Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Filippine

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Copertina
  • Bibliografia completa
  • Armi e tecnologie
  • Guerre e conflitti dal 1945 al XXI secolo
  • Delle Filippine parliamo meglio nella sezione aeronautica qui sotto, ma intanto parliamo delle sue F.A. del 1985 circa.[1]

    1985[modifica]

    Esercito[modifica]

    Nella fase agonica del regime di Marcos, questa forza armata era aveva 70.000 effettivi sparsi nelle isole dell'arcipelago (10 militari per isola..), con altri 95.000 di riserva di cui 70.000 inseriti nei 18 btg di fanteria della difesa civile Interna con armi di tipo leggero, una specie di milizia insomma.

    Le unità principali erano, nelle forze regolari:

    • 5 divisioni di fanteria
    • 1 reggimento ranger su 5 btg esploranti e uno da montagna
    • 1 reggimento di cavalleria corazzata
    • 4 rgt di artiglieria campale
    • 1 brigata di polizia militare con 3 btg con compiti di sicurezza interna

    Insomma, era ovviamente una forza di difesa leggera, che non annoverava forti contingenti corazzati dei quali non esisteva l'utilità. I materiali sono, o meglio, erano all'epoca quasi tutti ex-USA, il che non dovrà stupire più di tanto; ma tra i fornitori c'erano anche il Portogallo e il Regno Unito con recenti contratti di forniture militari, per non dire dell'ammodernamento dell'artiglieria con armi israeliane.

    • Mezzi corazzati: carri leggeri M41 e Scorpion; APC del tipo AIFV (una trentina), M113A1, M3 (semicingolati), Commando V-150 e i loro 'cloni' portoghesi Chaimite
    • Artiglieria: obici M101 da 105 mm, M68 da 155 mm, M114 da 155 mm, Mortai M2 da 60 mm, M1 da 81 mm, M29 da 90 mm e M30 da 107 mm.
    • Armi c.c.: M20 superbazooka da 89 mm, cannoni SR M20 da 75 mm, M67 da 90 mm, M40A1 da 106 mm
    • Armi contraerei: M167A1 Vulcan da 20 mm
    • Armi portatili: pistole M1911A1 da 11,43 mm, M3A1 mitra paricalibro, fucili M16 da 5,56 mm e G3 da 7,62 mm, mitragliatrici M60 e M2HB

    Ad aggiungersi a tutto questo c'era la forza paramilitare di 40.000 elementi su 13 cp operative e 180 territoriali o provinciali che dir si voglia, sempre con armi leggere.

    L'Aeronautica[modifica]

    Con 16.800 uomini, aveva anche competenza per l'aviazione dell'Esercito, che era grossomodo esistente ma solo con i velivoli dell'aviazione: 50 UH-1H, 10 Hughes 500D e 6 BO105C.

    Quanto all'aviazione c'erano 2 gruppi da caccia con missili AIM-9B e AGM-12B aria superficie; uno aveva gli F-8, di cui erano ancora ritenuti efficienti 22 esemplari, ammodernati; l'altro gruppo aveva 16 F-5A e 3 B, con una proposta di aggiungere 11 F-5E di seconda mano (poi non verificatasi).

    Le operazioni COIN erano quelle più importanti nell'attività operativa con 4 gruppi di cui 2 con 32 T-28D. 16 SF260W erano per un terzo gruppo e infine il quarto aveva le cannoniere AC-47, circa una dozzina. Lo stormo elicotteri possedeva 62 UH-1H, 10 Bell 205A, 17 rari e belli (ma piuttosto sottopotenziati) Sikorsky S-76 anche per compiti armati.

    La flotta di trasporti e comunicazioni vedeva 4 L-100 e altrettanti C-130, 9 F-27 medi, 5 C-47. I trasporti leggeri erano altri tre gruppi dei 5 complessivi: avevano 9 Nomad, 16 Islander, 11 BO105C. Per il collegamento c'erano (utilizzabili anche per il FAC e ricognizione meteo) 15 O-1E, 3 Helio Super Courier, 6 Cessna 180, 3 Cessna 210, 17 Cessna U-17. L'addestramento era curato con 10 T-34A, 12 T-41D, 27 SF-260MP, 10 T-33A, anche se parte dell'addestramento avanzato era svolta negli USA.

    Infine c'era il gruppo VIP con vari aerei ed elicotteri.

    In tutto quindi:

    • 1 gruppo con F-5
    • 1 gruppo con F-8
    • 2 gruppi con T-28
    • 1 gruppo con SF-260W
    • 1 gruppo AC-47
    • 1 gruppo C-130
    • 1 gruppo F-27 e C-47
    • 3 gruppi trasporto leggeri
    • 3 gruppi d'addestramento
    • 3-4 gruppi aerei leggeri
    • 1 gruppo VIP

    Cosa non di poco conto, l'Aeronautica filippina gestiva anche una rete di difesa aerea che contava sui micidiali missili HAWK per la protezione delle tre principali basi aeree, due operative e una per il reparto VIP. Non c'erano particolari programmi per la modernizzazione causa la crisi economica, eccetto per l'arrivo degli unici jet che la PAF poteva permettersi: i 'bellicosi' S.211 montati su licenza, altrove giusto assimilabili ad aerei d'addestramento leggero.

    Marina[modifica]

    Anche questa era cliente degli americani per la gran parte: molte navi erano reduci dalla marina vietnamita che venne sconfitta nel '75 assieme al resto dello stato del Sud con l'avvento dei 'nordisti'.

    Navi: le più importanti erano 7 fregate, ma attenzione, si parla in realtà di navi americane del '43-44. Ancora erano valide per pattugliamento e bombardamento costiero. Assieme c'erano 10 corvette ex-dragamine o grandi navi pattuglia. Le nuove navi erano le PSMM Mk.5 con missili MM.38 antinave, 10 delle quali ordinate. 2 corvette e 4 fregate erano in aggiornamento per ospitare un elicottero, o quantomeno per permettergli tramite piattaforma di atterrare. 9 battelli di pattugliamento erano presenti assieme a 4 classe 'Kantin' e altri 6 ordinati.

