardo sono ormai ben riconoscibili e assimilabili a quelle odierne, salvo alcune particolarità fonetiche e la presenza del passato remoto. La maggior parte degli autori milanesi fa parte dell'alta società milanese, ricca e colta, che utilizza il lombardo più per divertimento che per una reale necessità espressiva. Tuttavia, in una celebre polemica letteraria con l'abate toscano Branda (che aveva trattato con disprezzo il milanese, a discapito del toscano), emerge l'orgoglio per una lingua considerata schietta e diretta, in qualche modo più sincera ed espressiva dell'italiano letterario e classicista. Posizione d'altronde già espressa da tempo, sia nelle opere del Maggi che addirittura nel Varon Milanes e nel Prissian.

1800[modifica]

L'inizio dell'Ottocento è dominato dalla figura di Carlo Porta (1775-1821), il più importante autore della letteratura lombarda, inserito tra i grandi anche della letteratura nazionale. Con lui si raggiungono alcune delle più alte vette dell'espressività in lombardo, che emergono chiaramente in capolavori universalmente riconosciuti come La Ninetta del Verzee. Il Porta diventerà uno dei modelli assoluti di tutta la produzione poetica successiva.

« I paroll d’on lenguagg, car sur Gorell,
hin ona tavolozza de color,
che ponn fà el quader brutt, e el ponn fà bell
segond la maestria del pittor.

Senza idej, senza gust, senza on cervell
che regola i paroll in del descor,
tutt i lenguagg del mond hin come quell
che parla on sò umilissim servitor:

e sti idej, sto bon gust già el savarà
che no hin privativa di paes,
ma di coo che gh’han flemma de studià:

tant l’è vera che in bocca de Usciuria
el bellissem lenguagg di Sienes
l’è el lenguagg pù cojon che mai ghe sia. »
(Carlo Porta, I paroll d'on lenguagg, car sur Gorell)

Nell'epoca portiana convivono anche altri autori, come il pittore Giuseppe Bossi (1777-1815), il curato di Solaro Carlo Alfonso Pellizzoni (1734-1818), e soprattutto Tommaso Grossi (1790-1853). Quest'ultimo, amico di Manzoni e grande ammiratore del Porta, scriverà opere di tipo satirico contro il governo austriaco (La Prineide), romanzi in versi (La fuggitiva) e tentativi di traduzione di opere classiche (La pioggia d'oro).
La produzione poetica milanese è di tale grandezza 1815 lo studioso Francesco Cherubini può già dare alle stampe una prima antologia in dodici volumi, che partiva dal Seicento sino ai suoi giorni.

L'Ottocento è uno dei secoli più floridi per la letteratura lombarda, non solo milanese. Per esempio, a Pavia operano il tipografo Giuseppe Bignami (1799-1873) e il professore di ginnasio Siro Carati (1794-1848); a Como invece abbiamo Giovanni Rezzonico (1789-1875). Accanto alla poesia, si sviluppa anche il teatro (soprattutto nell'epoca postunitaria), e anche qualche tentativo di scrittura in prosa. Ha molto rilievo anche la produzione lessicografica. In questo senso, il capolavoro è il Vocabolario Milanese di Francesco Cherubini, che costituisce una sorta di enciclopedia sulla lingua e la cultura milanese. Su questa scia è anche il Vocabolario dei dialetti bergamaschi di Antonio Tiraboschi.
Tra i poeti principali del periodo possiamo annoverare il medico milanese Giovanni Rajberti (1805-1861) e il bergamasco Pietro Ruggeri da Stabello (1797-1858; definito dal Tiraboschi il Porta bergamasco). Un altro poeta bergamasco dell'epoca è Luigi Benaglio (1843-1908).
Il XIX secolo vede soprattutto il trionfo del teatro in lombardo. Tra gli autori del teatro possiamo annoverare Cletto Arrighi, Luigi Illica (1857-1919), Decio Guicciardi (1870-1918), Gaetano Sbodio (1884-1920), Edoardo Ferravilla (1846-1914) e Carlo Bertolazzi. L'Arrighi, tra i fondatori della Scapigliatura, sarà anche autore di un pratico dizionario milanese-italiano. Tra gli autori in prosa invece troviamo Emilio De Marchi.

La produzione letteraria milanese in questo secolo dunque è assai prolifica: nel 1891 il librettista Ferdinando Fontana, pubblica una nuova antologia poetica. Essa è molto preziosa perché spesso è l'unica fonte che documenta la biografia e le opere di alcuni autori minori.

Al giorno d'oggi (1900-...)[modifica]

Nel primo Novecento opera invece l'avvocato milanese Delio Tessa, che si discosta dalla tradizione portiana e imprime alla letteratura milanese una forte impronta espressionista. A Bergamo invece opera Bortolo Belotti (1877-1944), avvocato, storico e ministro in alcuni governi liberali.
Altre figure di rilievo sono il varesino Speri Della Chiesa Jemoli (1865-1946), il bresciano Angelo Canossi (1862-1943), il maestro di scuola lodigiano Gian Stefano Cremaschi (1853-1935), i bergamaschi Bortolo Belotti (1877-1944) e Giacinto Gambirasio (1896-1971), il chiavennasco Giovanni Bertacchi (1869-1942), i lecchesi Uberto Pozzoli (1901-1929) e Luigi Manzoni (1892-1979) e i milanesi Giovanni Barrella (1884-1967) e Luigi Medici (1888-1965).
Si discosta dalla tradizione letteraria milanese - anche dal punto di vista della grafia - Franco Loi (nato nel 1930), che tuttavia risulta essere uno degli autori più originali del secondo Novecento. In area ticinese abbiamo l'opera di Giovanni Orelli (nato nel 1928), che scrive nella variante della Val Leventina.
Nel campo teatrale, a partire dal Secondo Dopoguerra ha un grande successo (anche fuori dai confini regionali, complice forse anche una progressiva italianizzazione della lingua adoperata per i dialoghi) la compagnia dei "Legnanesi" di Felice Musazzi (1921-1989).

