Carmina (Catullo)/47

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro


Testo[modifica]

(LA)
« 

 
Porci et Socration, duae sinistrae
Pisonis, scabies famesque mundi,
Vos Veraniolo meo et Fabullo
Verpus praeposuit Priapus ille?
Vos conuiuia lauta sumptuose
De die facitis? mei sodales
Quaerunt in trivio vocationes?

 »
(IT)
« 

Porcio e Socratione,rogna e magrezza dell'umanità,
Le due mani rapaci di Pisone,
Al mio Veranio e a Fabullo
Quel Priàpo membruto ha preferito voi due.
I vostri succulenti banchetti voi iniziate
Da spendaccioni in pieno giorno; intanto i miei due amici
Aspettano ancora all'angolo della della strada che li inviti a
                                                           [cenare.

 »
(Fonte: → Wikisource )

Note al testo

Analisi stilistica[modifica]

Sintesi della poesia[modifica]

Il tema[modifica]

Il messaggio[modifica]