    Erano soprattutto le navi leggere quelle in cui v'erano le migliori condizioni in termini di modernità: 31 pattugliatori veloci de Havilland srs 9209, 38 Swift Mk. 3, 11 Mk.2, 5 Mk.1, 3 classe 'Abra'. Non è chiaro se gli Swift fossero le navi costruite dalla Sewart oppure no: in ogni caso queste avevano dislocamento di 33 t, velocità di 25 nodi, cannone da 20 mm scudato a prua e lanciarazzi subito dietro (apparentemente di tipo controcarri). La componente da pattugliamento era insomma molto numerosa data la struttura della nazione, e così lo era quella da sbarco: 4 LSM1, 24 navi LST1-511 e LST512, 3 classe LSSL1, un mezzo da sbarco per mezzi corazzati LCT, 3 LCU per uso generale, 61 LCM6 e 8 del tipo 'a motore', 7 LCVP. Tutti mezzi vecchi eccetto quelli più piccoli, che servivano un corpo di marines di 9.200 uomini in aumento a 14.500 su 3 brigate di cui ciascuna su 4 battaglioni, oltre all'unità speciale di pronto intervento da 700 soldati in fase di costruzione. Era presente una robusta componente corazzata con 30 LVTP-5, 55 LVTP-7A1, 12 LVTH-6 con obice da 105 mm. La componente aerea della flotta era costituita da 10 BO105C e 10 BN Islander per compiti di pattuglia e SAR, assieme ai 3 F-27MPA e 6 anfibi UH-16 Albatross dell'Aeronautica (forse su di un gruppo autonomo). Poche le navi ausiliarie di cui 3 navi officina 'Achelous', ex-LST, 2 cisterne portuali, 6 bacini galleggianti (ma di piccole dimensioni), 2 gru galleggianti.

    Tra le armi utilizzate degna di nota era la consistente quantità di corazzati in carico ai Marines, non a caso la principale forza da combattimento che il governo poteva effettivamente mandare in azione contro i guerriglieri, visto che la demotivazione era meno sentita rispetto al grosso delle truppe dell'Esercito. Certo è che all'epoca i militari non avevano più fiducia in Marcos e nella sua corrotta politica familista. I mezzi dei Marine erano comunque obsoleti, come gli LVTP-5, anche se pure i Taiwanesi, ben meglio equipaggiati, ne avevano molti. In realtà i nuovi LVTP-7, pur se ben più semplici e prestanti, erano apparentemente tutt'altro che riusciti a rimpiazzare i mezzi precedenti, forse per motivi di costo, in servizio con numerose nazioni dalle forti truppe anfibie nella zona dell'ASEAN. Degna di nota, tra le navi, la presenza su alcune unità dei sistemi binati EMERLEC da 30 mm, con cannoni Mauser sistemati attorno alla cabina di pilotaggio (stile 'braccio meccanico'). Era un sistema piuttosto diffuso ed efficace, con ben 1970 colpi pronti al tiro appena sotto il ponte di coperta, in un enorme contenitore cilindrico, sufficiente per circa 1,5 minuti di fuoco teorico. La precisione era tale da essere, entro certi limiti, persino valutato come arma antimissili (ma in circostanze molto, molto favorevoli visto che non c'era la cadenza di tiro sufficiente e che non esisteva un radar di scoperta aerea abbinato, per non dire della presenza dei soli apparati ottici diurni per il tiro effettivo). In effetti, una delle poche armi moderne che esistevano nell'arsenale della Marina Filippina.

    Non mancava infine la Guardia costiera, appena 2.000 uomini con due aerei leggeri e 3 grossi battelli per ricerca e soccorso, più circa 60 di piccole dimensioni.


    La controguerriglia[2][modifica]

    Dopo la presidenza della presidentessa Corazon Aquino, quando era stato fatto molto per trattare con i guerriglieri dell'NPA, con il nuovo presidente Ramos si ricominciò a far 'salire il livello di confronto' con i guerriglieri anti-governativi. Lo scenario ricordava quello del Vietnam, come la vegetazione, l'umidità e i mezzi aerei impiegati, gli obiqui Huey. Poteva capitare che una postazione fosse occupata da un'unità come il 64° Battaglione, a quota 245 dove c'era una specie di agglomerato di baracche in mezzo ad una soffocante jungla. Poteva capitare che si aspettasse 4 mesi e oltre per sostituire un'unità del genere, relegata a forniture eliportate ogni settimana. I battaglioni arrivavano con gli UH-1H ed erano scortati dagli S-76, anzi dagli AUH-76, armati con mitragliatrici FN Herstal da 12,7 mm che sorvegliavano la fase dell'atterraggio. Era così dai primi anni '70 là a Mindanao, estremo Sud dell'arcipelago. C'erano 160 mila soldati e reparti di sicureza vari come la Constambulary e tanti vigilantes (squadroni della morte?). Tutto questo contro i guerriglieri dell'NRA, New People Army, che altro non erano che il braccio armato del CCP, ovvero il Partito Comunista Filippino, fondato dall'ideologo maoista e professore universitario José Maria Sison. Ovviamente il PCF è rimasto fuorilegge ai tempi di Marcos, ma apparentemente non è cambiato molto nemmeno negli anni successivi.

    Questa guerriglia non è che l'ultima di tante altre. Quando gli Americani occuparono le Filippine si scontrarono con i pericolosi attacchi dei Moros, guerriglieri locali che si imbottivano di droghe prima di attaccare, tanto che si dice che l'adozione delle Colt 0.45 sia stato dovuto proprio per le migliori capacità d'arresto contro i guerriglieri, resi relativamente insensibili ai colpi delle pistole con cui si combattevano gli scontri tra la jungla.

