Lombardo/Fonologia della Nuova Ortografia Lombarda in dialetto laghee

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro
Grafema Fonologia Esempi Traduzione in italiano
a /a/

/ɐ/ alla fine della parola con dopia "a" e in principi se gh'è su l'acent

vall


alibi fiaa

valle


alibi fiato

b /b/

/p/ alla fine della parola

basell

goeub

gradino


gobbo

c /t͡ʃ/ davanti a e, i

/k/ davanti a a, o, oeu, u o qualsiasi consonante

ciciarada


can

chicchierata


cane

ch /k/ davanti a e, i e alla fine della parola chichera tazzina da caffè
cc /t͡ʃ/ alla fine della parola tucc tutti
d /d/

/t/ alla fine della parola/ː/ alla fine dei participi passati

dent


mond
mangiad

dentro


mondo

mangiato

e /e/
/ɛ/
Ø per i plurali femminili
-er non si pronuncia alla fine della parola per i verbi al modo infinito de la 3^conjugazzion
temp
insema
montagne
vesser
tempo
insieme
montagne
essere
f /f/ fioeul figlio
g /d͡ʒ/ davanti a e, i

/ɡ/ davanti a a, o, oeu, u o qualsiasi consonante

gesa

magon

chiesa

sconforto

gh /ɡ/ davanti a e, i

/k/ alla fine della parola

ghell centesimo
gg /d͡ʒ/ alla fine della parola oeugg occhio
gn /ɲ/ tegnì tenere
h ∅ (ocio: si utilizza sempre davanti a tutte le voci del verbo havé) gh'hoo ho
i /i/
/j/ dopo consonante, prima di vocale

∅ tra sc, sg, s'c, s'g, g, c e vocale

intregh
aria
c
iamà
intero


chiamare

j /ʎ/

/j/

boteja

majà

bottiglia


mangiare

l /l/

∅ alla fine della parola dopo oeu

lassà


pedrioeul

lasciare


imbuto

ll /ll/ in mezzo alla parola

/l/ alla fine della parola (si scrive la "l" dopia quando l’accento è sull’ultima sillaba e la vocale prima è corta)

balla


basell

palla


gradino

m /m/ mur muro
n /n/

/ŋ/ alla fine della parola o davati a consonante velare /k/ e /ɡ/

nigola


basin''conca

nuvola


bacio

conca

nn /n/ sempre alla fine della parola dann danno
o /o/

/ɔ/ /u/,

tosa'bricola'come

ragazza

bricolla

oeu /ø/ oppure /œ/ a segonda de la parlata locale poeu poi
p /p/ pas pace
q /k/ davanti a u + vocal quatà coprire
r /r/

(/ː/ a volte alla fine della parola dopo (senter [senˈteː])(/ː/ a volte alla fine della parola dopo (senter [coˈluː])-er non si pronuncia alla fine della parola dei verb al modo infinito de la 3^conjugazzion

tera


senter''color''vesser

terra

sentiero

colore

essere

rr /r/ - vocale prima corta carr (vs. car) carro
s /s/ all’inizio della prola

/z/ intravocalica o alla fine della parola

setàss


nas

sedersi


naso

ss /s/ fuss fosse
sc /t͡ʃ/ - davanti a e, i scernì scegliere
s'c /ʃt͡ʃ/ mes'c mischiare
sg /d͡ʒ/ davanti a e, i la maggioranza delle volte e comunque sempre all’inizio della parola

/ʒ/ davanti a e, i raramente al centro della parola

sgiornada

resgiora

giornata

padrona di casa

s'g /ʃd͡ʒ/ s'giafon schiaffone
t /t/

/θ/ a volte alla fine della parola dopo "o"

tolin

biot

tappo a corona


nudo

u /y/


/w/ dopo <q>

cuna

aqua

culla


acqua

v /v/


∅ intravocalica a volte tra "a" e "o", "o" e "a" (minga semper), "o" e "e", "u" e "a" e "u" e "i"

vun


tavol'Mantova'ruvina

uno


tavolo

Mantova

rovina

z /t͡s/ all’inizio della parola e dopo consonante

/d͡z/ intravocalica o alla fine della parola

zuca

ghez

zucca


??

zz /t͡s/ mazzà ammazzare