Carmina (Catullo)/86

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro


Testo[modifica]

(LA)
« 

Quintia formosa est multis, mihi candida, longa,
    Recta est. Haec ego sic singula confiteor,
Totum illud 'formosa' nego: nam nulla uenustas,
    Nulla in tam magno est corpore mica salis.
Lesbia formosa est, quae cum pulcherrima tota est,
    Tum omnibus una omnis subripuit Veneres.

 »
(IT)
« 

 Per molti Quinzia è bella, per me è vistosa,
alta, snella: uno per uno glieli riconosco,
questi pregi, ma nego il tutto, la bellezza, perchè non ha fascino,
in tutto il suo corpo non c'è una scintilla di grazia.
Lesbia è bella - lei che è affascinantissima tutta
e a tutte quante le donne ha rubato la grazia.

 »
(Fonte: → Wikisource )

Note al testo

Analisi stilistica[modifica]

Sintesi della poesia[modifica]

Il tema[modifica]

Il messaggio[modifica]