    A parte questi eventi dell'inizio del secolo, nel dopoguerra immediato vi fu la guerriglia Huk, che era sempre legata al partito comunista, ovvero il vecchio PKP, Partido Komunista n Philippinas, stroncata poi dal ministro della difesa (e poi Presidente) Magsaysay negli anni '50. Questo fu grazie alle tecniche di guerra, guerra psicologica, e aiuto alle popolazioni secondo i consiglieri occidentali, anzi americani. Ma dopo circa una ventina di anni, nel '69, a marzo, venne ricostituito l'NPA. Stavolta la minaccia non era a Luzon, l'isola della capitale Manila, che era un bersaglio vitale ma troppo facile da difendere; stavolta si è trattato di fare guerriglia in zone periferiche e montagnose, specie a Mindanao che avrebbe dovuto essere poi la base di allargamento verso il resto dell'arcipelago. Verso la fine degli anni '70 c'erano circa 10 mila guerriglieri, non molto per contrastare Marcos. Ma dagli anni '80 il successore di Sison, ovvero Rudolfo Salas e poi Romulo Kintanar sfruttarono bene il malcontento popolare verso Marcos e la sua corrittissima classe di potere. Il primo venne nondimeno arrestato nel settembre del 1986, il secondo nel marzo del 1988. Paradossalmente proprio quando Marcos era stato cacciato via. Con l'olio di cocco e lo zucchero che costavano sempre di meno (ed erano i principali prodotti di esportazione delle Filippine), disoccupazione e corruzione, non era difficile ottenere valide ragioni di lotta anti-governative. Nel mentre Marcos si arricchiva smodatamente, e forse questo fu possibile anche grazie alla gigantesca quantità d'oro che i giapponesi nascosero nelle isole, in gallerie che fecero saltare con operai forzati e soldati dentro, ma che sarebbe stata ritrovata dal dittatore, almeno in una limitata quantità (su migliaia di tonnellate stimate..). La vedova ha sempre negato tutto, ma senza mai convincere del tutto.

    Nella metà degli anni '80 l'NPA aveva 28 mila combattenti, per lo più a Mindanao. Le cose erano tanto andate avanti che v'erano concrete speranze di entrare al governo, mentre il corrotto e demoralizzato esercito filippino era troppo debole, come già quello sudvietnamita negli anni '60, per non dire dei meriti necessari per fare carriera nell'esercito legati soprattutto al nepotismo. Solo i Marines erano un corpo veramente solido, di sicuro la migliore forza combattente dei Filippini. Paradossalmente fu proprio la caduta di Marcos che tagliò le gambe alle ambizioni dei comunisti grazie all'arrivo della Aquino. Prima vi furono amnistie e trattative, poi la 'vedova presidente' ebbe pressioni nascenti da parte dell'esercito per non continuare le sue trattative, che sembravano piuttosto inconcludenti. Presto si ritornò alla lotta armata, precisamente attorno al 1988. Questo non fermava tuttavia la formazione di nuovi eserciti di guerriglieri, mentre l'NPA stava perdendo colpi e posizioni in cui sembrava consolidata.

    Ma almeno a Mindanao c'erano ancora bastioni molto forti, con circa 15 mila combattenti e un milione di simpatizzanti. Ma c'era anche di peggio: il Moro National Liberation Front o MNLF, e il MILF, Moro Islamic Liberation Front si stavano formando come pericolose avversarie del potere centrale. Erano entrambe formazioni di guerriglia musulmana ed erano attive ancora, a Sud dell'arcipelago. Erano aiutate da nazioni esterne, persino dalla lontana Libia.

    Nondimeno, la loro azione era spesso di tipo convenzionale, quindi più facile da contrastare da parte dell'esercito filippino. Con 110.000 soldati di cui ben 28 mila della Marina -11.000 Marines- e 68.000 dell'Esercito, più 50.000 delle forze di sicurezza e 35.000 'vigilantes' ovvero guardie private, quel fenomeno che adesso sta esplodendo in Irak ed è conosciuto come 'contractors'.

    I militari filippini hanno avuto molto da imparare dalle strategie COIN usate in Vietnam e hanno di conseguenza usato delle truppe leggere speciali, con la capacità di reagire in maniera rapida in ogni ruolo anti-insurrenzionale e in ogni zona delle Filippine. La PAF, che li appoggiava, era nota soprattutto come HHP, le Huk-bong Himpawid ng Philipinas, che è la lingua tabalong locale.

    Con che mezzi? Non molto ma nemmeno pochi: il gruppo COIN era armato con 16 T-28D Trojan e 7 gruppi di UH-1H (circa 50), alcuni MD-500, 12 S-76 qui in un raro utilizzo da elicotteri di cannoniera volante anche se in fondo, questi moderni e veloci elicotteri avevano solo due pod da 12,7 mm belgi. Sono stati usati soprattutto a Samar, Mindanao, Cebu. Solo Mindanao aveva una superficie di 94 mila kmq, la seconda per estensione dopo Luzon. Era qui che si verificavano gli scontri tra regolari e guerriglia, per circa l'80% del totale delle battaglie. Era per questo che c'erano ben 9 brigate delle divisioni 1, 4 e 6, più 4 btg d'artiglieria, una brigata del Genio (52a, più elementi della 525a). A tutto questo si aggiungevano 3 battaglioni di forze speciali e i marines della 2a brigata.

    All'epoca le Filippine possedevano un esercito di 8 divisioni da 2-4 battaglioni l'una (quindi erano in pratica delle brigate per gli standard NATO), una brigata corazzata leggera di 4 battaglioni (assegnati alle divisioni di fanteria), 4 brigate del genio, 4 reggimenti artiglieria campale (che oltre agli M101 hanno ricevuto anche alcuni degli obiqui Mod.56 da 105 mm nel 1982-83), 5 battaglioni di forze speciali (nella nuova 96a brigata di fanteria leggera, ex- reggimento scout Ranger sciolto dopo il tentato golpe del dicembre 1989, passato sotto traccia date le tante altre rivoluzioni all'epoca). Infine non mancavano 3 brigate di marines, la 1a, 2a e 3a.