Attualmente sono presenti molti concorsi di poesia in ogni provincia lombarda (e oltre i confini regionali). Associazioni come il Circolo Filologico Milanese, la Famiglia Bosina, la Famiglia Bustocca e il Ducato di Piazza Pontida garantiscono ogni anno alcune piccole iniziative letterarie. Non mancano nemmeno traduzioni (più o meno fedeli o riadattate) di grandi classici della letteratura: numerose sono le versioni in lombardo di opere quali Pinocchio, I Promessi Sposi, la Divina Commedia e, nella letteratura religiosa, i Vangeli. Manca però, forse, una grande figura letteraria come quella dei secoli passati.

Sulla canzone lombarda[modifica]

Nel corso del Novecento, si sviluppa anche una produzione canora lombarda. Dopo le raccolte di canti popolari (per esempio delle mondine, o i canti delle osterie, che spesso fanno il verso alle più celebri arie dei melodrammi), incontriamo Giovanni D'Anzi, milanese di seconda generazione, che negli Anni Trenta scrive e compone la più famosa canzone lombarda di tutti i tempi: La Madonina.
Nel Secondo Dopoguerra è il turno di Enzo Jannacci (1935-2013) e di Nanni Svampa (prima coi Gufi, poi come solista). Nanni Svampa (nato nel 1938) si dedica a traduzioni delle canzoni francesi di Georges Brassens, oltre che a una raccolta sistematica del patrimonio canoro tradizionale milanese e lombardo. Altre figure di rilievo della canzone milanese "classica" sono il cabarettista Walter Valdi e Nino Rossi.
I testi di Jannacci e Svampa sono spesso intrisi di messaggi politici e di contestazione alla società del loro tempo.

« Gh'è anmò on quaivun che 'l gh'ha nò la Ses'cent
el che 'l dorma per terra cont on mucc de gent.
Gh'è anmò on quaivun che 'l finiss de morì
intant che 'l gira a cercà on bus in ospedal.
Gh'è anmò on quaivun che 'l sa nò 'se voeur dì
andà foeura a mangià e stà via duu o trii dì.
Gh'è anmò on quaivun che l'è bon de cantà
senza mai avè schisciaa el boton d'on juke-box! »
(Nanni Svampa, Gh'è anmò on quaivun.)

Sulla stessa scia si pone anche Ivan Della Mea (1940-2009), originario di Lucca e convintamente comunista:

« [...] Stasera voo a dormì al riformatori,
in quell de Filangieri al numer duu:
m'hann daa del "teddy boy", del brutt demoni,
mì son convint istess de avèggh reson;
'se gh'hoo de dìvv, ohi brava gent?
De la Ninetta me frega nient!
A l'è la giustizia che me fa tort,
Ninetta è viva, ma el gatt l'è mort! »
(Ivan Della Mea, El mè gatt.)

Un altro autore originale del periodo è il brianzolo Francesco Magni (nato nel 1949), collaboratore di Svampa.

« Vegni d'on paes, morissi chì, che l'era on quader;
l'era inscì bell che ghe piaseva a tucc i lader.
A tirà inanz se fa fadiga, ma per viv
la ghe bastava la colina coi soeu riv.
[...]
El mè paes, mè cara gent, a l'era on quader:
in facia el sô, dedree i montagn, de part el Lamber;
gh'è anmò i montagn, gh'è ancamò el Lamber, gh'è anmò el sô,
ma la sostanza de la terra la gh'è pu. »
(Francesco Magni, El mè paes.)


Altri autori rilevanti sono il milanese Walter Di Gemma (con le sue traduzioni del cantante belga Jacques Brel) e il bergamasco Luciano Ravasio (attento conoscitore della tradizione canora e poetica della sua città). Entrambi gli artisti inoltre dispongono di una produzione originale.
A partire dagli Anni Novanta si assiste a una riviviscenza della canzone lombarda, perlopiù fuori da Milano: più che rifarsi ai modelli tradizionali, questa nuova generazione di artisti cerca di coniugare la lingua del territorio alla musica contemporanea (folk, country, rock, ma non solo). Il principale esponente di questo "movimento" è il comasco Davide Van de Sfroos (nato nel 1965), che riesce a diventare celebre in tutto il Paese, oltre che nel Canton Ticino.

« E semm partii, e semm partii,
per quest'America sognada in pressa,
la facia dobbia come 'na moneda,
e 'na valisa che gh'è dent negott;
semm partii, e semm partii,
come tocch de vedro de 'n bucer a tocch,
ona vita noeuva quand finiss el mar
mentre quella veggia... la te picca ai spall! »
(Davide Van de Sfroos, E semm partii)

La musica in lombardo conta oggigiorno numerosi artisti in ogni provincia, tra cui varrà forse la pena citare il rapper bresciano Dellino Farmer (nato nel 1983), che ha raggiunto anche una discreta popolarità al di fuori dei confini della sua regione.

« Sé, come la gira de ché?
Adès che g'hó capìt che róba g'hó de tiràm dré!
Al sanch andèle vène al momènt al mànca mìga,
al mè südùr l'è dat da la pasiù e da la fadìga! »
(Dellino Farmer, Sanc e sidur)