    Quanto a Mindanao, essa era suddivisa in 5 differenti Regioni Militari con forze da combattimento dislocate per ciascuna di esse. La più sofferta era la XI R.M. di Davao, che era anche la principale città di Mindanao.

    Qui le condizioni erano molto varie: zone agricole, urbanizzate, di montagna. Azioni di terrorismo ed attività estorsive erano all'ordine del giorno, come anche le imboscate per i governativi e l'attacco alle grandi proprietà terriere, uno dei problemi mai risolti dalla struttura sociale delle Filippine.

    La Regione in parola era tenuta dalla CASF, Composite Air Support Force con 9 elicotteri, il cui compito era supportare i rangers: 3 erano i potenti AUH-76 del 15th Strike Wing (base Cavite City, vicino a Manila) tutti dipinti in nero e senza segni di riconoscimento, 6 erano invece gli UH-1H appartenenti al 206th Tactical Helicopter Wing che ha la sua base istituzionale a Pasay City. Non erano poi molti ed erano quindi costretti ad effettuare 2-3 missioni al giorno soprattutto per azioni di rifornimento alle guarnigioni isolate, ma non mancavano ogni mese da 3 a 5 missioni di guerra sia offensive che difensive (azioni di forze speciali e attacchi ai guerriglieri). I guerriglieri NPA non erano molto armati, ma registravano con continuità quando c'erano i cambi truppe delle guarnigioni e ne approfittavano per quello che nella guerriglia moderna è un po' il nuovo sport: il tiro all'elicottero, specie quando è a pochi metri da terra in atterraggio. Ma gli elicotteri erano provvisti di corazze protettive e pare che nessuno fosse stato abbattuto durante questi agguati, mentre gli Huey, spesso difesi dagli S-76, erano armati con due M60 laterali. Anche la guerriglia le aveva, assieme ad AK-47, M14 e AKM. Se erano in numero sufficiente formavano una specie di falange e sparavano tutti insieme una vera palla di fuoco contro il facile bersaglio, che tuttavia era in grado di sopravvivere a queste azioni, mentre in Vietnam analoghi tipi di azioni avevano distrutto molti Huey. Questi erano piuttosto vecchiotti e non rispondevano molto bene ai comandi che spesso necessitavano di molta velocità d'esecuzione per portarsi fuori dai guai. Ogni elicottero dle 206th aveva subito molti impatti di proiettili, ma ai guerriglieri mancavano armi pesanti e missili portatili. Entro 30 minuti era possibile intervenire su chiamata di soccorso, ed entro un'ora era possibile evacuare i feriti. Se necessario si poteva chiedere l'appoggio dei T-28D. L'esercito filippino, ora molto meglio messo quanto a spirito combattivo, tifava per Fidel Ramos, alla prova per le nuove elezioni dell'11 maggio 1992: come ministro della difesa di Corazon Aquino neutralizzò 7 colpi di stato.

    I guerriglieri perdevano colpi, è vero. Dopo oltre 3 settimane di caccia da parte della 6a Divisione ad un reparto di guerriglieri forte di 300 uomini in origine, di questi ne restavano solo una cinquantina, affamati e debilitati dall'inseguimento. Era questione di poco e si sarebbero arresi. Dall'altra parte gli uomini governativi non erano certo riposatissimi, ma almeno se feriti si potevano subito evacuare invece di arrendersi o dovere essere curati dopo ore di barella tra le insidie della jungla. Lo spirito dell'Esercito, crollato nei primi anni '80, con la cacciata di Marcos era chiaramente migliorato. I soldi non erano molti, nondimeno: gli elicotteristi filippini facevano un lavoro infernale e prendevano 250 mila lire (in pesos) al mese, vivendo in baracche umide e prive di conforti. Ma erano, riporta Husson, entusiasti di combattere perché sognavano un Paese pacificato dalla guerriglia, che il presidente Ramos voleva sconfiggere ma senza per questo che i militari prendessero la supremazia sulla costituzione e la società civili. E così, sperando che le cose andassero davvero bene, un giorno dopo l'altro, una notte dopo l'altra guerriglia e governativi si scontravano in queste zone di guerra.

    1993: Marina filippina[3][modifica]

    Non risulterà difficile capire, già da quanto è stato prima detto, che la Philippine Navy era valutata come la più vecchia e obsoleta tra le marine dei Paesi ASEAN. Aveva da pattugliare 1,94 mln di km2 di cui parte è stata dichiarata sua EZZ, precisamente nel '79. La necessità era di comprare ben 100 navi ma la possibilità reale era di 38: con il 38% del necessario non è che ci si potesse fare molto. C'erano da proteggere 785.000 pescatori da ogni sorta di problema (dai cicloni ai pirati) e di eliminare il fenomeno della pesca di frodo oltre che il contrabbando. Non c'erano reali problemi con altre nazioni, con i classici grandi scontri navali immaginati nelle costruzioni delle flotte d'alto mare. Però l'arresto di pescatori taiwanesi nelle acque del nord e gli attacchi della marina malaysiana contro i pescatori attorno a Mindanao non erano un problema marginale. Per capire come queste 'guerre del pesce' fossero tutt'altro che simboliche, basti dire che tra il 1 aprile e il 4 maggio del '91 sono stati catturati 7 battelli da pesca di Taiwan. Non solo, il 27 aprile del '91 ne è stato affondato anche uno, al largo di Luzon. E che dire delle 8 isole rivendicate dell'arcipelago Spratly (le Palawan e Kalayaan)? Insomma, di problemi ce n'erano anche se non particolarmente gravi rispetto ad altre zone di tensione. Per affrontarli la PN ha chiesto un budget, nel 1991, di 80 milioni di dollari o meglio 1,8 mld di pesos. Questo serviva per il programma di ammodernamento da farsi nel corso di un decennio. Non era certo molto: 8 mln di dollari per anno sono risibili a dire il meno. Ma il Congresso ha stabilito che solo 324 mln fossero accordati alla Marina. Questo sembra un vantaggio per le finanze dello Stato. No. Sono perdite enormi: 2 mld di dollari (non di pesos!) all'anno per la mancata azione di contrasto ai pescatori di frodo, che sottraggono 1 mld solo in tonni!. E che dire del contrabbando? 93 mln di dollari nei precedenti 5 anni, anche se a confronto dei pesci sottratti sembrano una bazzecola. Un po' meno i 110 mln di dollari di danni causati dai pirati (che sono una piaga mai estirpata). Tutto questo spiega come mai 'piova sul bagnato': se sei un Paese debole, quello che succede di conseguenza non riequilibra affatto, se lasciato a se stante, la tua posizione, ma tende ad indebolirti. Le Filippine sono state derubate di decine di mld di dollari in pesce, e hanno continuato a soffrire di problemi economici che hanno alimentato ulteriori predazioni da parte di gente senza scrupoli.

    Per ottenere un po' di rispetto sono state ordinate ai cantieri spagnoli di Bazan le 3 motocannoniere 'Cormoran' da 158 mln di dollari, da consegnarsi per il 1995, grazie ad un pagamento agevolato da un prestito a tasso commerciale più varie compensazioni. La consegna era prevista a partire dal marzo del '94, ma c'erano anche altre 3 navi costruite nei cantieri di Cavite, proprio a Sud di Manila. Come armamento queste navi da 360 t si presentavano piuttosto agguerrite con il solito cannone OTO da 76 mm (forse il primo caso in cui entrò in servizio nelle Filippine), un altro impianto Breda da 25 mm binato, 4 missili MM-40 Exocet, sistema di combattimento ALCOR con apparati optronici, radar navigazione e scoperta aerea, una consolle multifunzione di tipo COAR e un databus CORMONET. Non bastando queste potenti navi c'erano anche in acquisizione 8 motovedette costruite a N.Orleans, lunghe 24 m, con due diesel Allison, eliche a 4 pale, riduttore tedesco ZF, 4 mtg da 12,7 mm, 2 da 7,62 mm e un mortaio da 80 (o 81?) mm. I programmi vertevano anche su 3 cannoniere costieredi provenienza australiana, due piccole navi da rifornimento LSV da appena 1.560 t della China Ship and Trading Corporation, costanti appena 34 mln di dollari. Ma forse più interessante era l'offerta russa di 12 corvette Tarantul, ad appena 40 mln di dollari l'una (che però significano 480 mln complessivi), armate con i missili P-22 antinave e SA-N 4 antiaerei. Erano appartenenti alla flotta Sovietica dell'Estremo Oriente. Navi piuttosto capaci e complesse da circa 800 t, erano della prima versione, ma anche così sembra strano che nel settembre del '92 la Marina russa fosse intenzionata a disfarsi di un nucleo di unità di tutto rispetto visto lo stato generale della flotta, composta da navi ben più vecchie. Forse volevano più che altro fare 'cassa' data la disastrata situazione finanziaria. Sta di fatto che la Marina di Singapore, anche considerando i rinforzi previsti per la PN, era capace di offrire una molto superiore capacità combattiva, e parliamo di un mini-stato da circa 600 km2 e 2 milioni di persone. Le Filippine erano davvero in una situazione molto vulnerabile e pirati più pescatori di frodo lo sapevano.

    PAF, 1998[4][modifica]

    Parlando delle Filippine non bisogna dimenticare la posizione strategica che questo arcipelago occupa. Si tratta di un arcipelago ex-colonia spagnola, costituito da ben 7.000 isole e 10 anni fa, circa 60 milioni di abitanti di 10 principali etnie. Dopo che gli USA vinsero la loro prima guerra oltremare, contro la Spagna nel 1989, passarono sotto il loro controllo e vi rimasero fino al '46, ma con l'intervallo del dominio giapponese nel 1942-44. Dal 4 luglio del 1946 sono diventate una nazione libera ma data la loro composizione etnica (una volta, senza tanti falsi pudori, si sarebbe chiamata 'razziale') e la geografia che certo non agevola la visione unitaria dello Stato, non si può dire che il loro governo sia riuscito molto bene a controllare lo sviluppo di quella che rimane una naziona povera con una forte emigrazione. Le Filippine non hanno fatto mai parte delle 'Tigri Asiatiche'. Quanto all'aviazione, la prima bozza venne fatta il 17 marzo 1917 con la Guardia Nazionale Filippina che ebbe una cosiddetta unità aerea di 150 soldati (15 ufficiali), così detta perché priva di aerei. Venne addestrata 'a terra' a Fort Mill, isola di Corregidor. Fu solo dopo la Grande Guerra che giunsero i primi Curtiss N4S, i celebri 'Jenny' da addestramento, oltre ad F5 e a un idro Seagull. Non erano aerei dei Filippini, che dopotutto erano una terra occupata dagli Americani: la proprietà era della Curtiss School of Aviation. Il primo pilota diplomato fu il T.te Leoncio Malinao, o almeno il primo a volare senza un istruttore americano. Nel '22 il Philippine Air Service venne tuttavia sciolto per mancanza di fondi. Si riprese nel '34 come Philippine Constabulary Air Corps che era una specie di polizia aerea, assorbita dal Philippine Army Air Corps due anni dopo. Il PAAC combatté nel '41-42 contro i Giapponesi: persino qualcuno degli obsoleti P-26 riuscì ad abbattere uno Zero, iniziando i combattimenti il 10 dicembre del '41. Ma nel marzo del '42 cadde Bataan e la sua linea difensiva e i Giapponesi, che attribuivano importanza strategica alle Filippine (che attaccarono fin dal primo giorno di guerra distruggendo gran parte dei B-17 ivi dislocati) conquistarono l'arcipelago. Mc Arthur se ne andò ma baldanzosamente disse che sarebbe ritornato, e così fu nel '44. La guerra vide gli americani prevalere con un'industria veramente ineguagliabile, e le Filippine videro sia il massacro delle forze convenzionali giapponesi che l'inizio dei reparti Kamikaze. In ogni caso, finita la guerra i primi piloti filippini andarono negli USA ad addestrarsi e nel luglio del '47 nacque la Philippine Air Force staccandosi, come già il modello USAF, dall'Army. Nel '55 arrivarono i jet T-33A e RT-33A, 28 esemplari in tutto, che vennero consegnati in 3 lotti. Senza fretta: l'ultimo nel 1987, 32 anni dopo i primi, era di 7 esemplari da parte dell'USAF. Questa era molto presente in zona, essendo le Filippine entro la competenza della PACAF: specialmente sulla base di Clark vi era concentrato un potenziale militare considerevole. Questa base era americana, come anche la base navale di Subic Bay. È poco noto ma nel '50 contingenti filippini vennero mandati in Corea a combattere i comunisti e nel '51 USA e Filippine siglarono un trattato di mutua difesa.

    Nel '57 erano arrivati anche 18 F-86D e ben 60 F-86F, destinati a durare per almeno 20 anni come i principali aerei della PAF. Dal '65 si entrò nell'era supersonica con gli F-5A e B: rispettivamente 19 e 3 esemplari che ancora verso la fine degli anni '90 erano presenti con una decina di superstiti comprendento anche quelli non più volanti. C'erano in vista i caccia Sud-Coreani e Taiwanesi dello stesso tipo, ma delle più moderne versioni E ed F. Senza tema di smentita si può dire che l'F-5 rappresenti una vera 'moneta di scambio' nel campo dei caccia supersonici.

    Nel '65 diventò anche presidente delle Filippine un certo Ferdinando Marcos, che governerà arricchendosi sfacciatamente le Filippine per circa 20 anni. Tentò beninteso anche di modernizzare il Paese, tra cui l'introduzione della riforma agraria che però non era gradita alla base del suo potere, le solite elite latifondiste. Era proprio una parte del suo programma di rinnovamento l'aggiornamento della PAF, che dal '66 ricevette 19 F-5A e 3 B per il suo 6th Tactical Fighter Squadron di Basa. Erano i sostituti ideali degli F-86 e il primo giunse il 25 ottobre. Le Sn erano ancora dell'USAF, quasi a sottolineare i rapporti strettissimi tra le due nazioni: 64-13310/113313, 64-13320/13324, 65-10499/10507, 66-9148/9150, 64-13379/13380, e 65-10589.

    Nel frattempo, purtroppo, le cose nelle Filippine non stavano funzionando come sperato. La corruzione era enorme, come il tasso di criminalità. La crescita economica era rallentata mentre i Comunisti si stavano infiltrando nel territorio. Il 1969, anno del secondo mandato di Marcos, era davvero un brutto periodo per governare. Dopo alcuni attentati dinamitardi dichiarò la legge marziale. Era il 1972 e da allora l'opposizione politica venne perseguitata senza tanti complimenti, mentre il Congresso (il parlamento locale) venne chiuso. Marcos si autoinvestì, con tanto di decreto presidenziale, di poteri da dittatore. Troppa grazia! Ma la cosa non era inizialmente osteggiata: né dagli USA, che ovviamente vedevano in Marcos 'l'uomo forte' in chiave anti-comunista; né da parte della popolazione, specialmente dai ricchi. È una delle solite parabole che la storia della politica dovrebbe insegnare alle persone di tutto il mondo. Inizialmente l'economia ebbe beneficio di questa stabilizzazione forzata, con Marcos e famiglia (cominciando dalla moglie Imelda) che controllavano praticamente tutto quanto, specie i monopoli dello zucchero. Questi servirono a farsi ricchissimi conti pubblici in Svizzera, mentre i militari a forza di controllare il Paese erano diventati una casta corrotta e suddita della volontà del 'capo'. Peccato che tutto questo fosse poco efficace contro i Comunisti e poi anche i Musulmani. La corruzione era davvero impressionante e nessuno Stato può restare efficiente con tali condizioni. Questo non aiutò nemmeno la PAF, che nondimeno dal '77 ebbe uno dei meno noti caccia supersonici (almeno fuori dai confini americani): l'F-8, qui nella versione H, che venne consegnato in ben 45 esemplari, di cui 10 come ricambio. Essi erano apparecchi ben più prestanti degli F-5 ma anche più complessi, che all'estero vennero ceduti solo all'Aeronavale francese in una specifica versione. Nel 1986 erano praticamente fuori servizio per corrosione e mancanza di parti di ricambio, ma ebbero poi un inaspettato colpo di grazia di tipo naturale. Le Filippine non sono un posto molto protetto dal punto di vista ambientale, anzi, tra uragani e vulcani sono molto vulnerabili. E fu il Pinatubo, con l'eruzione del 1987, che ricoprì la base di Basa di cenere vulcanica. Questo decretò la mesta fine dei bei caccia Vought.

    Nel frattempo Marcos aveva tolto la legge marziale (27 gennaio 1981), e iniziato un certo ritorno alla normalità. Ma anche così la corruzione e il familismo erano troppo gravi per essere tollerati; nondimeno nel giugno 1981 venne rieletto, anche se la campagna elettorale venne boicottata dall'opposizione. Tra questa c'era Benigno Aquino, che venne a lungo imprigionato dal '72, e autorizzato ad andare negli USA 8 anni dopo per le cure mediche di cui aveva bisogno. Non era finito, però, e il 21 agosto 1983 ritornò in patria per costruire una valida opposizione a Marcos. Ma all'aeroporto di Manila venne ucciso da un gruppo di ufficiali filippini. La storia (vedi Benazir Bhutto) tende a ripetersi. Ma da morto Aquino fu il nemico inesorabile di Marcos: la sua sfacciata uccisione generò proteste anche da parte della Chiesa Cattolica, fortissima nelle Filippine, mentre comunisti e democratici vari guadagnavano terreno. I militari filippini non erano mai stati molto forti ma adesso erano davvero preoccupati della solidità del regime, che vacillava sotto i colpi di una opposizione riunita attorno a Corazon Aquino, la vedova che si dimostrò una grande combattente politica. Così non poteva andare avanti: a novembre del 1985 Marcos decise di indire elezioni un anno prima della scadenza, sperando di ottenere una riconferma, anche del supporto americano: invano, mentre anche i militari cominciavano a rivoltarsi contro Marcos. Il 25 febbraio 1986 come tanti altri dittatori moderni Marcos scappò via con un aereo e andò in esilio negli USA, mentre Corazon divenne la nuova presidente.

    Nel frattempo l'aviazione perse l'uso degli F-8 e gli F-5, rimasti gli unici caccia supersonici, continuarono a servire dal 6th TFS del 5th Fighter Wing di Basa , che è a nord di Luzon. L'interesse per rimpiazzarli era attorno agli Kfir israeliani, buoni aerei ed assai economici. Venivano visti con favore gli A-10 e gli F-18, ma non c'erano fondi per andare al di là della valutazione tramite i manuali d'istruzione..

    In ogni caso la crisi economica si è fatta sentire anche negli anni successivi alla rivoluzione anti-Marcos. La principale unità è rimasta quella della Basa AF, intitolata al primo pilota ucciso in guerra il 12 dicembre 1941. Qui c'era il 5th Wing con 3 squadroni (tardi anni '90): uno era il summenzionato 6th 'Cobra' per intercettazione, addestramento avanzato e pattuglia acrobatica (i 'Blue Diamonds'). Un altro era il 5th 'Bulldogs' con gli AS.211, ovvero i piccoli SIAI S.211 montati su licenza. Essi erano armati con un pod ventrale per mitragliatrice da 12,7 mm edue punti d'aggancio subalari per compiti COIN. C'era infine il 105th Blackjacks' con gli S.211 configurati da addestratori avanzati che servivano con le missioni per il programma JQT e CCT. La prima fase era la Jet Qualification Training e si articolava, a parte il programma a terra teorico in 37 missioni di 55 ore complessive. POi arrivava la Combat Crew Training con 31 missioni per 44,5 ore e transito sugli AS.211 Warrior (II). Il 105th, nonostante la crisi economica e la scarsità di aerei, formava una seconda pattuglia acrobatica, i 'Red Aces' che si alternavano ai B.Diamonds quando questi non erano disponibili dato il loro ruolo di difesa dell'arcipelago. Questa pattuglia nacque nel '60, all'epoca in cui la PAF era considerata quella con la migliore professionalità tra le forze aeree asiatiche (!), utilizzando i piloti e gli aerei del 7th TFS, ma venne disattivata nel '74 e poi ricostituita l'11 febbraio 1996 sulla Basa AB.

    C'erano poi il 15th SW (Strike Wing) che da Sangley Point operava con il 16th RAS e 18th TAS, rispettivamente con gli OV-10 (succeduti nel '92 ai T-28 'Tora Tora') con distaccamento a Zamboaga per combattere i guerriglieri del Mindanao nel meridione dell'arcipelago; mentre il secondo aveva gli MD500MG e MD-520 Defender, elicotteri armati. L'indaffatissima forza da trasporto era a Mactan con il 222nd HAS e il 223 TAS con C-130B e H, e superstiti di 12 Nomad N-22B.

    La PAF, che si potrebbe quasi dire: forza aerea Siai-Marchetti, era costituita da:

    • 205th Airlift Wing, Villamor AB, con il 505th ARS su UH-1H e S-76; il 221st ATS su F-27 e F-27MPA; il 252nd HS 'presidenziale' con Bell 412, S-76, F-28, SA-330; 210th HS su UH-1H
    • 220th Heavy Airlift Wing su 222nd HAS con C-130 e L-100, e 223rd TAS su N-22B
    • 15th Strike Wing, di Sangley Point con 16th TAS su OV-10A, e 18th TAS su MD-500MG
    • 5th Fighter Wing di Basa, su 7th TFS con AS.211, 6th TFS con F-5, 105th CCTS su S.211
    • 100th Training Wing di Fernando, con il 101st PTS su T-41D e 102nd TPS su SF-260TP

    E gli aerei:

    Prima linea

    • 11 F-5A e 2 B
    • 21 OV-10A
    • 29 MD-500G e MD-520
    • 10 AS.211

    Addestramento:

    • 9 S.211
    • 6 T-41
    • 16 SF-260TP

    Altro:

    • 9 Fokker F-27
    • 1 Fokker F-28
    • 64 UH-1H
    • 7 Bell Model 205
    • 1 Bell Model 214
    • 10 Sikorsky S-76
    • 1 SA-330L
    • 10 C-130B, H, L-100 , L-200
    • 12 N-22B
    • 1 Sikorsky S-70

    PAF, 2006[5][modifica]

    Dopo la crisi del 1997, le cose per la PAF sono andate anche peggiorando rispetto alla già non esaltante situazione di quella che fino agli anni '80 era considerata come una delle forze aeree più moderne della regione; il 19 dicembre 1996 era stata tuttavia emessa una legge, quella del dicembre 1996, per ammodernare le F.A.; dalla metà degli anni '80 la guerriglia comunista, dopo la 'Rivoluzione EDSA (Rivoluzionedel Potere al Popolo Operaio, di EPifanio de los Santos), è aumentata notevolmente, ma secondo il gen. Reyes, comandate della PAF (o meglio PhAF), con un piano messo 'in atto con decisione' si è riusciti ad eliminare il problema, almeno farlo scemare a livelli meno preoccupanti di quelli che comportano una minaccia alla sicurezza nazionale. Con quali metodi, è meglio non chiedere troppo in dettaglio. Tuttavia, nel 1991 gli USA abbandonarono l'importante base di Clarck AFB e di non rinnovare gli accordi del 1947, che permettevano l'uso americano di diverse basi, il che ha significato mettere tutte le esigenze della difesa addosso alle fragili spalle della PhAF e delle altre F.A. nazionali, tutte più o meno largamente arretrate rispetto ai vicini; con la legge del 1996 (la 7898) è stato messo a punto un progetto su cinque fasi, incluso il 'recupero' degli aeromobili e l'aggiornamento di UH-1 e OV-10. IN tutto si parlava di spendere 330 mld di pesos in 15 anni, senonché la crisi del 1997 fece cadere il valore della moneta nazionale quasi del 50%, e nel contempo negli anni '90 erano sorti altri problemi: la guerriglia comunista aveva ripreso un po' di forza, e peggio che mai, c'era anche il problema dei guerriglieri islamici. Nel frattempo la PhAF è stata ristrutturata con il nuovo Air Defense Command, il Tactical Operation Command, Air Education and Training Command, Air Logistic Support Command, e infine un Air Reserve Command. IL comando della difesa aerea si rivelò inutile dato che la minaccia era essenzialmente interna, e così venne presto sciolto. Dal canto suo, l'Aircraft Recovery Program è stato portato avanti, rimettendo in condizioni di volo ben 32 aerei ed elicotteri, una piccola fortuna per l'aviazione; molti degli oltre 70 UH-1H erano a terra, ma dal 2002 sono stati rimessi in servizio gtrazie al 410th Maintenance Wing di Clark AB, e circa 24 elicotteri prima messi fuori servizio ora sono in condizioni di volare, ma vi sono state revisioni simili anche per gli aerei d'attacco SF-260, S.211, elicotteri S-76, gli aerei da supporto N-22 Nomad e Cessna T-41D. Dal 1997 si era anche deciso che parte degli UH-1 dovesse essere trasformato in 'Huey II', con kit giunti nel 1999, ma installati solo nel 2003, grazie ad un accordo con gli USA; i primi due sono stati messi in servizio dal 2004 con il 505th Search and Rescue Group della Villamor AB, Pasay City, Manila. IL 12 agosto del 2005 è toccato ad un altro vecchio protagonista della PhAF, l'OV-1A, di cui due esemplari venenro consegnati dopo un programma SLEP di aggiornamento (SLEP= Service Life Extension Program), che dovrebbe essere stato fatto ad altri quattro aerei entro il 2006. Vista l'epoca, nell'ottobre del 2003 GW Bush dichiarò che le Filippine facevano parte degli alleati più stretti degli americani, e così ebbero una priorità importante nelle forniture di armi usate; addirittura, al 2006 era atteso un prestito di ben 15 mld di dollari, ma tutto quello che si era ottenuto all'epoca erano tre elicotteri UH-1 con sistemi compatibili per gli NVG; nel frattempo i C-130 filippini erano in revisione.

    2001, le Filippine e la 'War on terror'[6][modifica]

    Con l'avvento della Guerra al Terrore non poteva mancare l'interesse americano per le Filippine. La ragione è quella prima accennata al riguardo della guerriglia islamica. Abu Sayyaf, leader della guerriglia ha confermato il suo appoggio ad A.Q. con un messaggio letto in video da due coniugi americani presi in ostaggio. Le Filippine, però, se da un lato non hanno molte forze armate per affrontare il controllo del territorio, dall'altro non permettono a forze straniere di accedervi- Prima Spagnoli, poi americani, Giapponesi, ancora americani sono un po' troppo per sostenere uno Stato indipendente. La base di Clark e quella di Subic sono state chiuse all'inizio degli anni '90 e gli USA hanno fatto le valigie anche grazie alla solita eruzione del Pinatubo, che ha causato un problema anche agli aeroporti vicini con le sue ceneri vulcaniche. Ma per rientrare 'sotto mentite spoglie' c'è sempre un modo, per esempio organizzare delle 'esercitazioni' che in realtà sono dei veri e propri metodi per attaccare la guerriglia, come quella della foresta a sud dell'isola di Basilan. L'esercitazione BALIKATAN del 2002 è stata frequentata da oltre mille soldati americani, che come al consueto, presentano la caratteristica (quelli impiegati in questa periodica esercitazione) di essere spesso della Riserva: di fatto sono consiglieri militari. Spesso ci sono stati conflitti a fuoco. Un Chinook è caduto apparentemente in maniera accidentale in mare e i 10 a bordo sono morti, di cui solo 3 recuperati assieme ad alcuni rottami. Non è chiaro se la macchina in realtà sia stata colpita e si suppone che fosse un MH-47 del 160th Special Operations Aviation Regiment ovvero il SOAR. Era all'epoca organizzato in ben 3 battaglioni di elicotteri altamente modificati per le incursioni notturne, dai più piccoli ai più grossi (gli MH-47 sono 'corazzate volanti' rispetto agli OH-6). Uno dei suoi battaglioni, il 'Black' era impiegato all'epoca in Afghanistan mentre gli altri due erano a Fort Campbell, Kentucky come sede stanziale, l'altro sarebbe stato normalmente in Georgia.

    Note[modifica]

    1. Fonte Armi da Guerra N.119 (copertina).
    2. Husson, Jean-Pierre: Controguerriglia a Mindanao, PD Nov 1992
    3. Sengupta P. I programmi militari del S. E Asiatico RID Agosto 1993 p. 30
    4. Bottaro Sergio: Philippine Air Force, A&D Feb 1998 p.56-61
    5. Aerei nov-dic 2006
    6. Fassari, Giuseppe: Cosa succede nelle Filippine? Aerei Mag-giu 2002 p.16-17